Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Lothar Matthäus

Lothar10

Capitano
Registrato
12 Marzo 2004
Messaggi
9.629
ecco...questo significa avere personalità...essere Leader...
del resto...era il Boss...
senti parlare Lui e senti parlare quelli di adesso...beh...c'è il giorno e la notte di mezzo...
trasuda personalità anche semplicemente quando parla.
Provate ad immaginare che scarica di adrenalina fosse per i compagni quando non parlava ma giocava.
 

mourinhonumero1

Utente bannato
Registrato
8 Novembre 2016
Messaggi
77
Sinceramente non mi ricordo di questo gol. Ho in mente uno dei più bei gol segnati da Brehme con la nostra maglia, ma non mi pare fosse sugli sviluppi di un calcio d'angolo. E la partita era Inter-Pisa vinta con il risultato di 4-1. Destro al volo bellissimo. Sicuro che invece non ti riferissi al gol di Matthäus in un Bayer Monaco-Leverkusen? Quello sì che combacia con la tua descrizione e fu una perla di rara bellezza.

Possibile. Sai, ho una certa età.:D........ Ma fammi capire bene :

era da azione di angolo alla destra del portiere ?.....
chi ha battuto l'angolo ha messo un pallone alto, fuori area, che poi è sceso e, prima che toccasse terra fuori area, è stato colpito a volo e messo in rete (credo di destro, come dici tu...) come un missile con pochissima parabola ?....

Potrebbe essere stato Lotar a tirare ?.... possibile. E chi avrebbe battuto l'angolo ?....Brehme ?... ed io li ho confusi ?..... puo' essere. E òa partita ?....
 

Brasillach

Pallone d'oro
Registrato
19 Maggio 2007
Messaggi
21.502
E chi se lo scorda il trombettiere Rinaldo Bianchini. Grandissimo tifoso, ma ancor prima grandissimo uomo.

già....il Trombettiere.....che ricordi



"Il 'trombettiere della carica' ora spronerà la sua Inter dal cielo. In un angolo di paradiso nerazzurro, assieme a tanti amici che con lui vissero il periodo più bello della storia della Beneamata: Angelo Moratti, Helenio Herrera, Armando Picchi, Giacinto Facchetti, Italo Allodi, Peppino Prisco. Perché Rinaldo Bianchini, l'uomo che per tanti anni ha incitato la sua squadra dalle tribune con la sua inseparabile tromba, è stato molto più di un semplice tifoso. Con la sua scomparsa, avvenuta lunedì a causa di un male che non perdona, se ne va un altro pezzo di calcio, quello puro e genuino, passionale e sincero.

Nato a Zelo Buon Persico 74 anni fa, e fiero delle sue radici lodigiane, Bianchini si era poi stabilito a San Giuliano Milanese, posizione strategica per raggiungere la sua seconda casa, lo stadio 'Meazza', dove ogni domenica (e ogni mercoledì di coppa) caricava la truppa nerazzurra soffiando a pieni polmoni nella sua tromba, strumento che aveva imparato a suonare nella banda 'San Giuseppe' di Melegnano, arrivando poi a esibirsi in svariate orchestra e accompagnando addirittura, per qualche serata, un genio dello swing come il grande Fred Buscaglione.

'Ha girato tutto il mondo seguendo la Grande Inter - lo ricorda il fratello Franco -. Era molto noto nell'ambiente nerazzurro, con alcuni protagonisti di quell'epoca aveva stretto una sincera amicizia, in particolare con Allodi, Angelo Moratti, Herrera, Mazzola e Facchetti. L'Inter e la tromba erano le sue due grandi passioni: è riuscito a coniugarle diventando un personaggio molto amato'. Prima in curva e poi in tribuna, Bianchini ha vissuto da vicino oltre sei lustri di storia interista: fu il primo, nel 1960, a fondare un Inter Club, il primo ad addobbare lo stadio con gli striscioni colorati di nerazzurro. E ovunque andasse veniva accolto con entusiasmo anche dai tifosi avversari: 'Nel 1961 seguii una trasferta dell'Inter a Belgrado - si legge in una sua intervista rilasciata al 'Cittadino' e pubblicata l'8 luglio 1991 -. Decisi di partire da solo, con la macchina. Arrivato a Zagabria ebbi un guasto, dovetti abbandonare l'auto e prendere il treno, portando con me solo lo striscione che avevo preparato. Il disguido aveva scompaginato tutti i miei piani: infatti arrivai con grande ritardo, con Herrera e tutti i giocatori ad aspettarmi impazienti per andare in pullman allo stadio per la partita. Arrivati, allungai lo striscione e furono gli stessi tifosi della Stella Rossa ad aiutarmi ad appenderlo sulle tribune'. Del resto la sua filosofia di tifo era completamente improntata al fair play: 'Centomila persone non mi hanno mai fatto niente - diceva -, perché il mio scopo è semplicemente quello di guardare la partita e basta. Tifare significa solo incitare la propria squadra'.

Cosa che Bianchini ha fatto per una vita, dando fiato e polmoni al suo morbo nerazzurro e diventando un personaggio simbolo, citatissimo da radio e telecronisti (Bruno Pizzul in particolare ne raccontava spesso le gesta) di un calcio forse oggi perduto. 'Lo ricordo con tanta simpatia - dice il lodigiano Giampiero Marini, centrocampista dell'Inter a cavallo tra gli anni '70 e '80 -. In campo noi giocatori sentivamo la sua tromba, come segnale per caricarci o per festeggiare. È stata una persona che ha lasciato un segno importante nella storia dell'Inter'.

Le note del silenzio per uno degli ultimi paladini del tifo vero verranno suonate oggi pomeriggio alle ore 15 presso la chiesa di San Giuliano Milanese" (fabio ravera).
 
Registrato
26 Aprile 2016
Messaggi
24.548
Per chi si è perso una delle più belle giornate della Storia dell'Inter.
Punizione battuta 3 volte
C'era anche il trombettiere in tribuna
Chi se lo ricorda?
Suonava la carica...

è una delle partite che ricordo meglio
mi ricordo benissimo il gol di careca e il silenzio agghiacciante in curva
mi ricordo anche i giornali di napoli del giorno dopo qualcosa tipo "vergogna inter" per la punizione ripetuta

ma mi ricordo gli incitamenti alla squadra di lothar quando eravamo sotto, era un condottiero vero

il trombettiere c'era sempre, io lo ricordo da sempre, da piccolo
 

ForEver Banega

Titolare
Registrato
27 Luglio 2016
Messaggi
2.673
https://www.youtube.com/watch?v=3Jhl_oJs3ZY

comunque i nostri dirigenti non si smentivano manco all'epoca!!!

sentire all'inizio dell'intervista minuto 0,44

Si riferisce a Paolo Giuliani che all'epoca era DG. Tutto sommato me lo ricordavo come un buon dirigente. Fu grazie ad un suo blitz in Germania se arrivò Matthäus e con lui di conseguenza Andreas, e sempre grazie a lui se arrivò Nicolino Berti. Però questo aneddoto raccontato da Matthäus mi fa abbastanza ricredere sul suo conto. Il passaggio in cui Paolo domanda chi fosse Brehme dimostrando di non conoscerlo, con Matthäus che gli spiega che giocava nella nazionale, la posizione e tutto, assume in tal senso un valore emblematico. Anche se va detto che, se la memoria non mi inganna, Giuliani ebbe un mezzo litigio con Brehme nell'estate in cui andò via il Trap. Giuliani aveva infatti trovato un accordo col Verona per cedergli Brehme, ma quest'ultimo non ne voleva sapere e accusò l'altro di fare i suoi interessi personali. La storia si concluse con Pellegrini che licenzio' Giuliani e Brehme che rimase da noi un altro anno. In quell'occasione Matthäus prese le difese del connazionale. Ecco perché la versione raccontata da Lothar, per me va presa un po' con le pinze. Non vorrei fosse in parte anche dettata dal cattivo rapporto che si era instaurato con Giuliani all'epoca. Nonostante ciò, io mi sento di credere alle parole di Lothar e trovo la cosa a dir poco. imbarazzante
 

ForEver Banega

Titolare
Registrato
27 Luglio 2016
Messaggi
2.673
Possibile. Sai, ho una certa età.:D........ Ma fammi capire bene :

era da azione di angolo alla destra del portiere ?.....
chi ha battuto l'angolo ha messo un pallone alto, fuori area, che poi è sceso e, prima che toccasse terra fuori area, è stato colpito a volo e messo in rete (credo di destro, come dici tu...) come un missile con pochissima parabola ?....

Potrebbe essere stato Lotar a tirare ?.... possibile. E chi avrebbe battuto l'angolo ?....Brehme ?... ed io li ho confusi ?..... puo' essere. E òa partita ?....

Ti allego il video, faccio prima:
Era l'Aprile del 1993 al Bayarena, la stagione in cui aveva fatto ritorno a Monaco di Baviera dopo il nostro ottavo posto in campionato. Non trovo però il nome di chi calcio' l'angolo. Ora vedo di trovarlo facendo una ricerca più dettagliata.
 

ForEver Banega

Titolare
Registrato
27 Luglio 2016
Messaggi
2.673
Ti allego il video, faccio prima:
Era l'Aprile del 1993 al Bayarena, la stagione in cui aveva fatto ritorno a Monaco di Baviera dopo il nostro ottavo posto in campionato. Non trovo però il nome di chi calcio' l'angolo. Ora vedo di trovarlo facendo una ricerca più dettagliata.

Trovato. Era il 21 novembre 1992, non l'Aprile dell'anno dopo. Secondo tempo. Punteggio fermo sul 1-1. Corner dalla sinistra per il Bayern. Si incarica della battuta Mehmet Scholl, neo acquisto. Tutti in area, tranne Lothar che si trova fuori ad una distanza di 25 m in posizione centrale. Scholl la crossa a lui e... ciò che ne segue è un gol capolavoro di Matthäus. Eletto gol dell'anno. Uno dei più belli e difficili che gli sia mai riuscito in carriera. Una vera perla.
 

mourinhonumero1

Utente bannato
Registrato
8 Novembre 2016
Messaggi
77
Trovato. Era il 21 novembre 1992, non l'Aprile dell'anno dopo. Secondo tempo. Punteggio fermo sul 1-1. Corner dalla sinistra per il Bayern. Si incarica della battuta Mehmet Scholl, neo acquisto. Tutti in area, tranne Lothar che si trova fuori ad una distanza di 25 m in posizione centrale. Scholl la crossa a lui e... ciò che ne segue è un gol capolavoro di Matthäus. Eletto gol dell'anno. Uno dei più belli e difficili che gli sia mai riuscito in carriera. Una vera perla.

A parte il fatto che sei stato estremamente cortese e puntuale, e di questo ti ringrazio. Mi permetterei di insistere pero' sul fatto che il gol, assai simile a quello che tanto pazientemente hai cercato e dettagliato, era un tantino diverso :

1 . era certamente una partita dell'Inter

2 - il tiro parti' dal vertice sinistro fuori dall'area, a volo, come quello che hai allegato, ma una decina di metri piu' a sinistra

3 . non ricordo se l'angolo fu battuto da Brehme e il gol di Mattaus o viceversa..... ma i miei tre neuroni artritici ricordano bene le maglie nerazzurre di Lothar Mattaus e company.... Pero' amico ti ringrazio ancora di cuore. :birra:birra:birra
 

ForEver Banega

Titolare
Registrato
27 Luglio 2016
Messaggi
2.673
A parte il fatto che sei stato estremamente cortese e puntuale, e di questo ti ringrazio. Mi permetterei di insistere pero' sul fatto che il gol, assai simile a quello che tanto pazientemente hai cercato e dettagliato, era un tantino diverso :

1 . era certamente una partita dell'Inter

2 - il tiro parti' dal vertice sinistro fuori dall'area, a volo, come quello che hai allegato, ma una decina di metri piu' a sinistra

3 . non ricordo se l'angolo fu battuto da Brehme e il gol di Mattaus o viceversa..... ma i miei tre neuroni artritici ricordano bene le maglie nerazzurre di Lothar Mattaus e company.... Pero' amico ti ringrazio ancora di cuore. :birra:birra:birra

Nessun problema. Forse l'ho ripescato. Ma non si trattava di un corner, bensì di una punizione calciata da Brehme con Matthäus che colpisce al volo. Era la 17. Giornata della stagione 1989-1990 Inter Udinese 2:0.
Eccoti il video del gol:
Se non è nemmeno questo alzo le mani. No scherzo. Sono ben felice di ripercorrere questi bei momenti, anche perché questo gol non me lo ricordavo nemmeno.
Però ti consiglio di riguardarti anche il gol di Brehme contro il Pisa. Quello sì che lo ricordavo, perché mi era piaciuto un sacco. Mischia in area, palla ribattuta. Brehme si coordina fuori area. Destro al volo e gol capolavoro.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.781
Mi rimarrá sempre il rammarico che é andato via troppo prematuramente.

Fosse rimasto a vita, quindi fino a 40 anni come ha fatto a Monaco, avremmo certamente vinto un altro scudetto.

Mai visto un giocatore esercitare tanto carisma su un campo da calcio.
Non all'Inter almeno, questo di sicuro.

Direi solo Maradona e Gerrard avevano la stessa aura luminosa di generale-dittatore assoluto in campo.

Potessi clonare qualcuno dalla storia Inter per i giorni nostri, nessun dubbio: Lothar.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.781
curioso semmai non sia diventato un grande allenatore, aveva tutto per diventarlo

Forse l'unica spiegazione possibile é che gli piaceva troppo la gnagna per dedicarsi a tempo pieno al calcio anche smesse le scarpette.

Perché é sempre stato un gran puttániere, il buon vecchio Lotharuccio.
 

mourinhonumero1

Utente bannato
Registrato
8 Novembre 2016
Messaggi
77
Nessun problema. Forse l'ho ripescato. Ma non si trattava di un corner, bensì di una punizione calciata da Brehme con Matthäus che colpisce al volo. Era la 17. Giornata della stagione 1989-1990 Inter Udinese 2:0.
Eccoti il video del gol:
Se non è nemmeno questo alzo le mani. No scherzo. Sono ben felice di ripercorrere questi bei momenti, anche perché questo gol non me lo ricordavo nemmeno.
Però ti consiglio di riguardarti anche il gol di Brehme contro il Pisa. Quello sì che lo ricordavo, perché mi era piaciuto un sacco. Mischia in area, palla ribattuta. Brehme si coordina fuori area. Destro al volo e gol capolavoro.

ESATTO !!!.....​

:giusto Non era un angolo ma un ....similangolo. Molto grato per la pazienza. E' esattamente questo. :giusto
 

Udeno

Esordiente
Registrato
20 Agosto 2012
Messaggi
159
Mai visto un giocatore esercitare tanto carisma su un campo da calcio.
Non all'Inter almeno, questo di sicuro.

Direi solo Maradona e Gerrard avevano la stessa aura luminosa di generale-dittatore assoluto in campo.
Intendi, se ho ben compreso, un carisma in cui risaltino eccellenza tecnica e personalità (ascendente sui compagni). All'Inter queste doti le possedeva, probabilmente, Suarez (Picchi rientra in un'altra tipologia, quella dei Passarella e dei Varela). Ai giocatori che hai citato si può aggiungere senz'altro Crujff , e, per quel che sappiamo dai racconti di chi li ha visti, Di Stefano e Schiaffino.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.781
Intendi, se ho ben compreso, un carisma in cui risaltino eccellenza tecnica e personalità (ascendente sui compagni). All'Inter queste doti le possedeva, probabilmente, Suarez (Picchi rientra in un'altra tipologia, quella dei Passarella e dei Varela). Ai giocatori che hai citato si può aggiungere senz'altro Crujff , e, per quel che sappiamo dai racconti di chi li ha visti, Di Stefano e Schiaffino.

quello, soprattutto.
Doti di trascinatore.
Ovviamente dando per scontata anche l'eccellenza tecnica.

Non so quelli da te citati non li ho visti quindi non mi esprimo.

Per quel che ho visto, Maradona, Matthaeus e Gerrard in quanto trascinatori e totem sono quelli che mi sono rimasti piú impressi
 

Brasillach

Pallone d'oro
Registrato
19 Maggio 2007
Messaggi
21.502
Mi rimarrá sempre il rammarico che é andato via troppo prematuramente.

Fosse rimasto a vita, quindi fino a 40 anni come ha fatto a Monaco, avremmo certamente vinto un altro scudetto.

Mai visto un giocatore esercitare tanto carisma su un campo da calcio.
Non all'Inter almeno, questo di sicuro.

Direi solo Maradona e Gerrard avevano la stessa aura luminosa di generale-dittatore assoluto in campo.

Potessi clonare qualcuno dalla storia Inter per i giorni nostri, nessun dubbio: Lothar.

:giusto:giusto
 

mourinhonumero1

Utente bannato
Registrato
8 Novembre 2016
Messaggi
77
Intendi, se ho ben compreso, un carisma in cui risaltino eccellenza tecnica e personalità (ascendente sui compagni). All'Inter queste doti le possedeva, probabilmente, Suarez (Picchi rientra in un'altra tipologia, quella dei Passarella e dei Varela). Ai giocatori che hai citato si può aggiungere senz'altro Crujff , e, per quel che sappiamo dai racconti di chi li ha visti, Di Stefano e Schiaffino.
Penso che all'Inter abbiamo avuto piu' di un trascinatore, intendendo per tale appunto il calciatore forte, esperto, che ha ascendente sugli altri, che ha carisma ecc.... Recentemente Cambiasso e Zanetti. Andando a memoria indietro ricordo Baggio, Passarella, Mattaus appunto, Zamorano, Guarneri. Mario Corso, Suarez .....questo pero' lo puoi dedurre guardando le partite allo stadio, non in TV.
 

Notizie Inter