Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Lothar Matthäus

mercury88

Capitano
Registrato
5 Marzo 2017
Messaggi
8.666
auguri Panzer!
essendo un classe 88 io , me lo ricordo solo a fine carriera come difensore nel Bayern di fine anni 90, ma avendo un fratello maggiore e uno zio stratifoso nerazzurro , sono cresciuto col suo mito con i suoi racconti, con le VHS dei suoi goal, per questo lo porto sempre nel cuore
 

apronus

Prima squadra
Supporter
Registrato
20 Giugno 2008
Messaggi
565
Auguri Campione !!!
Giocatore veramente totale , forza fisica ed intelligenza calcistica con un ottimo fiuto per il goal.
Peccato solo che sia andato via troppo presto , visto che ha ancora fatto poi 8 anni nel Bayern Monaco
 

euforia3

Pulcino
Registrato
10 Dicembre 2015
Messaggi
10
Tanti auguri Lothar. IL CALCIATORE!
Grazie per aver reso migliori le mie giornate calcistiche...ancora oggi ti rimpiango e mio figlio di 13 anni ti considera un mito.
 
Registrato
18 Agosto 2020
Messaggi
1.342
Auguri Lothar, Andy partì subito a razzo, invece tu qualche mugugno lo hai causato. Forse il centrocampista più completo che ho visto con i nostri colori. La punizione con il Napoli l’apoteosi di uno scudetto dei record che resterà indelebile. Scaricato troppo presto, tra i tanti meriti un unico appunto la stagione 89/90 giocata non al massimo, come hai pure ammesso anni dopo, che porterà il titolo mondiale in Germania.
 
Registrato
1 Marzo 2014
Messaggi
4.246

Lothar Matthaus compie 60 anni: “Inter la mia squadra, lo sarà per sempre.”​


So tutto dell'Inter. È la mia squadra, lo sarà per sempre. È una questione affettiva difficile da spiegare. Quando la vedo giocare, dentro di me è un tumulto di emozioni".

Oggi Lothar Matthäus compie 60 anni. I ricordi che lo legano alla nostra storia sono tanti e tutti speciali: dall’estate del 1988 al 1992 ha indossato la maglia nerazzurra per quattro stagioni indimenticabili nelle quali ha mostrato il suo talento da centrocampista moderno e la sua mentalità vincente:

"Ho sempre giocato per vincere. La nostra era una squadra eccezionale, avevamo cuore e penso sia stato questo il fattore decisivo".

Il debutto il 21 agosto 1988, Parma-Inter 1-2 di Coppa Italia: esordio e gol, su rigore, al 78': il primo dei 53 segnati con la maglia nerazzurra. 153 presenze e reti determinanti per la conquista dello Scudetto ‘89, della Supercoppa Italiana e la Coppa Uefa 1991: la punizione storica e decisiva nella sfida Scudetto contro il Napoli, il gol su rigore contro la Roma nell’andata a San Siro prima del raddoppio di Berti nella vittoria che regalò, nonostante la sconfitta al ritorno, la prima Coppa Uefa della storia nerazzurra.

"Far parte di quella squadra è stato per me un gran divertimento e un grandissimo privilegio. Quando abbiamo sollevato la Coppa eravamo esaltati, felici per noi stessi e per i tifosi. Eravamo forti, ma soprattutto, eravamo un gruppo fantastico”.

E poi il Pallone d’Oro nel 1990, mostrato a San Siro nell'anno in cui, sempre in Italia, fu protagonista (con quattro gol) della vittoria della Germania al Mondiale:

"Sollevarlo in casa è stato un brivido incredibile. Ricordo che lo stadio era pienissimo e il mio sorriso incantato. Condividere con i tifosi nerazzurri quel momento è stato magico: ogni calciatore gioca per i propri supporters, è vero, ma loro significano tantissimo per me".

Il mix di talento, tecnica, potenza, temperamento e mentalità da leader, gli hanno permesso in occasione delle celebrazioni per il 110° anniversario di fondazione di FC Internazionale Milano, di entrare a far parte della Hall Of Fame dell’Inter, come primo centrocampista.
Pallone d'Oro in maglia nerazzurra, Campione del Mondo con la Germania, Hall of Famer dell'Inter: Lothar ha segnato in maniera eterna la storia dell'Inter.

(inter.it)


:love: :love: :love: :love: :love:
 

Julius1985

Turnover
Registrato
12 Dicembre 2018
Messaggi
1.036
Proprio oggi per caso guardavo la finale CL del 99 persa dal suo Bayern negli ultimi 30 secondi praticamente, dove c'era anche un'intervista a lui. Me lo ricordo bene all'Inter quando ero piccolo. I tre tedeschi, Zenga, Berti.... Ci rimasi male quando andò via. Auguri!!!!
 

F0r3v3r

Turnover
Registrato
13 Agosto 2018
Messaggi
1.032
Che ricordi....Ho ancora ben impressa quell’estate, per non parlare poi del campionato!
Il primo giocatore per il quale stravedevo!
Auguri Lothar!!!
 
Registrato
22 Giugno 2009
Messaggi
3.809
Devo aver letto da qualche parte (magari anche qui sul forum):
Lothar non era un centrocampista, lui era un centrocampo.

purtroppo non ho fatto in tempo a vederlo con noi... ma mio papà lo adora e tuttora sospira ogni volta che ne parla
 
Registrato
9 Settembre 2014
Messaggi
11.452
Quando acquistammo Matthaeus, ero molto felice perché lo ritenevo un giocatore fortissimo ma non il campione che molti lo consideravano. Mi bastarono pochissime partite per ricredermi e rendermi conto della sua vitale importanza per la squadra anche quando il pallone ce l'aveva lui - immenso !
L'anno dei Mondiali (del '90) la Nazionale Tedesca indossò una maglia un po' strana ma secondo me bellissima, bianca con un sorta di "V" sul davanti con i colori della bandiera Tedesca. Mi piaceva un sacco e me ne comprai una, ovviamente con il numero 10 ed il nome di Matthaeus, e la indossavo spessissimo nel tempo libero. Un giorno ero andato al mare con i miei amici, sulla strada del ritorno (a quei tempi la FiPiLi non esisteva) avevo davanti un camion che oltre ad andare pianissimo emetteva anche uno scarico pestilenziale. Per un po' cercai di resistere, ma appena trovai un tratto di strada libera lo sorpassai. Manco a dirlo in fondo alla strada c'era una pattuglia della Polizia, che ovviamente mi fermò. L'agente mi aveva già preannunciato la molta, ma prima mi chiese di aprire il baule della macchina. Scesi per farlo e lui si accorse della maglietta, mi lanciò una battuta e poi parlammo brevemente di calcio, non so se fosse tifoso della Germania o dell'Inter, di certo c'è che si limitò a farmi una ramanzina e mi lasciò ripartire senza avermi multato. :p
 

zeroundici

Vice capitano
Registrato
24 Gennaio 2013
Messaggi
6.132
Quando acquistammo Matthaeus, ero molto felice perché lo ritenevo un giocatore fortissimo ma non il campione che molti lo consideravano. Mi bastarono pochissime partite per ricredermi e rendermi conto della sua vitale importanza per la squadra anche quando il pallone ce l'aveva lui - immenso !
L'anno dei Mondiali (del '90) la Nazionale Tedesca indossò una maglia un po' strana ma secondo me bellissima, bianca con un sorta di "V" sul davanti con i colori della bandiera Tedesca. Mi piaceva un sacco e me ne comprai una, ovviamente con il numero 10 ed il nome di Matthaeus, e la indossavo spessissimo nel tempo libero. Un giorno ero andato al mare con i miei amici, sulla strada del ritorno (a quei tempi la FiPiLi non esisteva) avevo davanti un camion che oltre ad andare pianissimo emetteva anche uno scarico pestilenziale. Per un po' cercai di resistere, ma appena trovai un tratto di strada libera lo sorpassai. Manco a dirlo in fondo alla strada c'era una pattuglia della Polizia, che ovviamente mi fermò. L'agente mi aveva già preannunciato la molta, ma prima mi chiese di aprire il baule della macchina. Scesi per farlo e lui si accorse della maglietta, mi lanciò una battuta e poi parlammo brevemente di calcio, non so se fosse tifoso della Germania o dell'Inter, di certo c'è che si limitò a farmi una ramanzina e mi lasciò ripartire senza avermi multato. :p
Ho anche io quella maglietta