Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

José Mário Dos Santos Mourinho Felix

Mourinho alla Roma: sei contento?


  • Total voters
    176

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Ma tu lo stai rappresentando come un condottiero della Marvel.
Underdog o meno è andato al Real non per comodità ma per far vincere loro la decima e, detto tra noi, non ci è riuscito perchè ha avuto un pò di sfiga ma ha creato le basi per farla vincere a porcellotti con una bella dose di culo.
E poi non puoi paragonarmi un trainer con un player
Fine
Certo che lo paragono, perche' quella era la sua storia. Gli zzzero tituli, la corsa con al Camp Nou con gli spruzzi d'acqua. Le mani in manette. Quella e' stata la massima espressione del Mou a capo dei progetti cenerentola dove andava a sfondare i cojoni alle squadre piu' ricche e/o vincenti.

Da quando ha scelto la strada "istituzionale" cercando di fare il Ferguson 2.0 (un suo sogno mai nascosto) ha raccolto briciole rispeto al decennio precedente e non ha mai piu' offerto quel tipo di prestazioni, emotivamente o sportivamente.

Per me, e' un peccato perche' quel tipo di storie il calcio le offre raramente e vederlo licenziato dopo un'altra prestazione incolore e' un colpo al cuore.
 

pecoranera

Turnover
Registrato
2 Luglio 2020
Messaggi
1.212

Back in Black

Titolare
Registrato
1 Novembre 2019
Messaggi
4.973
Si si chiaro, si parla solo di fenomenologia sportiva, non di vita reale. E' il personaggio sportivo Mou in discussione se caso. E nel contesto dell'evoluzione del personaggio, come fosse un Corto Maltese/Ken il Guerriero con la mano che puo' esserpiuma come puo' esse fero, all'improvviso ce lo ritroviamo a fare il Batman reazionario che teme che il Joker gli seghi i profitti della Mou Enterprises.
in realtà penso che i tempi siano cambiati e non sia più in grado di motivare i giovani come gli riusciva una volta. fa fatica nella comunicazione con i propri giocatori che è sempre stato il suo punto di forza.
poi c'è pure il fatto che propone il suo solito calcio antico ed è peggiorato pure in quello. è diventato eccessivamente contropiedista negli ultimi anni e le sue squadre difendono pure male. o decide di rinnovarsi completamente come allenatore, cambiare nettamente stile di gioco e forse pure comunicazione con la squadra o è finito. la sua ultima chance è allenare una nazionale, potrebbe rinascere come mancini
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
in realtà penso che i tempi siano cambiati e non sia più in grado di motivare i giovani come gli riusciva una volta. fa fatica nella comunicazione con i propri giocatori che è sempre stato il suo punto di forza.
poi c'è pure il fatto che propone il suo solito calcio antico ed è peggiorato pure in quello. è diventato eccessivamente contropiedista negli ultimi anni e le sue squadre difendono pure male. o decide di rinnovarsi completamente come allenatore, cambiare nettamente stile di gioco e forse pure comunicazione con la squadra o è finito. la sua ultima chance è allenare una nazionale, potrebbe rinascere come mancini
Sicuramente il calcio cambia e gli allenatori si devono adeguare. Forse e' stato solo "fortunato" a imbroccare quei back to back, forse e' solo nostalgia.

D'altra parte pero' e' evidente che oramai e' un'altro allenatore che vuole quasi fare un altro mestiere. Forse e' proprio il suo essere sempre poco conciliatore a portarlo a essere segato alla prima difficolta', mentre altri allenatori riescono a essere piu' parakuli.

A me, personalmente, sembra proprio un problema di identita' calcistica, di estetica esistenziale. E' un peccato vederlo fare l'allenatore normale quando nella sua storia di normale non c'e stato niente fino a meta' 2010.
 
Registrato
16 Giugno 2019
Messaggi
3.161
Certo che lo paragono, perche' quella era la sua storia. Gli zzzero tituli, la corsa con al Camp Nou con gli spruzzi d'acqua. Le mani in manette. Quella e' stata la massima espressione del Mou a capo dei progetti cenerentola dove andava a sfondare i cojoni alle squadre piu' ricche e/o vincenti.

Da quando ha scelto la strada "istituzionale" cercando di fare il Ferguson 2.0 (un suo sogno mai nascosto) ha raccolto briciole rispeto al decennio precedente e non ha mai piu' offerto quel tipo di prestazioni, emotivamente o sportivamente.

Per me, e' un peccato perche' quel tipo di storie il calcio le offre raramente e vederlo licenziato dopo un'altra prestazione incolore e' un colpo al cuore.

Briciole? Ha riportato il Real a fare semifinali di CL dopo che per anni e anni non andavano oltre gli ottavi, ha vinto una Liga in piena epoca del Barça guardioliano, ha vinto una Premier League col Chelsea lasciando una buona ossatura che ha permesso a Conte di rivincere il campionato due stagioni dopo, ha riportato il Manchester United in Champions portando a casa anche un'Europa League...

Cioè boh, io firmerei per avere un finale di carriera del genere
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Briciole? Ha riportato il Real a fare semifinali di CL dopo che per anni e anni non andavano oltre gli ottavi, ha vinto una Liga in piena epoca del Barça guardioliano, ha vinto una Premier League col Chelsea lasciando una buona ossatura che ha permesso a Conte di rivincere il campionato due stagioni dopo, ha riportato il Manchester United in Champions portando a casa anche un'Europa League...

Cioè boh, io firmerei per avere un finale di carriera del genere
Al real aveva Benzema,Ronaldo,Higuain,Marcelo,Xabi Alonso, RAmos..fare le SF di CL non mi sembra proprio un'impresa leggendaria. Una buona stagione.

Paragonare l'EL e lo scudo 2.0 al Chelsea con le due CL di Porto/Inter e la back to back in PL col Chelsea e' veramente ingeneroso.
 
Registrato
16 Giugno 2019
Messaggi
3.161
Al real aveva Benzema,Ronaldo,Higuain,Marcelo,Xabi Alonso, RAmos..fare le SF di CL non mi sembra proprio un'impresa leggendaria. Una buona stagione.

Tutta gente che c'era anche l'anno prima quando uscirono agli ottavi col Lione che poi arrivò in semifinale e venne eliminato dal Bayern.
In più Mou quell'anno ebbe 'solo' Di Maria, Ozil e Khedira. E portò il Real a fare 3 semifinali di Champions consecutive dopo 6 anni consecutivi di eliminazione agli ottavi. E riportò il Real a lottare seriamente per il campionato, campionato dove militava la squadra più forte del mondo al suo apice. Vincendone anche uno nel 2012. L'upgrade rispetto al recente passato del Real fu notevolissimo.

Paragonare l'EL e lo scudo 2.0 al Chelsea con le due CL di Porto/Inter e la back to back in PL col Chelsea e' veramente ingeneroso.

Ma non si può essere sulla cresta dell'onda per tutta la carriera, nessuno ci è riuscito, davvero nessuno.
Quei pochi che ce l'hanno fatta sono sparute eccezioni che confermano la regola.

Qualsiasi allenatore firmerebbe per declinare vincendo il campionato più difficile al mondo (Premier League) e l'Europa League con una squadra come il Man United che non combinava più nulla di serio da anni.
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Tutta gente che c'era anche l'anno prima quando uscirono agli ottavi col Lione che poi arrivò in semifinale e venne eliminato dal Bayern.
In più Mou quell'anno ebbe 'solo' Di Maria, Ozil e Khedira. E portò il Real a fare 3 semifinali di Champions consecutive dopo 6 anni consecutivi di eliminazione agli ottavi. E riportò il Real a lottare seriamente per il campionato, campionato dove militava la squadra più forte del mondo al suo apice. Vincendone anche uno nel 2012. L'upgrade rispetto al recente passato del Real fu notevolissimo.



Ma non si può essere sulla cresta dell'onda per tutta la carriera, nessuno ci è riuscito, davvero nessuno.
Quei pochi che ce l'hanno fatta sono sparute eccezioni che confermano la regola.

Qualsiasi allenatore firmerebbe per declinare vincendo il campionato più difficile al mondo (Premier League) e l'Europa League con una squadra come il Man United che non combinava più nulla di serio da anni.
Ma infatti non dico che abbia fatto pena negli anni duemilaedieci ma solo che fare SF di CL col Real di Ronaldo non e' niente di eccezionale, cosi' come vincere l'EL con lo UTD di Ibra ( facendo fuori il celta vigo in sf...).

Vederlo uscire con la dinamo zagabria ed essere esonerato al Tottenham fa parte di una traettoria di "normalita' ad alti livelli" che speravo non lo riguardasse.
 
Registrato
9 Settembre 2014
Messaggi
11.454
Ma infatti non dico che abbia fatto pena negli anni duemilaedieci ma solo che fare SF di CL col Real di Ronaldo non e' niente di eccezionale, cosi' come vincere l'EL con lo UTD di Ibra ( facendo fuori il celta vigo in sf...).

Vederlo uscire con la dinamo zagabria ed essere esonerato al Tottenham fa parte di una traettoria di "normalita' ad alti livelli" che speravo non lo riguardasse.

Beh noi neppure ci siamo riusciti a vincere l'EL ...
Il problema è che chi ingaggia JM si aspetta che vinca anche con una squadra di underdogs, ma il fatto è che questo Tottenham più che underdog è under the table come il famoso gatto del famoso esercizio.
 
Registrato
22 Ottobre 2016
Messaggi
7.977
Al real aveva Benzema,Ronaldo,Higuain,Marcelo,Xabi Alonso, RAmos..fare le SF di CL non mi sembra proprio un'impresa leggendaria. Una buona stagione.

Paragonare l'EL e lo scudo 2.0 al Chelsea con le due CL di Porto/Inter e la back to back in PL col Chelsea e' veramente ingeneroso.
io direi che la carriera di Mou va divisa in 3 fasi
fino al 2010 : eccezionale
2010-2017: alti e bassi
dal 2017 : lasciamo perdere
 
Registrato
5 Aprile 2006
Messaggi
15.797
Certo che lo paragono, perche' quella era la sua storia. Gli zzzero tituli, la corsa con al Camp Nou con gli spruzzi d'acqua. Le mani in manette. Quella e' stata la massima espressione del Mou a capo dei progetti cenerentola dove andava a sfondare i cojoni alle squadre piu' ricche e/o vincenti.

Da quando ha scelto la strada "istituzionale" cercando di fare il Ferguson 2.0 (un suo sogno mai nascosto) ha raccolto briciole rispeto al decennio precedente e non ha mai piu' offerto quel tipo di prestazioni, emotivamente o sportivamente.

Per me, e' un peccato perche' quel tipo di storie il calcio le offre raramente e vederlo licenziato dopo un'altra prestazione incolore e' un colpo al cuore.
Sicuramento non ha un animo borghese.
Il Real è proprio un ambiente agli antipodi rispetto al suo essere.
Ha voluto accettare la sfida, sapendo che avrebbe pure avuto una rosa all'altezza che però negli anni precedenti aveva reso poco.
Lui l'ha portata in pianta stabile a presenziare semifinali di CL e porcellotti ha centrato l'obiettivo della decima non sa nemmeno lui come perchè prima della finale era già con le valigie pronte e la finale era persa fino al 93mo.
Mou ha recitato più ruoli nella sua carriera proprio perchè è un uomo furbo ed intelligente.
Non gli ho mai sentito dire di essere un rivoluzionario e non ha mai avuto nemmeno la pazienza di fossilizzarsi in una società per anni come Ferguson. E' uno che alla fine ama cambiare, per trovare stimoli o perchè più semplicemente sono fatti suoi.
Tu ti sei costruito l'immagine che più ti piaceva, a metà tra un personaggio di Salgari, il Che Guevara e un fumetto della Marvel.
Io prendo le persone, e me le godo, per quello che realmente sono e le amo per quello che mi hanno dato.
Un piccolo suggerimento, senza scomodare letteratura, fantasy o fumetti
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Sicuramento non ha un animo borghese.
Il Real è proprio un ambiente agli antipodi rispetto al suo essere.
Ha voluto accettare la sfida, sapendo che avrebbe pure avuto una rosa all'altezza che però negli anni precedenti aveva reso poco.
Lui l'ha portata in pianta stabile a presenziare semifinali di CL e porcellotti ha centrato l'obiettivo della decima non sa nemmeno lui come perchè prima della finale era già con le valigie pronte e la finale era persa fino al 93mo.
Mou ha recitato più ruoli nella sua carriera proprio perchè è un uomo furbo ed intelligente.
Non gli ho mai sentito dire di essere un rivoluzionario e non ha mai avuto nemmeno la pazienza di fossilizzarsi in una società per anni come Ferguson. E' uno che alla fine ama cambiare, per trovare stimoli o perchè più semplicemente sono fatti suoi.
Tu ti sei costruito l'immagine che più ti piaceva, a metà tra un personaggio di Salgari, il Che Guevara e un fumetto della Marvel.
Io prendo le persone, e me le godo, per quello che realmente sono e le amo per quello che mi hanno dato.
Un piccolo suggerimento, senza scomodare letteratura, fantasy o fumetti
Ma guarda io sono il primo che insisto per separare i personaggi pubblici da quelli privati, l'artista dall'uomo.

Semplicemente Mou, dal 2000 al 2010 ha fatto qualcosa di leggendario per il calcio. E' stato *il* personaggio piu' rivoluzionario (non in senso romantico, ma proprio per discontinuita'). Era uno Zeman che ce l'ha fatta, il Mazzone dei "li mortacci vostra" di Brescia ma al Camp Nou. In un periodo storico in cui mitizziamo tutto, Mou e' stato il fenomeno mediatico piu' "puro" per capacita' comunicativa associata ai risultati sul campo. Personaggio totale che anche i rivali riuscivano a stimare. Il Mou del decennio successivo e' un Mou diverso. Per scelta? Per la voglia di allenare a tutti i costi? Perche' voleva cambiare la propria estetica? E chi lo sa! Ha fatto bene? Probabilmente. Ha reso meno epica la propria carriera? Assoluamente si'.
 

Link88

Capitano
Registrato
15 Luglio 2019
Messaggi
9.015
Personaggi come Mou finiscono quando decidono di tradire il proprio essere, quando spingi per andare al Real stai tradendo la tua capacità di imprese folli come una champions al Porto, una premier dopo 50 anni al Chelsea e un altra CL all’Inter. Mi ricorda piloti che spingono per andare in team vincente per poi perdere la propria essenza. Mou ha creduto di non essere più tipo da imprese impossibili e allora ha smesso di essere lo Special One
 

pendejo

Stella
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
17.410
se torna in Italia ad allenare una tra Goeba, BBilan e Riomma io ve lo dico subito, rosico...
 
Registrato
5 Aprile 2006
Messaggi
15.797
Ma guarda io sono il primo che insisto per separare i personaggi pubblici da quelli privati, l'artista dall'uomo.

Semplicemente Mou, dal 2000 al 2010 ha fatto qualcosa di leggendario per il calcio. E' stato *il* personaggio piu' rivoluzionario (non in senso romantico, ma proprio per discontinuita'). Era uno Zeman che ce l'ha fatta, il Mazzone dei "li mortacci vostra" di Brescia ma al Camp Nou. In un periodo storico in cui mitizziamo tutto, Mou e' stato il fenomeno mediatico piu' "puro" per capacita' comunicativa associata ai risultati sul campo. Personaggio totale che anche i rivali riuscivano a stimare. Il Mou del decennio successivo e' un Mou diverso. Per scelta? Per la voglia di allenare a tutti i costi? Perche' voleva cambiare la propria estetica? E chi lo sa! Ha fatto bene? Probabilmente. Ha reso meno epica la propria carriera? Assoluamente si'.
Lui ti risponderebbe "caro Pistocchi, ma la vita cambia, le persone cambiano, gli scenari cambiano, i risultati pure. E' il calcio, tu devi accettare questo......tu sei arrabbiato chi sono una persona semplice e non un revolusionario.....tu sei arrabbiato....." :cod
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.226
Personaggi come Mou finiscono quando decidono di tradire il proprio essere, quando spingi per andare al Real stai tradendo la tua capacità di imprese folli come una champions al Porto, una premier dopo 50 anni al Chelsea e un altra CL all’Inter. Mi ricorda piloti che spingono per andare in team vincente per poi perdere la propria essenza. Mou ha creduto di non essere più tipo da imprese impossibili e allora ha smesso di essere lo Special One
Un po' tipo Griezmann bellicapelli che da profilo D'Artagnesco all'Atletico e' andare a fare la putanona di regime al Barca peggiore degli ultimi 20 anni, per dirne un altro. O Higuain che per vincere uno scudo lascia Napoli per poi essere scaricato al Milan in prestito come fosse un Caldara qualunque.