• Benvenuto! Sei atterrato sul forum dell'Inter più frequentato del web.
    Iscriviti subito per interagire con centinaia di tifosi neroazzurri.
    Ti aspettano giochi a premi e mille altre sorprese.
      Clicca qui per registrarti adesso!

Coppa Italia 2018/19

Steven Bradbury

Titolare
4.673
2.080
54
in effetti è clamoroso, come mai non l'ha dato?
Mia opinione, perchè avrebbe dovuto dare il secondo giallo a Bastos, lasciando la Lazio dopo neanche mezzora sotto di un uomo e (forse) di un gol...non ha voluto farlo. Ovvio che a parti invertite il problema non se lo sarebbe posto. Dicono abbia compensato non espellendo poi Masiello, ma è un'azione molto più dubbia, lì erano rigore e seconda ammonizione senza se e senza ma.
 

ufo-club

Fuoriclasse
14.943
5.548
62
soddisfatto per la vittoria della lazio, in quanto atalanta e gasparo non li sopporto entrambi.
per il resto, la prima cosa da dire è che abbiamo assistito ad un altro esercizio di inettitudine/malafede (ognuno decida quale delle due) da parte della classe arbitrale, perchè davvero oggi nicchi o chi per lui deve una volta per tutte andare davanti a i microfoni a spiegare come sia possibile che per l'ENNESIMA VOLTA, l'addetto al var SI RIFIUTI di prendere in considerazione una svista arbitrale di tale importanza.
cioè, ma che ca22o di modo di utilizzare quello strumetno è questo ?!?!?! lo vogliono spiegare oppure pensano di andare avanti così per sempre ? perchè l'alternativa è solo una: c'è malafede. ovviamente mi riferisco al fallo di mani in area laziale nel primo tempo. hai lo strumento adatto ad impedire queste storture e PERSEVERI nel non utilizzarlo ? cioè, ma veramente, qualcuno deve spiegare ma tanto quelli hanno una tale faccia come il culo ...
un'altra cosa che è lo specchio del modo di vivere il calcio in italia da parte dei diretti protagonisti è quanto avvenuto verso la fine del primo tempo, con quel fallo di masiello, mi pare su correa. allora, è chiaro pure ai rinopoma che l'arbitro in quell'occasione ha preso la decisione giusta, sulla quale c'è ben poco da discutere, punizione e giallo, palla troppo lontana dalla porta e dinamica dell'azione tali da rendere inapplicabile sia il concetto di ultimo uomo che quello di chiara occasione da gol. niente da fare: da una parte l'insopportabile piangina di inzaghi che reclamava il rosso come un ossesso, dall'altra l'altro lamentoso di gasparo imbufalito per il giallo dato al suo giocatore. cioè, inzaghi che voleva masiello fuori, l'altro che addirittura reputava il giallo una grave ingiustizia, hanno veramente stufato tutti, capisco il gioco delle parti, però basta.
la partita non è stata granchè, ha vissuto di impennate a sprazzi rari, circondati da poca roba.
 

gigi1958

Turnover
2.023
623
55
un'altra cosa che è lo specchio del modo di vivere il calcio in italia da parte dei diretti protagonisti è quanto avvenuto verso la fine del primo tempo, con quel fallo di masiello, mi pare su correa. allora, è chiaro pure ai rinopoma che l'arbitro in quell'occasione ha preso la decisione giusta, sulla quale c'è ben poco da discutere, punizione e giallo, palla troppo lontana dalla porta e dinamica dell'azione tali da rendere inapplicabile sia il concetto di ultimo uomo che quello di chiara occasione da gol. niente da fare: da una parte l'insopportabile piangina di inzaghi che reclamava il rosso come un ossesso, dall'altra l'altro lamentoso di gasparo imbufalito per il giallo dato al suo giocatore. cioè, inzaghi che voleva masiello fuori, l'altro che addirittura reputava il giallo una grave ingiustizia, hanno veramente stufato tutti, capisco il gioco delle parti, però basta.
(y)(y)(y)
 

100%Inter

Pallone d'oro
21.678
5.958
73
Credo di aver seguito la partita da totalmente neutrale e dico che sia stata una gara determinata dagli episodi, come ci sta che possa accadere in una finale. Partita molto equilibrata, ma governata dalla foga e dai ritmi frenetici più che dal gioco e dalle occasioni. La mia impressione è che si siano affrontate due squadre che, quando cercano di dare il massimo della propria intensità e determinazione come stasera, sono simili e soprattutto speculari dal punto di vista tattico. Ne è uscita una partita governata in parte dall’essere bloccata in tanti duelli individuali in cui nessuno ha prevalso fino al 80’ e che poteva essere risolta soltanto da episodi. In ottica Inter, sarebbe stato ancora meglio se fossero andati ai supplementari, in modo che tutti i giocatori dell'Atalanta si sfiancassero ancora di più. Detto questo, credo che tutti quanti abbiano dato tutto quello che avevano. Come gestione della gara dalle panchine, meglio Simone Inzaghi, perché i fatti hanno dimostrato che abbia fatto i cambi giusti al momento giusto, mentre Gasperini ha tardato irrimediabilmente a compiere mosse che magari avrebbe voluto attuare nei supplementari per sorprendere la Lazio dal punto di vista del ritmo. Per il resto, mi sento di sottolineare che, nel nervosismo generale, si sia palesata una sorta di caccia all’uomo da parte dei laziali su Iličić (e in questo senso è stato provvidenziale l’ingresso di Radu al posto di Bastos prima dell’intervallo). Non so dire se abbia meritato la Lazio, ma ripeto che ci può stare che una finale venga risolta da episodi, ma senza dubbio i ricambi dei biancocelesti hanno consentito all’allenatore di effettuare mosse che si sono rivelate vincenti, mentre, in gara secca, oggettivamente Gasperini aveva meno frecce al proprio arco, esclusi i titolari.

Commentata la partita, non posso esimermi dal valutare la direzione arbitrale: un rigore come quello non dato all’Atalanta per il netto fallo di mano del già ammonito Bastos non si può non concedere con a disposizione l’ausilio del VAR. L’errore è chiaramente da malafede (come lo fu quello di Wallace nella sfida di campionato di poche settimane fa). Inutile dire come sarebbe cambiata la partita in seguito all’assegnazione del rigore che spettava agli orobici. Mi sento, infine, di aggiungere un piccolo commento anche sul servizio pubblico sportivo targato Rai: al di là delle singole e personali valutazioni sulla competenza di giornalisti od opinionisti, ritengo becero il tentativo di mettere le fette di prosciutto davanti agli occhi della gente e di vedere come, senza la sfuriata di Gasperini, la vicinanza capitolina stesse imponendo di insabbiare o minimizzare l’importanza del rigore non concesso nell’economia della partita.
 
Alto