Giornata del libro, qual è il vostro preferito?

Numerodue

Bandiera
Moderatore
Supporter
Uno solo?

71gjt76M3xL.jpg
 

interista.doc

Titolare
L’hobbit è anche più bello

Personalmente l’ho preferito anch’io, ma per un motivo decisamente poco nobile: è più semplice, sia come stile (è un libro per bambini/preadolescenti) sia come tematiche sia come narrazione

Il Signore degli Anelli è molto più serio, molto più profondo: opera immensa che, a dispetto dei radical chic che ritengono il fantasy un genere minore, richiede un certo background culturale e una certa passione per essere apprezzata appieno
 

Angelus

Stella
Moderatore
Shui-Hu-Chuan (In riva all'acqua), romanzo da cui si ispira la mia saga videoludica preferita, ovvero quella di Suikoden. Un libro del 1500, che racconta l'insurrezione di 108 criminali contro un governo imperiale dove la corruzione, l'incompetenza e la mancanza di stabili punti di riferimento etici si riflettono poi sulla società. È abbastanza complesso, un po' per la lunghezza (1400 pagine circa), un po' perché, essendo ambientato in Cina, è ricco di nomi e termini a cui noi occidentali siamo poco abituati e possono confondere e annoiarci facilmente.
Sebbene sia uno dei classici della letteratura cinese, è stato oggetto di censura da parte del governo imperiale cinese e lo stesso autore dovette utilizzare uno pseudonimo per non ricevere la visita di qualche sicar...ehm..soldato imperiale.
Come ho detto, è molto complesso ma trovo che offra molti spunti di riflessione anche per la società occidentale attuale, anche perché, al netto degli usi e costumi differenti, i vizi e le virtù sono comuni in tutti gli esseri umani, di tutti i tempi e di tutti i luoghi.
 

Smoma

Titolare
Sono tanti i libri che mi son piaciuti, uno però mi ha colpito molto e coinvolto. Ero abbastanza giovane ma ricordo che la fine mi strappò qualche lacrima causa effetto nostalgia quando sai che ti devi separare dai personaggi e il mondo narrato in quel libro:
La collina dei Conigli.
 

il becca

Stella
difficilissimo scegliere UN libro.
ma anche dieci :D
che poi cambia(no) in continuazione

gia' in pochi post sono stati citati due dei miei preferiti di sempre:
Cent'anni di solitudine, Gabriel Garcia Marquez
Il Signore degli Anelli, JRR Tolkien

altri otto, spaziando per generi, in ordine sparso, senza andare ad importunare i superclassici:

- Se una Notte d'Inverno un Viaggiatore, Italo Calvino
- Il Nome della Rosa, Umberto Eco
- Memorie di Adriano, Maguerite Yourcenar
- Fondazione, Isaac Asimov
- La Danza Immobile, Manuel Scorza
- A Constellation of Vital Phenomena, Antony Marra
- Profumo, Patrick Suskind
- Guns Germs and Steel, Jared Diamond
 
Alto