Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Gabriele "Lele" Oriali

Favorevoli a un ritorno di Oriali?

  • Si

    Votes: 177 97,3%
  • No

    Votes: 5 2,7%

  • Total voters
    182

fast65

Bandiera
Registrato
3 Gennaio 2012
Messaggi
35.542
Bellissima da leggere che si pretenda da oriali, che ordini a mancini di togliere dal campo un giocatore.
magari che si azzuffassero in panchina tra calci e sputi.
 

etingo

Titolare
Registrato
22 Marzo 2010
Messaggi
4.657
Ma sicuri che oriali è ancora in nazionale ??
Credevo Vialli lo avesse sostituito ma forse ricordo male
 

Carpent

Presidente
Registrato
14 Maggio 2008
Messaggi
108.980
ieri tutto ok facendo uscire barella e poi la. osa che mi interessa è che stavfavendo giocare tonali con una promessa per il ragazzo di venire a Milano da fonte sicura...
Magari...quel ragazzo è un campioncino altro che verratti

Oddio poi anche verratti con conte diventerebbe un fenomeno probabilmente ma i suoi muscoli non gli danno continuità purtroppo
 

OM28V

Turnover
Registrato
11 Agosto 2014
Messaggi
2.038
Magari...quel ragazzo è un campioncino altro che verratti

Oddio poi anche verratti con conte diventerebbe un fenomeno probabilmente ma i suoi muscoli non gli danno continuità purtroppo


Verratti corre dietro alla figa ... ha dato il benservito ad una moglie molto giovane, sua conterranea, che gli scarrellato due marmocchi e lui si "spende" fra le gambe di una giovane amante francese ... ... ... Conte lo amerebbe ...
 

fast65

Bandiera
Registrato
3 Gennaio 2012
Messaggi
35.542
Oriali: "Inter, volevo tornare ed è successo. Conte fuoriclasse, a gennaio speriamo di allargare la rosa"

Tornato in nerazzurro la scorsa estate, Lele Oriali è stato quel tocco nerazzurro che a giugno, quando tutto era in radicale cambiamento, ha funto da collante per quei tifosi interisti che tra un capovolgimento e l'altro si ritrovavano, volenti o nolenti, in una dimensione nuova. Ai microfoni di Sky Sport e Sport Mediaset, il Piper traccia un bilancio di questi sei mesi della sua nuova avventura: "Stiamo andando oltre le aspettative, non si pensava di andare così bene a metà stagione. Il lavoro è tanto da fare, la strada percorsa è stata positiva al di là dei tanti problemi soprattutto di infortuni. C'è stato un momento in cui l'organico era molto ridotto, ora può darsi che venga un pochino allargato, almeno questo si spera per gennaio perché ne avremmo bisogno. Considerando gli impegni e il fatto che stiamo andando bene, si cercherà il più possibile di poter rimanere in questa posizione anche se non sarà facile, ci sono delle antagoniste molto forti".

Sul ritorno all'Inter, Oriali aggiunge: "Era il mio desiderio, quello di ritornare ed è capitato. Con l'avvento di Beppe Marotta c'è stato subito un incontro tantissimi mesi fa, verso novembre/dicembre dell'anno scorso. Per me era come un ritorno a casa avendo vissuto alla Pinetina per più di 30 anni. Non vedevo l'ora, è successo e ne sono molto felice. La scelta tra Inter e Nazionale? Non è stata facile, ma è stata condivisa con Gravina e Mancini. Tutti insieme abbiamo deciso di poter continuare sia con la Federazione che con l'Inter fino agli Europei, poi deciderò cosa fare. Ma devo ammettere che è un impegno gravoso, importante ma piacevole e coinvolgente e mi dà molte soddisfazioni". Si parla anche del mercato invernale: "Siamo contenti di chi abbiamo: c'è un grande gruppo, siamo diventati squadra ed è merito dei giocatori. Poi alla guida c'è un fuoriclasse, che riesce sempre ad ottenere il meglio. A gennaio? A noi interessa non il nome, ma che arrivi qualcuno che sappia che qui c'è da pedalare, da lavorare e da sacrificarsi per la causa, gli obiettivi ci sono".

Parole di elogio per Antonio Conte: "È coinvolgente e coinvolto nel progetto: è arrivato con la mentalità giusta, con l'intenzione di dare un'impronta all'Inter. Vuole lasciare un segno importante. Le aspettative della società sono importanti e alte, serve tempo". Infine una battuta sul ritorno di Zlatan Ibrahimovic nel campionato italiano: "Sono contento, ho un ottimo rapporto con lui e soprattutto grandi ricordi. Il più bello è legato a Parma-Inter: era infortunato, ma prima di entrare in campo aveva già detto a tutti che avrebbe segnato e che avremmo vinto lo Scudetto. Fu di parola"