A.C. Milan

Bah, Minaudo... scrivi diverse cose molto, molto “personali”.

Ad esempio scrivi che il Milan aveva “ la qualificazione CL garantita da tanti rigorini grazie alle simulazioni dei suoi attaccanti (di cui Pippo inzaghi era il Re assoluto). “.

Posso farti notare che noi siamo stati probabilmente la squadra, perlomeno tra le big, che è rimasta più a lungo senza ricevere rigori? Nella fattispecie oltre un anno, dal 24 gennaio 1993 al 13 febbraio 1994? C’è mai stato un digiuno simile per voi o la Juve (e qui mi viene da ridere a scriverlo, anche solo ad immaginare i gobbi tutto quel tempo senza rigori)? E mica c’era stata la terza guerra mondiale con calcio sospeso eh, in quei tredici mesi si parla di 47 partite consecutive senza un rigore. Ed era il Milan delle stagioni 1992/1993 (dove si giocò lo scudo contro di voi) e 1993/1994, il Milan più Berlusconiano che Berlusconiano non si poteva, non era certo il povero e derelitto Milan di Farina o Duina. Poi ci sono stati anni che abbiamo avuto molte spinte, tipo il 2012/2013, non lo nego, ma quegli anni li ce li ricordiamo noi milanisti e se li ricordano (e ce li rinfacciano ) gli avversari , coi gobbi è impossibile o quasi ricordarsi UN anno perché per loro le spinte sono sempre presenti e sempre o quasi nella stessa misura, da sempre. Un dato: negli anni Berlusconiani il Milan è stato la squadra con più rigori in Serie A nei seguenti anni: 1988/89; 1991/92; 1999/2000; 2002/03; 2007/08; 2008/09 2012/13 e 2014/15. 8 anni su 31 di presidenza. E a parte il campionato 2002/2003, negli altri anni il da te citato Inzaghi o non c’era o, quando c’era (tipo il 2007/2008 e 2008/2009) non eravamo competitivi per vincere nulla.

Poi scrivi, riguardo alla partita della lattina, “Beh....Col Marsiglia ci avete provato” si, ci abbiamo provato e siamo stati sacrosantamente puniti, perché si è trattata di una schifezza e di una vergogna totale. Così come, perdonami, lo è stata appunto la faccenda della lattina, e sarebbe stato giusto che anche voi pagaste in quel caso. Era quello il mio discorso. Quello che volevo dire è che né io né te possiamo atteggiarci a verginelle, e se lo facessimo saremmo (entrambi) degli emeriti pirla. Perché non abbiamo i requisiti per farlo, non li ho io da milanista e non li hai tu.

Riguardo poi al derby di Champions, dai, per favore, li non puoi essere serio, non puoi. ???
Cioè, mi scrivi “E con la sceneggiata di Dida che è stramazzato al suolo per sfioramento di un petarduccio di carnevale ci siete pure riusciti......” a parte che Dida in quel derby ha rischiato grosso (e da quel momento, come sanno tutti i tifosi milanisti -forse meno tutti quelli di altre fedi, seguendo ovviamente meno il Milan dei milanisti- non è mai più stato lo stesso ed è diventato un mezzo pericolo pubblico, mentre fino all’euroderby di ritorno era il migliore al mondo insieme a Buffon, e lo era almeno dal 2002), ma poi seriamente vuoi paragonare un episodio successo in un derby di Champions in cui stavate perdendo 0-1, dopo aver perso all’andata 2-0, il che implicava che avreste dovuto farci 4 goals per passare (e perdonami se mi sbilancio e dico che avevate più o meno lo 0,001% di possibilità di riuscirci visto che quel Milan era un vero e proprio dream team), tra l’altro a secondo tempo inoltrato (e falli 4 goals in 30 minuti al Milan che dietro aveva Cafu, Nesta, Stam e Maldini , auguri ?) con un episodio successo in una partita dove stavate perdendo 7-1 e che vi ha permesso di sfangarla? Dai, veramente è irricevibile il paragone e credo e spero che non sia stato fatto seriamente. Anzi, ne sono sicuro, perché pensare il contrario sarebbe un insulto alla tua intelligenza. All’estero quanto fatto dai tifosi interisti in quell’euroderby venne commentato in questo modo https://archive.nytimes.com/www.nytimes.com/iht/2005/04/13/sports/IHT-13soccer.html “As it became clear to the Inter Milan fans that another season would end without a trophy, 15 years of frustration flowed down in flames from the upper deck of the San Siro stadium. “ Non ci avete fatto una bella figura all’estero, credetemi: e si, ti cito sempre l’estero perché non si possa tirare in ballo l’influenza delle tv berlusconiane. Avete fatto la figura dei frustrati che, per lenire la frustrazione, hanno fatto quanto fatto.

Infine, riguardo a questo “
Ora.....ragiona....secondo te uno così....per quel che riguarda la vita "sportiva" cosa fa?
Perché....se ci pensi......il presupposto della "credibilità sportiva" è che lui abbia fatto questo ragionamento: "ok, per fare i soldi, per la politica e per le donne non sto a farmi problemi di morale......ma lo sport è sacro e lì non si ruba, quindi rinuncio a utilizzare i miei mezzucci quando si tratta del Milan...." Tu ci credi?” ti dico che non aveva bisogno di certi mezzucci nello sport per il semplice motivo che poteva comprare il meglio del meglio che c’era. E quando prendi il meglio del meglio che offre il mercato se non vinci un anno vinci quello dopo, ma il risultato è assicurato (semmai, come ti ho detto, si potrebbe discutere molto sulla legittimità e sulla “pulizia” dei soldi coi quali ha finanziato gli acquisti coi quali ha reso nuovamente grande il Milan, su questo sono io il primo a dirlo, visto il personaggio di cui parliamo).

E se avesse avuto la volontà e/o la possibilità di fare certe cose non ci sarebbe stata né la finale con l’OM dei dopati (poi persa, e che fossero dopati come cavalli lo ammettono i giocatori stessi che l’hanno vinta, ti ho postato il link nel post da te quotato) né il furto del 1990 in Italia (perché parliamoci chiaramente, fu un furto colossale, tra la fatal Verona atto II e la monetina di Alemao a Bergamo. Squadre di regime come Real, Gobbi, Bayern ecc MAI hanno perso nella loro storia un campionato in quel modo).

Per quanto riguarda la considerazione internazionale, due osservazioni ti faccio:

1. La considerazione internazionale del Milan è stata indubbiamente spinta in Italia dal fatto che Berlusconi fosse il Re della televisione, non c’è dubbio; non così all’estero, però. All’estero la fama del Milan di quel tempo è molto simile a quella che ha in Italia, e li non c’era la “tv di regime” Berlusconiana ad influenzare le masse. Se sei onesto intellettualmente non puoi non riconoscerlo. Se all’estero il Milan di quel tempo è conosciuto in questo modo https://www.uefa.com/uefachampionsleague/news/0253-0d7ff547ca01-af062fb1225f-1000--the-greatest-teams-of-all-time-ac-milan-1988-90/?referrer=/uefachampionsleague/news/newsid=2213362 e https://colgadosporelfutbol.com/en/el-ac-milan-de-sacchi-reinvento-el-futbol/ ) non è stato certo merito di Mediaset. Il blasone internazionale del Milan all’estero è dovuto a quanto fatto sul rettangolo di gioco, ai campioni avuti, alle vittorie e alla modalità delle stesse (tipo battere il Barca di Cruijff 4-0 senza che avessimo mezza difesa titolare, tanto per fare un esempio, lo stesso Cruijff che giorni prima del match aveva fatto il ganassa con arroganza disgustosa dicendo che erano infinitamente superiori) E vai tranquillo che se quel Milan avesse acchittato la finale con lo Steaua dell’89 (come se ne avesse bisogno :asd: ) anche all’estero lo saprebbero (come sanno, infatti, come mostrerò più avanti, di alcune cose riguardanti l’Inter di Herrera, mentre su quel Milan su non ho mai letto tali insinuazioni, fatte solo in Italia da gobbi e interisti. All’estero la considerazione di quel Milan è come quella che hanno i due interisti che ho in firma, con buona pace tua).

2. Dire “non c’erano le inglesi” è incorretto perché utilizza un plurale che non ha motivo di esistere. ? All’epoca, come saprai, visto che presumo tu non sia un ragazzino, partecipavano solo le scudettate. Quindi mancava l’inglese scudettata di turno, non “le” inglesi. Non era come oggi.Quindi in quelle edizioni della Coppa Campioni mancava la squadra Campione d’Inghilterra, fine. La stessa Coppa Campioni in cui l’Inter che l’anno prima aveva vinto lo scudetto dei record vi parteciperà, nel 1989/1990, rimediando un’umiliante sconfitta col Malmoe ai sedicesimi (una delle tante a livello internazionale, rimasero nella leggenda anche quelle con l’Helsinborg nel 2001, ai gironi nel 2003/2004, col Villareal nel 2005/2006, col Valencia nel 2006/2007 con tanto di rissa finale ecc ecc , e quella era la stessa Inter che a detta di alcuni non vinceva solo per colpa di Berlusconi e Moggi). Evidentemente così facile non era.

Altra cosa: sicuramente ci sono stati campionati tipo il 98/99 dove gli arbitri ci sono stati favorevoli, non lo nego, perché checché se ne possa pensare sono onesto intellettualmente. Ma ce ne sono stati anche tanti, ma tanti, che ci sono stati rubati, mia firma con le parole di Rivera docet. A memoria: 1971/1972, 1972/1973, 2004/2005, 2005/2006 e 2011/2012. Vai tranquillo che se facciamo i conti alla fine quei 18 ci stanno pure stretti (come stanno stretti a voi, visto che a memoria dovreste avere almeno quelli del ‘61, del ‘98 e del 2002), a differenza dei gobbi che da quelli che hanno ne andrebbero tolti almeno una decina abbondante (considerando quelli ciulati a noi, a voi, al Napoli, alla Roma e alla Fiorentina anni ‘80). Poi aldilà delle dicerie sul campionato dell’88, perché di dicerie si tratta, e sono state smentite da tutti https://www.areanapoli.it/intervist...mmettemmo-un-errore-eravamo-morti_322913.html se anche fossero state vere (e non lo sono, e volergli dare credito ad ogni costo non lo trovo corretto, altrimenti io potrei tirare fuori dicerie ben più gravi sull’Inter fatte da personaggi che nell’Inter hanno giocato, https://www.sportskeeda.com/football/you-ought-to-know-more-about-il-caffe-herrera, cosa che non avevo intenzione di fare perché la reputo da miserabili e perché sono attinenti ad un vizio che a quel tempo ritengo purtroppo fosse comune a molte squadre e che quindi nessuna abbia tratto vantaggi significativi da essa. Però Minaudo, tutto questo è per dirti che è meglio non entrare nel viscido e scivoloso campo delle dicerie atte a sminuire i successi altrui, perché si rischia di rimanere impantanati. Oltre ad essere, lo ripeto, una cosa meschina, secondo me. Non l’avrei infatti tirata fuori se tu non avessi tirato fuori dicerie come quella sulla Steaua, che se le racconti all’estero ti ridono dietro e che, ripeto, solo da gobbi e interisti in Italia ho sentito) non avremmo avuto colpa noi della decisione dei giocatori del Napoli di vendersi. In compenso i furti del ‘90 hanno fatto la storia e sono stati ben visibili a tutti (e per Dio, voi che parlate giustamente di quanto vi è stato fatto nel ‘98 -anche se secondo me nel 2002 ci furono furti ancora più colossali ai vostri danni nelle ultime giornate- immaginate se aveste perso uno scudetto nel ‘90 in quel modo, come l’abbiamo perso noi. Chiunque sia onesto intellettualmente non può negare la vergogna di quel campionato, ma quando pensiamo che c’era Moggi al Napoli chiunque, anche chi quel campionato non l’ha vissuto, capisce subito di che cosa si stia parlando ).

Comunque aldilà di tutto, c’è una lunga storia da scrivere ancora, come ti dicevo, vedremo chi scriverà più pagine della storia del calcio negli anni ‘20, ‘30, ‘40, ‘50 ecc del XXI secolo.

Ah, ultima cosa: non ho mai detto che le vittorie nel derby non contino un *****? anzi, ogni vittoria nel derby rimane scolpita nella memoria, per ovvi motivi. Il derby è un campionato nel campionato, soprattutto per un milanese (e io lo sono, sebbene non ci viva più dal 2001). Ho detto però che non c’è tanto da vantarsi di aver dominato il Milan nelle stracittadine dell’era più derelitta del calcio milanese (l’apice dell’infamia furono i derby del 2014/2015, con entrambe le squadre che erano delle vere e proprie discariche di cessi orrendi e osceni in ogni ruolo del campo) se nel frattempo su nessuna sponda del Naviglio si è vinto una mazza. ?. Cioè, è roba molto da Riomma e Lazzie (Lazzie che ha vinto più di Milan e Inter messe assieme dal post-2011, ma non ci vergogniamo, ragazzi? ???) . Da guerra tra poveri (cosa che in effetti i derby dell’ultimo decennio sono stati). Il discorso era “non c’è molto da vantarsi di essere stati solo un po’ meno derelitti del Milan più derelitto della storia ( al pari di quello della prima metà anni ‘80) “ . Manco fossimo due barboni uno dei quali si vanta del fatto che ogni tanto riesce a farsi una dormita in un ostello semidecente mentre l’altro ha dormito all’addiaccio tutto l’anno.?


?Guarda, te lo l’ho già detto, il nostro scudetto è il ritorno in CL, poi se questo ritorno dovesse avvenire in qualunque posizione superiore alla quarta sarebbe tutto di guadagnato, ma assolutamente non è una cosa “pretesa”. Di sicuro, in ossequio al detto “shoot for the moon: even if you miss, you’ll land among the stars” noi non ci poniamo limiti, anche perché è Zlatan stesso che non se li pone. I limiti, al massimo, ci penserà il campo ad imporceli. E sarà il campo a decretare quali saranno le impornostre reali e realistiche ambizioni.

Sinceramente non credo accadrà, specie finché restiamo con Billy Elliott. Ma se dovesse accadere che i Casciavit bbilanisti vincessero un trofeo importante prima di voi mentre sono ancora in mano ad un fondo speculativo (che si interessa così tanto al Milan da non essere manco presente ai derby del pre-Covid https://www.milannews24.com/paul-e-gordon-singer-non-saranno-a-san-siro-per-il-derby/ ??? ) e voi in mano ad un colosso come Suning, beh... sarebbe molto grave. Non credo accadrà, ma se dovesse accadere... ehehehehehe ?.
Rispondo solo alle cose più importanti----

Questione rigorini: tu mi citi il periodo precedente a quello dell'entrata in politica di Berlusconi. Se ti parlo di Inzaghi significa che io invece mi riferisco ad un altro periodo: ossia quello dell'accordo spartitorio fra Moggi e Galliani.
Quello in cui il BBilan è stata la squadra più favorita in questa particolare classifica. Ma questo lo diciamo non perchè i rigori erano tanti.....ma per aver visto tanti episodi alla moviola in cui i cascatori rossoneri non sono stai molto "convincenti" nella caduta, nonostante la legittimazione televisiva da parte dei giornalisti mediaset, in evidente conflitto di interessi.
Per quel che riguarda invece quello che dici tu, ossia la mancanza di rigori nel periodo di Capello.....quella era una fissazione del vostro ex allenatore per mettere sotto pressione gli arbitri (mentre intanto i guardalinee fermavano gli attaccanti avversari obbedendo al braccio alzato di capitan Baresi). Anche perchè a fronte di pochi rigori a favore non ricordo episodi eclatanti in cui è stato negato qualche rigore al bbilan....Capello voleva dei rigori, così a prescindere....come se fosse un atto dovuto in base al periodo di stazionamento in area.
Sintetizzando....un conto è parlare di episodi......dove è possibile evidenziare la simulazione e la svista arbitrale....altra cosa (ed è quello che facevano sempre Capello e Franco Baresi sopratutto nelle conferenze stampa pre derby) era chiedere rigori così.........sulla fiducia....come se fossero un diritto acquisito per il fatto di aver attaccato di più.... :ghigno

Questione prestigio internazionale: da fuori posso anche capire che molti non abbiano ben compreso cosa ci fosse sotto le vittorie del Bbilan berlusconiano, anche se cmq, per quel che riguarda la finale con la steaua, per esempio, credo che tutti o quasi i romeni che seguivano il calcio in quel periodo siano convinti che la loro squadra si sia venduta la partita. Non danno la colpa ai giocatori solo perchè ritengono che la colpa non sia loro ma che abbiano ricevuto degli ordino dall'alto.
Con questo cmq non voglio dire che tutte le vittorie di quel BBilan siano farlocche. Per esempio sul 4-0 al barcellona credo ci sia poco da dire. Ma forse se non ci fosse state le paraculate precedenti (camorra, nebbia, ammorbidimento economico dei rumeni) la squadra di capello avrebbe avuto meno "mentalità vincente" in campo o comunque la sua impresa sarebbe stata considerato soltanto un exploit estemporaneo.

Questione nebbia, lattina, petardi, riflettori e "vergogna": il nesso comune di tutte queste vicende è costituito "dall'Imprevisto extracampo" che influisce sull'andamento e sul risultato della partita. Quello che cambia però è la responsabilità del fattore extracampo e le conseguenze. Il Bbilan ha usufruito di un fattore extracampo (di cui peraltro la responsabilità non era dell'avversario) per ottenere la ripetizione di una partita quasi alla fine in cui stava giocando in 10 contro 11 per espulsione di Virdis con poche possibilità di ribaltare il risultato. Diciamo che questo non è una vergona ma solo culo....però è capitato solo al bbilan nella storia del calcio.
La lattina (che tu consideri vergona ma secondo me non lo è) è un fatto di cui è responsabile il pubblico (e quindi la società di casa) fra l'altro avvenuta sul risultato di 2-1 per i tedeschi, non 7-1. Il giocatore colpito non era più (veramente) in condizione di giocare, è stato individuato anche il responsabile del gesto e nonostante tutto....anzichè assegnarci una sacrosanta vittoria a tavolino abbiamo dovuto rigiocare la partita. Il 7-1 è arrivato non perchè il borussia era più forte ma perchè dopo quell'episodio (avvenuto nel primo tempo) i giocatori hanno smesso di giocare sapendo che la partita non sarebbe stata valida.
Il petardo di Dida può essere considerato un fatto analogo con le seguenti differenze: 1) Boninsegna non ha fatto una sceneggiata, Dida si....poteva tranquillamente continuare. 2) il BBilan ha ottenuto la vittoria a tavolino per quella partita per molto meno rispetto a noi col Burussia, che abbiamo dovuto rigiocarla. 3) La vera vergogna di quella partita (che poi è il motivo per cui gli ultras della curva hanno lanciato i petardi è che fino a quel momento il Bbilan era in vantaggio per evidenti e clamorose sviste arbitrali (gol annullato inspiegabilmente a Cambiasso e mancata espulsione di Sheva per fallo di reazione su Materazzi), mentre la stampa di regime ha voluto in qualche modo far passare il concetto che il tutto fosse una conseguenza della frustrazione per inferiorità nei confronti del BBilan. Quando poi alla fine dell'anno alla conta di chi ha vinto più trofei eravamo noi quelli superiori.....? per la cronaca...
Tutti questi fatti comunque non sono nulla (in termini di vergogna) rispetto a Marsiglia. Lì il BBilan ha mostrato la sua vera faccia.... Siccome gli era andata bene con la nebbia...hanno pensato che si potesse sfruttare questa cosa del riflettore leggermente malfunzionante per ottenere un nuovo vantaggio sul campo.
Così come nessun'altra squadra ha avuto lo stesso culo del milan con la nebbia credo che nessun'altra squadra (tranne forse quella di un emiro arabo) abbia fatto la stessa figura di ***** .......
Quindi in conclusione.....credo che il tuo problema sia che fai un pò di fatica a distinguere la cioccolata dalla *****.......:ghigno

E lo si vede anche da come cerchi di mettere sullo stesso piano le stronzate sul caffè di Herrera (ma allora la carne agli ormoni della macelleria di Rocco?) con i sospetti molto più fondati e circostanziati che riguardano trofei più recenti.

Entriamoci eccome ne viscido quindi....noi non abbiamo nulla da perdere.....voi si....?

Dove invece dici che i trofei del BBilan (sia scudetti che coppe)....ti vanno stretti e potevano essere di più...beh.........comicità pura.....:ghigno:ghigno:ghigno:ghigno
 
i petardi...


comunque concordo con minaudo, paragonare una roba dovuta alla pazzia degli ultrà a fattori extracampo che ti fanno rigiocare la partita non ha senso
Fattori completamente diversi e nel secondo caso è semplicemente un episodio fortunoso

Fortunoso come quando nel 2003 con due pareggi passi il turno per la regola del gol fuori casa quando, a tutti gli effetti in quelle due partite , tutte e due le squadre erano in casa praticamente parlando

Regola che nelle concittadine non ha mai avuto alcun senso, ma tant è :ghigno
 
Rispondo solo alle cose più importanti----

Questione rigorini: tu mi citi il periodo precedente a quello dell'entrata in politica di Berlusconi. Se ti parlo di Inzaghi significa che io invece mi riferisco ad un altro periodo: ossia quello dell'accordo spartitorio fra Moggi e Galliani.
Quello in cui il BBilan è stata la squadra più favorita in questa particolare classifica. Ma questo lo diciamo non perchè i rigori erano tanti.....ma per aver visto tanti episodi alla moviola in cui i cascatori rossoneri non sono stai molto "convincenti" nella caduta, nonostante la legittimazione televisiva da parte dei giornalisti mediaset, in evidente conflitto di interessi.
Per quel che riguarda invece quello che dici tu, ossia la mancanza di rigori nel periodo di Capello.....quella era una fissazione del vostro ex allenatore per mettere sotto pressione gli arbitri (mentre intanto i guardalinee fermavano gli attaccanti avversari obbedendo al braccio alzato di capitan Baresi). Anche perchè a fronte di pochi rigori a favore non ricordo episodi eclatanti in cui è stato negato qualche rigore al bbilan....Capello voleva dei rigori, così a prescindere....come se fosse un atto dovuto in base al periodo di stazionamento in area.
Sintetizzando....un conto è parlare di episodi......dove è possibile evidenziare la simulazione e la svista arbitrale....altra cosa (ed è quello che facevano sempre Capello e Franco Baresi sopratutto nelle conferenze stampa pre derby) era chiedere rigori così.........sulla fiducia....come se fossero un diritto acquisito per il fatto di aver attaccato di più.... :ghigno

Questione prestigio internazionale: da fuori posso anche capire che molti non abbiano ben compreso cosa ci fosse sotto le vittorie del Bbilan berlusconiano, anche se cmq, per quel che riguarda la finale con la steaua, per esempio, credo che tutti o quasi i romeni che seguivano il calcio in quel periodo siano convinti che la loro squadra si sia venduta la partita. Non danno la colpa ai giocatori solo perchè ritengono che la colpa non sia loro ma che abbiano ricevuto degli ordino dall'alto.
Con questo cmq non voglio dire che tutte le vittorie di quel BBilan siano farlocche. Per esempio sul 4-0 al barcellona credo ci sia poco da dire. Ma forse se non ci fosse state le paraculate precedenti (camorra, nebbia, ammorbidimento economico dei rumeni) la squadra di capello avrebbe avuto meno "mentalità vincente" in campo o comunque la sua impresa sarebbe stata considerato soltanto un exploit estemporaneo.

Questione nebbia, lattina, petardi, riflettori e "vergogna": il nesso comune di tutte queste vicende è costituito "dall'Imprevisto extracampo" che influisce sull'andamento e sul risultato della partita. Quello che cambia però è la responsabilità del fattore extracampo e le conseguenze. Il Bbilan ha usufruito di un fattore extracampo (di cui peraltro la responsabilità non era dell'avversario) per ottenere la ripetizione di una partita quasi alla fine in cui stava giocando in 10 contro 11 per espulsione di Virdis con poche possibilità di ribaltare il risultato. Diciamo che questo non è una vergona ma solo culo....però è capitato solo al bbilan nella storia del calcio.
La lattina (che tu consideri vergona ma secondo me non lo è) è un fatto di cui è responsabile il pubblico (e quindi la società di casa) fra l'altro avvenuta sul risultato di 2-1 per i tedeschi, non 7-1. Il giocatore colpito non era più (veramente) in condizione di giocare, è stato individuato anche il responsabile del gesto e nonostante tutto....anzichè assegnarci una sacrosanta vittoria a tavolino abbiamo dovuto rigiocare la partita. Il 7-1 è arrivato non perchè il borussia era più forte ma perchè dopo quell'episodio (avvenuto nel primo tempo) i giocatori hanno smesso di giocare sapendo che la partita non sarebbe stata valida.
Il petardo di Dida può essere considerato un fatto analogo con le seguenti differenze: 1) Boninsegna non ha fatto una sceneggiata, Dida si....poteva tranquillamente continuare. 2) il BBilan ha ottenuto la vittoria a tavolino per quella partita per molto meno rispetto a noi col Burussia, che abbiamo dovuto rigiocarla. 3) La vera vergogna di quella partita (che poi è il motivo per cui gli ultras della curva hanno lanciato i petardi è che fino a quel momento il Bbilan era in vantaggio per evidenti e clamorose sviste arbitrali (gol annullato inspiegabilmente a Cambiasso e mancata espulsione di Sheva per fallo di reazione su Materazzi), mentre la stampa di regime ha voluto in qualche modo far passare il concetto che il tutto fosse una conseguenza della frustrazione per inferiorità nei confronti del BBilan. Quando poi alla fine dell'anno alla conta di chi ha vinto più trofei eravamo noi quelli superiori.....? per la cronaca...
Tutti questi fatti comunque non sono nulla (in termini di vergogna) rispetto a Marsiglia. Lì il BBilan ha mostrato la sua vera faccia.... Siccome gli era andata bene con la nebbia...hanno pensato che si potesse sfruttare questa cosa del riflettore leggermente malfunzionante per ottenere un nuovo vantaggio sul campo.
Così come nessun'altra squadra ha avuto lo stesso culo del milan con la nebbia credo che nessun'altra squadra (tranne forse quella di un emiro arabo) abbia fatto la stessa figura di ***** .......


E lo si vede anche da come cerchi di mettere sullo stesso piano le stronzate sul caffè di Herrera (ma allora la carne agli ormoni della macelleria di Rocco?) con i sospetti molto più fondati e circostanziati che riguardano trofei più recenti.

Entriamoci eccome ne viscido quindi....noi non abbiamo nulla da perdere.....voi si....?

Dove invece dici che i trofei del BBilan (sia scudetti che coppe)....ti vanno stretti e potevano essere di più...beh.........comicità pura.....:ghigno:ghigno:ghigno:ghigno
la nebbia di belgrado fu uno scandalo....senza quello non sarebbe mai iniziato il ciclo di sacchi
 
la nebbia di belgrado fu uno scandalo....senza quello non sarebbe mai iniziato il ciclo di sacchi

Per come la vedo io.....diciamo che il bbilan ha usufruito di un regolamento favorevole per cui ha potuto rigiocarsi la partita dove è stata eliminata. Cosa mai successa ad altre squadre (magari avessimo potuto noi rigiocarci il ritorno col Malmoe per esempio).
E l'hanno sfruttata fino alla fine (magari aggiungendoci una profumatissima "mancia" nella finale).
Ci può anche stare questo.....ma non ci sta considerare un trofeo vinto in questo modo come legittimazione di grandezza calcistica....
Perchè il problema è che loro (sulla falsa riga dei commentatori mediaset) utilizzano questa vittoria e quelle ottenute su questa scia per dire che il BBilan è stata la squadra più forte di tutti i tempi.
Quando una vittoria ottenuta in questo modo vale meno di una qualsiasi delle coppe uefa da noi vinte negli anni 90....che


Aggiungo anche che non solo senza la nebbia non ci sarebbe stato il ciclo di sacchi. Ma anche la figura di ***** di marsiglia...perchè loro pensavano di rifare la stessa cosa anche lì.
C'è da dire però che senza lo scudetto della camorra magari la partita della nebbia non ci sarebbe stata.... :ghigno
 
Ultima modifica:
Per come la vedo io.....diciamo che il bbilan ha usufruito di un regolamento favorevole per cui ha potuto rigiocarsi la partita dove è stata eliminata. Cosa mai successa ad altre squadre (magari avessimo potuto noi rigiocarci il ritorno col Malmoe per esempio).
E l'hanno sfruttata fino alla fine (magari aggiungendoci una profumatissima "mancia" nella finale).
Ci può anche stare questo.....ma non ci sta considerare un trofeo vinto in questo modo come legittimazione di grandezza calcistica....
Perchè il problema è che loro (sulla falsa riga dei commentatori mediaset) utilizzano questa vittoria e quelle ottenute su questa scia per dire che il BBilan è stata la squadra più forte di tutti i tempi.
Quando una vittoria ottenuta in questo modo vale meno di una qualsiasi delle coppe uefa da noi vinte negli anni 90....
tra l'altro vinsero solo con i rigori

solito culo....e temo per questa stagione
 
Questione rigorini: tu mi citi il periodo precedente a quello dell'entrata in politica di Berlusconi. Se ti parlo di Inzaghi significa che io invece mi riferisco ad un altro periodo: ossia quello dell'accordo spartitorio fra Moggi e Galliani.
Quello in cui il BBilan è stata la squadra più favorita in questa particolare classifica. Ma questo lo diciamo non perchè i rigori erano tanti.....ma per aver visto tanti episodi alla moviola in cui i cascatori rossoneri non sono stai molto "convincenti" nella caduta, nonostante la legittimazione televisiva da parte dei giornalisti mediaset, in evidente conflitto di interessi.
Per quel che riguarda invece quello che dici tu, ossia la mancanza di rigori nel periodo di Capello.....quella era una fissazione del vostro ex allenatore per mettere sotto pressione gli arbitri (mentre intanto i guardalinee fermavano gli attaccanti avversari obbedendo al braccio alzato di capitan Baresi). Anche perchè a fronte di pochi rigori a favore non ricordo episodi eclatanti in cui è stato negato qualche rigore al bbilan....Capello voleva dei rigori, così a prescindere....come se fosse un atto dovuto in base al periodo di stazionamento in area.
Sintetizzando....un conto è parlare di episodi......dove è possibile evidenziare la simulazione e la svista arbitrale....altra cosa (ed è quello che facevano sempre Capello e Franco Baresi sopratutto nelle conferenze stampa pre derby) era chiedere rigori così.........sulla fiducia....come se fossero un diritto acquisito per il fatto di aver attaccato di più.... :ghigno

Questione prestigio internazionale: da fuori posso anche capire che molti non abbiano ben compreso cosa ci fosse sotto le vittorie del Bbilan berlusconiano, anche se cmq, per quel che riguarda la finale con la steaua, per esempio, credo che tutti o quasi i romeni che seguivano il calcio in quel periodo siano convinti che la loro squadra si sia venduta la partita. Non danno la colpa ai giocatori solo perchè ritengono che la colpa non sia loro ma che abbiano ricevuto degli ordino dall'alto.
Con questo cmq non voglio dire che tutte le vittorie di quel BBilan siano farlocche. Per esempio sul 4-0 al barcellona credo ci sia poco da dire. Ma forse se non ci fosse state le paraculate precedenti (camorra, nebbia, ammorbidimento economico dei rumeni) la squadra di capello avrebbe avuto meno "mentalità vincente" in campo o comunque la sua impresa sarebbe stata considerato soltanto un exploit estemporaneo.

Questione nebbia, lattina, petardi, riflettori e "vergogna": il nesso comune di tutte queste vicende è costituito "dall'Imprevisto extracampo" che influisce sull'andamento e sul risultato della partita. Quello che cambia però è la responsabilità del fattore extracampo e le conseguenze. Il Bbilan ha usufruito di un fattore extracampo (di cui peraltro la responsabilità non era dell'avversario) per ottenere la ripetizione di una partita quasi alla fine in cui stava giocando in 10 contro 11 per espulsione di Virdis con poche possibilità di ribaltare il risultato. Diciamo che questo non è una vergona ma solo culo....però è capitato solo al bbilan nella storia del calcio.
La lattina (che tu consideri vergona ma secondo me non lo è) è un fatto di cui è responsabile il pubblico (e quindi la società di casa) fra l'altro avvenuta sul risultato di 2-1 per i tedeschi, non 7-1. Il giocatore colpito non era più (veramente) in condizione di giocare, è stato individuato anche il responsabile del gesto e nonostante tutto....anzichè assegnarci una sacrosanta vittoria a tavolino abbiamo dovuto rigiocare la partita. Il 7-1 è arrivato non perchè il borussia era più forte ma perchè dopo quell'episodio (avvenuto nel primo tempo) i giocatori hanno smesso di giocare sapendo che la partita non sarebbe stata valida.
Il petardo di Dida può essere considerato un fatto analogo con le seguenti differenze: 1) Boninsegna non ha fatto una sceneggiata, Dida si....poteva tranquillamente continuare. 2) il BBilan ha ottenuto la vittoria a tavolino per quella partita per molto meno rispetto a noi col Burussia, che abbiamo dovuto rigiocarla. 3) La vera vergogna di quella partita (che poi è il motivo per cui gli ultras della curva hanno lanciato i petardi è che fino a quel momento il Bbilan era in vantaggio per evidenti e clamorose sviste arbitrali (gol annullato inspiegabilmente a Cambiasso e mancata espulsione di Sheva per fallo di reazione su Materazzi), mentre la stampa di regime ha voluto in qualche modo far passare il concetto che il tutto fosse una conseguenza della frustrazione per inferiorità nei confronti del BBilan. Quando poi alla fine dell'anno alla conta di chi ha vinto più trofei eravamo noi quelli superiori.....? per la cronaca...
Tutti questi fatti comunque non sono nulla (in termini di vergogna) rispetto a Marsiglia. Lì il BBilan ha mostrato la sua vera faccia.... Siccome gli era andata bene con la nebbia...hanno pensato che si potesse sfruttare questa cosa del riflettore leggermente malfunzionante per ottenere un nuovo vantaggio sul campo.
Così come nessun'altra squadra ha avuto lo stesso culo del milan con la nebbia credo che nessun'altra squadra (tranne forse quella di un emiro arabo) abbia fatto la stessa figura di ***** .......
Quindi in conclusione.....credo che il tuo problema sia che fai un pò di fatica a distinguere la cioccolata dalla *****.......:ghigno

Quello in cui il BBilan è stata la squadra più favorita in questa particolare classifica. Ma questo lo diciamo non perchè i rigori erano tanti.....ma per aver visto tanti episodi alla moviola in cui i cascatori rossoneri non sono stai molto "convincenti" nella caduta, nonostante la legittimazione televisiva da parte dei giornalisti mediaset, in evidente conflitto di interessi.
Per quel che riguarda invece quello che dici tu, ossia la mancanza di rigori nel periodo di Capello.....quella era una fissazione del vostro ex allenatore per mettere sotto pressione gli arbitri (mentre intanto i guardalinee fermavano gli attaccanti avversari obbedendo al braccio alzato di capitan Baresi). Anche perchè a fronte di pochi rigori a favore non ricordo episodi eclatanti in cui è stato negato qualche rigore al bbilan....Capello voleva dei rigori, così a prescindere....come se fosse un atto dovuto in base al periodo di stazionamento in area.
Sintetizzando....un conto è parlare di episodi......dove è possibile evidenziare la simulazione e la svista arbitrale....altra cosa (ed è quello che facevano sempre Capello e Franco Baresi sopratutto nelle conferenze stampa pre derby) era chiedere rigori così.........sulla fiducia....come se fossero un diritto acquisito per il fatto di aver attaccato di più.... :ghigno

Questione prestigio internazionale: da fuori posso anche capire che molti non abbiano ben compreso cosa ci fosse sotto le vittorie del Bbilan berlusconiano, anche se cmq, per quel che riguarda la finale con la steaua, per esempio, credo che tutti o quasi i romeni che seguivano il calcio in quel periodo siano convinti che la loro squadra si sia venduta la partita. Non danno la colpa ai giocatori solo perchè ritengono che la colpa non sia loro ma che abbiano ricevuto degli ordino dall'alto.
Con questo cmq non voglio dire che tutte le vittorie di quel BBilan siano farlocche. Per esempio sul 4-0 al barcellona credo ci sia poco da dire. Ma forse se non ci fosse state le paraculate precedenti (camorra, nebbia, ammorbidimento economico dei rumeni) la squadra di capello avrebbe avuto meno "mentalità vincente" in campo o comunque la sua impresa sarebbe stata considerato soltanto un exploit estemporaneo.

Questione nebbia, lattina, petardi, riflettori e "vergogna": il nesso comune di tutte queste vicende è costituito "dall'Imprevisto extracampo" che influisce sull'andamento e sul risultato della partita. Quello che cambia però è la responsabilità del fattore extracampo e le conseguenze. Il Bbilan ha usufruito di un fattore extracampo (di cui peraltro la responsabilità non era dell'avversario) per ottenere la ripetizione di una partita quasi alla fine in cui stava giocando in 10 contro 11 per espulsione di Virdis con poche possibilità di ribaltare il risultato. Diciamo che questo non è una vergona ma solo culo....però è capitato solo al bbilan nella storia del calcio.
La lattina (che tu consideri vergona ma secondo me non lo è) è un fatto di cui è responsabile il pubblico (e quindi la società di casa) fra l'altro avvenuta sul risultato di 2-1 per i tedeschi, non 7-1. Il giocatore colpito non era più (veramente) in condizione di giocare, è stato individuato anche il responsabile del gesto e nonostante tutto....anzichè assegnarci una sacrosanta vittoria a tavolino abbiamo dovuto rigiocare la partita. Il 7-1 è arrivato non perchè il borussia era più forte ma perchè dopo quell'episodio (avvenuto nel primo tempo) i giocatori hanno smesso di giocare sapendo che la partita non sarebbe stata valida.
Il petardo di Dida può essere considerato un fatto analogo con le seguenti differenze: 1) Boninsegna non ha fatto una sceneggiata, Dida si....poteva tranquillamente continuare. 2) il BBilan ha ottenuto la vittoria a tavolino per quella partita per molto meno rispetto a noi col Burussia, che abbiamo dovuto rigiocarla. 3) La vera vergogna di quella partita (che poi è il motivo per cui gli ultras della curva hanno lanciato i petardi è che fino a quel momento il Bbilan era in vantaggio per evidenti e clamorose sviste arbitrali (gol annullato inspiegabilmente a Cambiasso e mancata espulsione di Sheva per fallo di reazione su Materazzi), mentre la stampa di regime ha voluto in qualche modo far passare il concetto che il tutto fosse una conseguenza della frustrazione per inferiorità nei confronti del BBilan. Quando poi alla fine dell'anno alla conta di chi ha vinto più trofei eravamo noi quelli superiori.....? per la cronaca...
Tutti questi fatti comunque non sono nulla (in termini di vergogna) rispetto a Marsiglia. Lì il BBilan ha mostrato la sua vera faccia.... Siccome gli era andata bene con la nebbia...hanno pensato che si potesse sfruttare questa cosa del riflettore leggermente malfunzionante per ottenere un nuovo vantaggio sul campo.
Così come nessun'altra squadra ha avuto lo stesso culo del milan con la nebbia credo che nessun'altra squadra (tranne forse quella di un emiro arabo) abbia fatto la stessa figura di ***** .......
Quindi in conclusione.....credo che il tuo problema sia che fai un pò di fatica a distinguere la cioccolata dalla *****.......:ghigno

E lo si vede anche da come cerchi di mettere sullo stesso piano le stronzate sul caffè di Herrera (ma allora la carne agli ormoni della macelleria di Rocco?) con i sospetti molto più fondati e circostanziati che riguardano trofei più recenti.

Entriamoci eccome ne viscido quindi....noi non abbiamo nulla da perdere.....voi si....?

Dove invece dici che i trofei del BBilan (sia scudetti che coppe)....ti vanno stretti e potevano essere di più...beh.........comicità pura.....:ghigno:ghigno:ghigno:ghigno
Parto dalla fine: sospetti molto più fondati e circostanziati de che, che all’estero non ne parla nessuno e sono cose tirate fuori solo in Italia da (alcuni) interisti e (alcuni) gobbi? Mi dispiace ma nessuno può modificare la realtà, del caffè di Herrera ne parlano anche all’estero (https://www.sportskeeda.com/football/you-ought-to-know-more-about-il-caffe-herrera ) , oltre che in Italia, qui https://espresso.repubblica.it/attu...nter-aveva-ragione-ferruccio-mazzola-1.238101 e qui https://www.avvenire.it/agora/pagine/palla-avvelenata-fratelli-mazzola . Cito le parole di Sandro Mazzola dall’ultimo articolo linkato “ «Sul doping mio fratello Ferruccio aveva ragione, le cose sono vere: negli ultimi anni hanno abbiamo avuto un conflitto, ma alla fine, alla sua fine, ci siamo ritrovati. Io ad un certo punto cominciai ad avere, in campo, dei fortissimi giramenti di testa. Andai dal medico che mi fece fare tutte le analisi e mi disse che dovevo fermarmi, che avevo problemi grossi. Mi disse che dovevo stare fuori almeno sei mesi. Ma questo Herrera non lo voleva. Da dove nascevano quei valori sballati? Non lo so. Ma so che, prima della partita, ci davano sempre un caffè. Non so cosa ci fosse dentro. Ricordo che un mio compagno, Szymaniak, mi chiese se prendevo la simpamina. Io non sapevo cosa fosse ma qualcosa che non andava, qualcosa di strano, c’era». E Tutto quello che ha confermato Sandro, mio padre aveva avuto il coraggio di dirlo in tv nel 2004 a Domenica in [davanti a un interista scioccato, Paolo Bonolis, ndr] e di pubblicarlo in un libro autobiografico, Il terzo incomodo (Bradipolibri) per il quale poi dovette subire un processo civile da parte dell’Inter». La richiesta dell’accusa era di un milione di euro di risarcimento, poi il Tribunale di Roma emise la sentenza di assoluzione per Ferruccio in quanto aveva detto la verità, nient’altro che la verità.
La verità, caro Minaudo, la verità.


Invece mai ho sentito mettere in dubbio fuori dall’Italia la Coppa Campioni dell’89. Mai. Né ho letto articoli (seri o no, italiani o stranieri, di nessun tipo) al riguardo. Fattene una ragione. Poi io stesso ho detto che probabilmente all’epoca ciò che faceva l’Inter di Herrera lo facevano anche altre squadre, visto che non c’erano certo i controlli antidoping che poi ci saranno negli anni ‘80 e a seguire. Quindi è assai probabile che non ne abbiate tratto un vantaggio consistente sugli avversari. Questo l’ho detto, sai perché? Perché non sento il bisogno di sminuire le vittorie altrui per sentirmi meglio.

La Coppa Campioni dell’89 è solo messa in dubbio da alcuni interisti e alcuni juventini, anche perché chi l’ha seguita e ha onestà intellettuale non può non riconoscere che un club disposto a pagare gli arbitri e/o squadre avversarie affinché si vendessero si sarebbe messo in condizione di non subire arbitraggi del genere


Tra l’altro Pizzul ricorda come ci venne annullato un goal simile anche a Belgrado nella ripetizione, e poi più avanti ci verrà annullato un goal regolarissimo in semifinale d’andata col Real, per fuorigioco inesistente. Se il Milan fosse stato disposto a tutto pur di vincere si sarebbe messo in condizione di non subire arbitraggi del genere, che hanno rischiato seriamente di compromettere quella stagione europea.

Ed è così perché è la logica a comandarlo. Come se poi il Milan capace di battere 5-0 il Real Madrid avesse bisogno di ammorbire economicamente una squadra come la Steaua, spero tu ti renda conto di quanto ciò suona ridicolo. ?
Ma infatti solo alcuni gobbi e alcuni interisti frustrati dai propri insuccessi cercano di sporcarla. All’estero una roba del genere manco si sognano di dirla.

Questione scudetto 1988: ti ribadisco che i diretti interessati hanno già smentito, come si può leggere dettagliatamente qui https://www.areanapoli.it/rassegna-...l-nemico-del-napoli-di-oggi-che-e_347824.html (e che anche se fosse stato vero, e non lo è, la società AC Milan non sarebbe stata responsabile della decisione dei giocatori napoletani di vendersi) . Perciò ti ripeto e ribadisco: la strada che porta alla denigrazione e allo sminuire i successi altrui è fangosa, e rischia di farti rimanere impantanato in essa, come ti ho mostrato ad inizio post.

Questione Belgrado: ti riconosco l’onestà intellettuale di ammettere che fu culo, e non una ladrata. Io quel nebbione infernale che calò all’improvviso, al punto tale che manco l’arbitro vedeva più le azioni di gioco (segno evidente che non si potesse proseguire) l’ho sempre visto come segno del destino.

Questione Marsiglia e partita della lattina (la lattina vuota e accartocciata che colpì Boninsegna, proprio una roba tosta, vuoi mettere col petardo che colpì Dida ?) : no, qui non sono d’accordo. La partita della lattina è stata ripetuta sfruttando l’abilità di Avvocato di Prisco, ma non era assolutamente ovvio che sarebbe stata ripetuta, anche perché la legislazione UEFA dell’epoca era lacunosa. Diciamocelo: è stata una bella porcata, una porcata all’italiana (chi ne è stato vittima la ricorda così https://it.blastingnews.com/calcio/...ttina-non-perdonero-mai-linter-003219060.html ) vi è andata bene e Amen. Tentare di riscrivere la storia facendola passare pure per una cosa buona anche no. A Marsiglia noi tentammo un’infamata e venimmo giustamente puniti (a ulteriore dimostrazione che tutto questo potere non lo avevamo, altrimenti ci sarebbe andata bene in un modo o nell’altro). Così come quando arrivammo terzultimi in Serie A venimmo retrocessi. A differenza di altri capaci di arrivare ultimi senza retrocedere. Noi sbagliamo si, però quando succede paghiamo.

Questione rigori nel periodo Moggi: in quel periodo gli anni in cui avemmo più rigori in Serie A furono il 1999/2000, il 2002/2003, il 2007/2008, il 2008/2009, il 2012/2013 e il 2014/2015. Tutti anni in cui non eravamo competitivi (tranne il 2002/2003). Mai quando abbiamo vinto scudetti (addirittura in alcuni di quegli anni arrivammo pure fuori dalla CL, tipo il 2007/2008 e il 2014/2015).

Questione euroderby: Sheva aveva solo fatto il gesto, manco l’aveva toccato Materazzi, ed eravamo già sullo 0-1 per noi, quindi avreste dovuto fare 4 goals per ribaltare la partita. Il goal annullato a Cambiasso era regolare? Si, ma questo di sicuro non giustifica quanto successo, noi quando a Barcellona l’anno dopo ci annullarono un goal regolarissimo di Sheva al ritorno
(e sarebbe stato il goal del pareggio, mentre quello di Cambiasso era il primo di 4 goals che avrebbero dovuto essere segnati contro Cafu, Stam, Nesta e Maldini nei 17 minuti che rimanevano, visto che quel goal ci fu passato il settantesimo: auguroni) non ci azzardammo a fare quanto fatto da voi. Perché sappiamo che sono cose che possono succedere, a volte a favore a volte contro (anche se al Barca più spesso a favore che contro, tanto da essere chiamati UEFAlona dai tifosi di altre squadre sia spagnole che inglesi che italiane). E ripeto, ti ho citato articoli esteri sulla questione dove siete stati descritti, per quell’episodio, come una tifoseria frustrata da tre lustri di insuccessi in patria e fuori, quindi se solo alcuni (grazie a Dio solo alcuni) di voi hanno il coraggio di leggerlo pure in maniera positiva e/o come prova di qualche complotto anti-Inter (quando uscivate col Villareal, col Valencia, col Malmoe, quando retrocedevate in UEFA nel 2003/2004 non passando i gironidi CL, con una squadra costruita coi miliardi di Moratti, lì pure c’era un complotto? O semplicemente non eravate forti come credevate di essere? Perché sai, noi nello stesso periodo, il 2002/2007, facevamo tre finali e una semifinale, con due vittorie) io due domande me le farei. Se vai in autostrada e tutti sono contromano ti svelo un segreto: quello contromano molto probabilmente sei tu. Perlomeno, statisticamente c’è una probabilità del 99,999999% periodico che sia così. ;)

E a volte ammettere semplicemente che altri sono stati migliori di te può essere uno sprone per migliorarsi. Ma ehi, se a uno sta bene fare una finale di Champions una volta ogni 38 anni e vincerla una volta ogni 45, trovando però conforto nell’idea che ciò accada perché il mondo ce l’ha con lui, chi sono io per giudicarlo? ;)
 
Ultima modifica:
Alto