Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Dennis Bergkamp

Registrato
9 Settembre 2014
Messaggi
11.454
Bergkamp fu sostanzialmente vittima di un equivoco tattico: lo si considerava un centravanti e fu giudicato come tale, ma lui non era quel tipo di giocatore, non stava in area ad aspettare i cross, lui era un attaccante in senso più generico del termine, lo si poteva considerare un regista offensivo, anche se chiaramente segnava fior di goals.
Il paragone con Eriksen, mutatis mutandis, non è del tutto fuori luogo: nel nostro campionato abbiamo la mania di ingabbiare i giocatori in ruoli predefiniti e predeterminati: la mezz'ala deve fare la mezz'ala, il centravanti deve fare il centravanti, ecc. ecc., mentre all'estero si fanno meno pippe mentali dal punto di vista tattico, lasciano che il talento si esprima liberamente e cercano di assecondarlo in ogni modo. Titi Henri alla goBBa subì un destino simile: lo schieravano esterno sinistro d'attacco e faceva una fatica enorme, fu praticamente cacciato, andò all'Arsenal dove giocò praticamente nella stessa maniera di Bergkamp con la stessa maglia e fece quello che fece.
Tornando a Bergkamp, non è un caso che nelle Coppe internazionali rendesse di più che in campionato: veniva marcato meno strettamente e se lo si lasciava libero, beh la classe non gli mancava di certo ...
 

Numerodue

Bandiera
Moderatore
Supporter
Registrato
10 Maggio 2004
Messaggi
35.071
Bergkamp fu sostanzialmente vittima di un equivoco tattico: lo si considerava un centravanti e fu giudicato come tale, ma lui non era quel tipo di giocatore, non stava in area ad aspettare i cross, lui era un attaccante in senso più generico del termine, lo si poteva considerare un regista offensivo, anche se chiaramente segnava fior di goals.
Il paragone con Eriksen, mutatis mutandis, non è del tutto fuori luogo: nel nostro campionato abbiamo la mania di ingabbiare i giocatori in ruoli predefiniti e predeterminati: la mezz'ala deve fare la mezz'ala, il centravanti deve fare il centravanti, ecc. ecc., mentre all'estero si fanno meno pippe mentali dal punto di vista tattico, lasciano che il talento si esprima liberamente e cercano di assecondarlo in ogni modo. Titi Henri alla goBBa subì un destino simile: lo schieravano esterno sinistro d'attacco e faceva una fatica enorme, fu praticamente cacciato, andò all'Arsenal dove giocò praticamente nella stessa maniera di Bergkamp con la stessa maglia e fece quello che fece.
Tornando a Bergkamp, non è un caso che nelle Coppe internazionali rendesse di più che in campionato: veniva marcato meno strettamente e se lo si lasciava libero, beh la classe non gli mancava di certo ...

E qui rientriamo nell'equivoco Eriksen, gran giocatore ma non adatto al nostro campionato
 

lobster

Utente bannato
Registrato
23 Novembre 2020
Messaggi
406
Bergkamp fu sostanzialmente vittima di un equivoco tattico: lo si considerava un centravanti e fu giudicato come tale, ma lui non era quel tipo di giocatore, non stava in area ad aspettare i cross, lui era un attaccante in senso più generico del termine, lo si poteva considerare un regista offensivo, anche se chiaramente segnava fior di goals.
Il paragone con Eriksen, mutatis mutandis, non è del tutto fuori luogo: nel nostro campionato abbiamo la mania di ingabbiare i giocatori in ruoli predefiniti e predeterminati: la mezz'ala deve fare la mezz'ala, il centravanti deve fare il centravanti, ecc. ecc., mentre all'estero si fanno meno pippe mentali dal punto di vista tattico, lasciano che il talento si esprima liberamente e cercano di assecondarlo in ogni modo. Titi Henri alla goBBa subì un destino simile: lo schieravano esterno sinistro d'attacco e faceva una fatica enorme, fu praticamente cacciato, andò all'Arsenal dove giocò praticamente nella stessa maniera di Bergkamp con la stessa maglia e fece quello che fece.
Tornando a Bergkamp, non è un caso che nelle Coppe internazionali rendesse di più che in campionato: veniva marcato meno strettamente e se lo si lasciava libero, beh la classe non gli mancava di certo ...

mi viene in mente lo Zio Bergomi quando parla di Eriksen: "non è quel tipo di giocatore lì, Fabio" :ROFLMAO: :ROFLMAO:
Sui social oramai è diventato un tormentone.
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Bergkamp fu sostanzialmente vittima di un equivoco tattico: lo si considerava un centravanti e fu giudicato come tale, ma lui non era quel tipo di giocatore, non stava in area ad aspettare i cross, lui era un attaccante in senso più generico del termine, lo si poteva considerare un regista offensivo, anche se chiaramente segnava fior di goals.
Il paragone con Eriksen, mutatis mutandis, non è del tutto fuori luogo: nel nostro campionato abbiamo la mania di ingabbiare i giocatori in ruoli predefiniti e predeterminati: la mezz'ala deve fare la mezz'ala, il centravanti deve fare il centravanti, ecc. ecc., mentre all'estero si fanno meno pippe mentali dal punto di vista tattico, lasciano che il talento si esprima liberamente e cercano di assecondarlo in ogni modo. Titi Henri alla goBBa subì un destino simile: lo schieravano esterno sinistro d'attacco e faceva una fatica enorme, fu praticamente cacciato, andò all'Arsenal dove giocò praticamente nella stessa maniera di Bergkamp con la stessa maglia e fece quello che fece.
Tornando a Bergkamp, non è un caso che nelle Coppe internazionali rendesse di più che in campionato: veniva marcato meno strettamente e se lo si lasciava libero, beh la classe non gli mancava di certo ...
Si concordo.
Discorsi gia' visti comunque per gente come Coutinho e Kovacic.

Entrambi mal visti perche' troppo "fumosi", ma che poi non si sono fatti problemi a continuare la loro carriera a livelli piu' alti.
 
Registrato
9 Settembre 2014
Messaggi
11.454
mi viene in mente lo Zio Bergomi quando parla di Eriksen: "non è quel tipo di giocatore lì, Fabio" :ROFLMAO: :ROFLMAO:
Sui social oramai è diventato un tormentone.

Posto che Bergomi non ha alcun problema ad ammettere di non essere affatto un estimatore di Eriksen, il problema che pone è reale: troppo spesso i giocatori vengono presentati come candidati a rivestire un certo ruolo che invece non è nelle loro corde, almeno non come siamo abituati a considerarli noi. Chiaramente se questo giocatore incontra, comprensibilmente, delle difficoltà, la gente lo critica perché si aspetta da lui che sia qualcosa che non è. Inutile dire che questo deriva principalmente dalla mancata conoscenza dei giocatori.
Ad esempio io avevo visto giocare varie volte Lazaro sia in Bundesliga che in Nazionale, nel primo caso giocava esterno di centrocampo o addirittura terzino, nel secondo invece come esterno alto. A tutta fascia non mi sembrava di averlo mai visto giocare ed in effetti ha dimostrato di non saperlo fare.
Anche Eriksen è arrivato tra mille equivoci, chi afferma che Conte "ha tentato più volte di metterlo nella sua condizione ideale per giocare" dice qualcosa di inesatto, perché Eriksen non è un trequartista, non è un dribblatore, non ha i colpi ad effetto ma è un giocatore che fa sentire la sua utilità se viene sempre coinvolto nelle manovre d'attacco, ecc. ecc.
Con Bergkamp accadde la stessa cosa, non era un vero centravanti e faceva fatica a giocare in un ruolo non suo.
Dire che "non è adatto a giocare nel nostro campionato" è una soluzione di comodo per giustificare o un acquisto sbagliato oppure un'incapacità di sfruttare le caratteristiche di un giocatore. Certamente ci sono anche giocatori più duttili e più bravi ad adattarsi ed altri che lo sono di meno, questo non significa necessariamente che i primi siano dei campioni e gli altri delle pippe.
 

etingo

Vice capitano
Registrato
22 Marzo 2010
Messaggi
5.173
giocatori che per vari motivi soffrono avere uno se non due giocatori addosso, poi solo in italia c'è un corpo a corpo che dall'altre parti è quasi assente tranne ovviamente nei calci piazzati
 

fluke81

Titolare
Registrato
24 Giugno 2019
Messaggi
3.693
dennis non si integro mai, qualcuno(bergomi credo) ricordava che lo vedeva giocare a carta con i vecchietti

gli avevano preso pure jonk per aiutarlo che si integro meglio ed alla fine ci fece vincere una coppa uefa
 

eug90

Fuoriclasse
Registrato
26 Febbraio 2013
Messaggi
14.610
Non adatto al gioco di Conte, che non prova nemmeno a cambiare il proprio gioco per inserire uno dei giocatori top nel ruolo.

In Squadre come Napoli e Milan sarebbe titolare in pantofole.
1) Conte ha usato il 3-4-1-2 apposta per far adattare Eriksen al suo gioco.

2) È normale; la prima è una squadra provinciale, la seconda è una squadra in crescita, ma non ancora al top in Serie A.
 

eug90

Fuoriclasse
Registrato
26 Febbraio 2013
Messaggi
14.610
Si concordo.
Discorsi gia' visti comunque per gente come Coutinho e Kovacic.

Entrambi mal visti perche' troppo "fumosi", ma che poi non si sono fatti problemi a continuare la loro carriera a livelli piu' alti.
Ricordo che Mancini lo schierò in tutte le zone del campo ma non rendeva e ha deciso di venderlo per Kondogbia.

Beh, Kovacic non è stato mai un elemento importante in futuro, se non con Sarri.
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Ricordo che Mancini lo schierò in tutte le zone del campo ma non rendeva e ha deciso di venderlo per Kondogbia.

Beh, Kovacic non è stato mai un elemento importante in futuro, se non con Sarri.
Kovacic viaggia a 40 presenze di media sia al Real che al Chelsea. Non "titolarissimo" ( al real aveva davanti Modric,Kroos e Casemiro delle 3 CL di fila) ma primo cambio sempre e comunque. Idem al Chelsea dove gioca di piu'.

1607330756971.png

Kovacic faceva il tuttocampista in una squadra in cui c'erano Jonathan e Rocchi.. Non a casso venne a prenderlo il Real, che poi lo ha rivenduto senza problemi a prezzo maggiore se e' per questo.

Altro giocatore da cui si aspettava chissacosa, senza accorgersi che era due spanne sopra la media tecnicamente parlando.
 
  • Like
Reactions: HBL

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
1) Conte ha usato il 3-4-1-2 apposta per far adattare Eriksen al suo gioco.

2) È normale; la prima è una squadra provinciale, la seconda è una squadra in crescita, ma non ancora al top in Serie A.
Ci ha provato quanto? Contro chi? due partite in croce per toglierlo al 60esimo?

Il Napoli quest'anno rischia seriamente di vincere lo scudo, altro che provinciale.
 

HBL

Fuoriclasse
Registrato
23 Gennaio 2017
Messaggi
13.336
Kovacic viaggia a 40 presenze di media sia al Real che al Chelsea. Non "titolarissimo" ( al real aveva davanti Modric,Kroos e Casemiro delle 3 CL di fila) ma primo cambio sempre e comunque. Idem al Chelsea dove gioca di piu'.

Vedi l'allegato 2393396

Kovacic faceva il tuttocampista in una squadra in cui c'erano Jonathan e Rocchi.. Non a casso venne a prenderlo il Real, che poi lo ha rivenduto senza problemi a prezzo maggiore se e' per questo.

Altro giocatore da cui si aspettava chissacosa, senza accorgersi che era due spanne sopra la media tecnicamente parlando.

Infatti assolutamente non un super , ma una buona mezzala di fascia media come Brozovic per esempio .
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Infatti assolutamente non un super , ma una buona mezzala di fascia media come Brozovic per esempio .
Ma comunque un giocatore di qualita' che si vedeva lontano 10km. Come Coutinho. E anche Sneijder volendo, che appena andato via Mou si e' subito involuto pesantemente.

Ma anche Pirlo,Seedorf dire. Baggio non se la cavo' meglio.

La gente di qualita' "pura" da noi non sembra durare. L'unico fu, vagamente, il Chino, pupillo del presidente pero'.
 

HBL

Fuoriclasse
Registrato
23 Gennaio 2017
Messaggi
13.336
Ma comunque un giocatore di qualita' che si vedeva lontano 10km. Come Coutinho. E anche Sneijder volendo, che appena andato via Mou si e' subito involuto pesantemente.

Ma anche Pirlo,Seedorf dire. Baggio non se la cavo' meglio.

La gente di qualita' "pura" da noi non sembra durare. L'unico fu, vagamente, il Chino, pupillo del presidente pero'.

A Gagliardini invece gli stanno addirittura rinnovando il contratto 🤣
 

eug90

Fuoriclasse
Registrato
26 Febbraio 2013
Messaggi
14.610
Ci ha provato quanto? Contro chi? due partite in croce per toglierlo al 60esimo?

Il Napoli quest'anno rischia seriamente di vincere lo scudo, altro che provinciale.
1) Un paio di partite non credo proprio, ha avuto le sue opportunità.

2) Seriamente? Il Napoli di Bakayoko e Petagna rischia di vincere lo scudetto? Ma non scherziamo su! :ghigno