Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

La pandemia di Coronavirus

dottkonrad

Campione
Moderatore
Registrato
20 Ottobre 2003
Messaggi
11.307
Ma il vaccino va distribuito e non serve ad una cippa (relativamente..) finche' non copri un numero altissimo di persone. Ci vorranno comunque mesi per arrivare capillarmente a quei livelli. Fino a Marzo/Aprile servira' massima attenzione a prescindere, ma questo virus ha bisogno solo di 2 settimane di riapertura modesta per tornare ad essere una minaccia.

Ma il vaccino serve a proteggere le persone fragili.
Vaccinate loro poi il virus può anche circolare per il tempo necessario a coprire il resto.

La popolazione italiana over 65 è di 14 milioni. Vaccinati loro il problema è gestibilissimo.
 

pendejo

Stella
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
17.692
Ma il vaccino serve a proteggere le persone fragili.
Vaccinate loro poi il virus può anche circolare per il tempo necessario a coprire il resto.

La popolazione italiana over 65 è di 14 milioni. Vaccinati loro il problema è gestibilissimo.
Senza contare che il vaccino ai medici e al personale sanitario già metterebbe al sicuro tantissime persone negli ospedali e nelle RSA. Che è il cuore del problema
io sono molto d'accordo su entrambe le cose
 

piotor

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
14.720
Ma il vaccino serve a proteggere le persone fragili.
Vaccinate loro poi il virus può anche circolare per il tempo necessario a coprire il resto.

La popolazione italiana over 65 è di 14 milioni. Vaccinati loro il problema è gestibilissimo.
Si e no. Il vaccino non funziona al 100% e alcune persone non possono essere vaccinate. Inoltre non sappiamo ancora quanto siano resistenti i vaccini ai vari ceppi virali.

Se vaccini solo gli anziani e riapri tutto in liberta' rischi comunque di avere ancora molta gente vulnerabile e a quel punto il contagio sarebbe praticamente certo, causa gente "giovane" che circola liberamente.

Servira' comunque una copertura importante, per l'immunita' di gregge serve almeno dal 70% in su.
 

dottkonrad

Campione
Moderatore
Registrato
20 Ottobre 2003
Messaggi
11.307
Io resto BASITO davanti alla questione sante messe

Ma davvero chi crede in Dio pensa il suo signore pretenda la presenza a messa in queste condizioni?

Ma non si possono sospendere fino a fine pandemia?
Pregare in casa?

Mi sembra incredibile
 

piotor

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
14.720
Ma credo sia soggettiva la cosa degli occhi. Io ad esempio riesco a starci abbastanza attento anche senza guanti.
Ho una confezione di disinfettante spray e tendo a usarlo quando tocco qualcosa

Però non è così semplice contagiarsi in giro se si sta attenti eh...

Sulla valutazione su quando rientrate ovviamente fai bene. Io dicevo solo di non avere il terrore del contagio. È una paura irrazionale.
Se si usano tutte le precauzioni il rischio è bassissimo e non enorme, anche in aeroporto.
:)
Ho capito, ma i miei hanno 70 e 80 anni con comorbidita'. Per quanto sia piccolo il rischio di contagio, non ha senso esporsi se porta praticamente alla morte certa dei miei.
Senza contare che poi dall'aeroporto non ho nessuno che mi viene a prendere e o faccio 3h di taxi a 200Euri o altrimenti sono due treni passando pure per centrale.
 
....

dottkonrad

Campione
Moderatore
Registrato
20 Ottobre 2003
Messaggi
11.307
Si e no. Il vaccino non funziona al 100% e alcune persone non possono essere vaccinate. Inoltre non sappiamo ancora quanto siano resistenti i vaccini ai vari ceppi virali.

Se vaccini solo gli anziani e riapri tutto in liberta' rischi comunque di avere ancora molta gente vulnerabile e a quel punto il contagio sarebbe praticamente certo, causa gente "giovane" che circola liberamente.

Servira' comunque una copertura importante, per l'immunita' di gregge serve almeno dal 70% in su.

Ma piotor l'obiettivo non è debellare il virus al 100%. Per quello ci vorrà tanto tempo e non è nemmeno sicuro avvenga.

E non è nemmeno evitare che qualcuno si ammali e muoia. Succede per molte malattie. Ci abitueremo alla cosa.

L'obiettivo è evitare il collasso del SSN, riaprire le attività e tornare ad una vita normale.

1000/2000 casi al giorno sono gestibilissimi
 

dottkonrad

Campione
Moderatore
Registrato
20 Ottobre 2003
Messaggi
11.307
Ho capito, ma i miei hanno 70 e 80 anni con comorbidita'. Per quanto sia piccolo il rischio di contagio, non ha senso esporsi se porta praticamente alla morte certa dei miei.
Senza contare che poi dall'aeroporto non ho nessuno che mi viene a prendere e o faccio 3h di taxi a 200Euri o altrimenti sono due treni passando pure per centrale.

Ti ho detto che sulla valutazione fai benissimo. Figurati.

Il punto era sul rischio "enorme" di contagio all'aereoporto. Non è enorme se si sta attenti, è bassissimo.

Poi ci sta che uno non si prenda nemmeno quel rischio minuscolo perché non vuole mettere in pericolo nessuno.

Ma è importante fare passare il messaggio che moltissime attività se fatte con la giusta attenzione NON sono ad "enorme rischio".

Tutto qui :)
 

BECCA10

Fuoriclasse
Registrato
21 Novembre 2005
Messaggi
13.535
Senza contare che il vaccino ai medici e al personale sanitario già metterebbe al sicuro tantissime persone negli ospedali e nelle RSA. Che è il cuore del problema
ecco qs ancora nn l'ho ben chiaro, da quello che ho letto una persona vaccinata puo' comunque prendere il virus e quindi teoricamente puo' comunque trasmetterlo quindi, ad esempio se il medico vaccinato è positivo nn avrà sintomi dato che i suoi anticorpi sono già pronti a combattere il virus ma puo' trasmetterlo al paziente nn vaccinato che va a visitare.
E' corretto ?
 

piotor

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
14.720
Ti ho detto che sulla valutazione fai benissimo. Figurati.

Il punto era sul rischio "enorme" di contagio all'aereoporto. Non è enorme se si sta attenti, è bassissimo.

Poi ci sta che uno non si prenda nemmeno quel rischio minuscolo perché non vuole mettere in pericolo nessuno.

Ma è importante fare passare il messaggio che moltissime attività se fatte con la giusta attenzione NON sono ad "enorme rischio".

Tutto qui :)
L'enorme rischio non e' quello del contagio, ma quello del contagio dei genitori. E' li' la questione.
Specie se uno non fa quarantena e tampone in arrivo. Oltre a dovere pure rispettare le regole oltre il cenone.
 

piotor

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
14.720
Ma piotor l'obiettivo non è debellare il virus al 100%. Per quello ci vorrà tanto tempo e non è nemmeno sicuro avvenga.

E non è nemmeno evitare che qualcuno si ammali e muoia. Succede per molte malattie. Ci abitueremo alla cosa.

L'obiettivo è evitare il collasso del SSN, riaprire le attività e tornare ad una vita normale.

1000/2000 casi al giorno sono gestibilissimi
Se riapri a bomba col 20% vaccinato i casi resteranno altissimi e anche lo ospedalizzazioni. Anzi e' "peggio" perche' la gente guarisce e sta piu' a lungo in ospedale.
 
Registrato
23 Giugno 2019
Messaggi
15.374
Il Veneto ci fa sapere quel cercavamo di sapere da un bel po' di tempo: dove avvengono i decessi.

In regione:

14% in Terapia intensiva
56% in Ospedale in altri reparti
23% in RSA
7% a casa

Non si sa perché la gente muoia nei reparti, specialmente quando le T.I. non sono sature.

Dice Ivo Tiberi, responsabile delle T.I. in due ospedali padovani:

“La domanda è corretta, ma la risposta è difficile, perché ogni ospedale ha la propria organizzazione assistenziale e bisognerebbe verificare le motivazioni per cui i deceduti erano in altri reparti. La spiegazione più ovvia è che non potessero migliorare anche se curati nell’unità critica, che l’accanimento fosse ormai inutile o che fossero già curati con ossigenoterapia e ventilatori in altri reparti”.

La fonte di questi dati e citazioni.
 

pendejo

Stella
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
17.692
Il Veneto ci fa sapere quel cercavamo di sapere da un bel po' di tempo: dove avvengono i decessi.

In regione:

14% in Terapia intensiva
56% in Ospedale in altri reparti
23% in RSA
7% a casa

Non si sa perché la gente muoia nei reparti, specialmente quando le T.I. non sono sature.

Dice Ivo Tiberi, responsabile delle T.I. in due ospedali padovani:

“La domanda è corretta, ma la risposta è difficile, perché ogni ospedale ha la propria organizzazione assistenziale e bisognerebbe verificare le motivazioni per cui i deceduti erano in altri reparti. La spiegazione più ovvia è che non potessero migliorare anche se curati nell’unità critica, che l’accanimento fosse ormai inutile o che fossero già curati con ossigenoterapia e ventilatori in altri reparti”.

La fonte di questi dati e citazioni.
già riuscire ad evitare quel 23% delle RSA
 
Registrato
24 Maggio 2011
Messaggi
34.063
Ti leggo ottimista. Ti sei accompagnato un po' troppo con @vierespo negli ultimi tempi? :ghigno
No no l'ha detto proprio Giani che ha sentito Speranza (se continua il trend di questo periodo è chiaro)...
@vierespo è quello che ad inizio pandemia era già sul catamarano a pescare i pesci e bombardare la Cina, io non dimentico :ghigno