Carlo Ancelotti, in una intervista rilasciata ai colleghi de Il Giornale, ha ricordato il famoso diktat impostogli da Silvio Berlusconi ai tempi del Milan, quando il Cavaliere lo costringeva a giocare con le due punte: «Lo ricordo perfettamente. E io me la cavai con una furbata perché continuai in molte partite a giocare col famoso “alberello” di Natale, Shevchenko più Kakà e Rui Costa, con un piccolo trucco. Kakà, nell’elenco dei convocati, risultava sempre tra gli attaccanti».

FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it