Piero Ausilio

mercury88

Capitano
From Biasin

Dunque, è parecchio difficile scrivere qualcosa di originale sullo scudetto nerazzurro e non ne siamo in grado. Facciamo un tentativo. Nel bel mezzo degli osanna per tutti e, soprattutto, per Giuseppe Marotta e Antonio Conte - pedine fondamentali per riportare in nerazzurro l’antica mentalità vincente - due figure meritano una celebrazione a parte: Gabriele Oriali e Piero Ausilio.

Il primo è tornato in nerazzurro insieme a Conte. Oh, merito di Marotta. Deve aver pensato: "Ricompongo la coppia azzurra". Grande idea. Nelle vesti di tuttofare Oriali ha funzionato come ai tempi di Mancini (tre scudetti) e Mourinho (altri due). Ebbene, una volta può essere un caso, due pure, la terza no.

Quindi, il direttore sportivo, da sempre figura professionale tra le più contestate ("doveva prendere Tizio! Perché ha preso Caio!". E così via). Ecco, Piero Ausilio ha in mano il mercato dell'Inter dal giugno 2014, ovvero uno dei periodi economicamente e sportivamente più complicati nella storia del club. Gli è toccato affrontare il mitologico "Settlement agreement", ovvero l’accordo firmato con l’Uefa che ha trasformato il classico lavoro del suddetto ds in un mestiere molto simile a quello del commercialista (riuscire a consegnare all’Uefa un bilancio complessivo di -30 milioni nel triennio e, in contemporanea, provare a vincere qualcosa). Un’impresa disperata, diciamolo: o spendi e pensi alla classifica, oppure guardi ai conti. Ausilio ha fatto acrobazie, ha rinunciato a dozzine di giovani talenti perché "o loro, o i titolari della prima squadra", ha certamente preso qualche granchio, ma nel complesso ha trasformato una rosa mediocre (nel 2014 si faceva fatica a metterne insieme 11) in quella dei campioni d'Italia.
si tutto vero , diciamo Ausilio non è proprio un incapace, ma messo al fianco di un marotta ci sta benissimo
 


Oggi ci siamo ritrovati ad Appiano dopo due giorni di riposo per festeggiare tutti assieme. E' stato un percorso difficile, non è mai facile quando cambi tre proprietà in pochi anni. Nel periodo Zhang il tempo è stato quello giusto, abbiamo riorganizzato la società in pochissimo tempo. Negli ultimi due anni abbiamo poi ridefinito il percorso e lo abbiamo reso vincente con l'arrivo di Conte". Parla così, a Sky Sport, il direttore sportivo dell'Inter, Piero Ausilo: "Per come era finita la passata stagione, sentivo delle sensazioni positive, per quello che era stato il nostro lavoro. Era già stato un anno positivo, e da lì dovevamo ripartire".

Adesso arriva la parte difficile: confermarsi. "Intanto adesso ci godiamo un po' di riposo, ma la nostra stagione non è finita. Abbiamo ancora quattro gare, dobbiamo onorare il campionato e chiudere al meglio la stagione. Poi avremo il tempo di programmare il futuro. Ora ci godiamo il successo, sperando di poterlo condividere con i nostri tifosi nel modo adeguato nei prossimi giorni. Per il resto, dovremo essere capaci di mantenere la qualità della squadra, con un occhio all'aspetto finanziario".

Spalletti e Conte. "Non dimentico le persone con cui ho lavorato. Con Spalletti è partito il percorso di rinascita, anche al livello europeo. Conte è uno che porta tutto all'eccesso, un valore aggiunto. All'inizio di questa stagione c'erano tante squadra in lizza, e Conte ha fatto la differenza. Se fosse stato su un'altra panchina, magari lo scudetto sarebbe andato da un'altra parte. Qualsiasi squadra deve essere organizzata e strutturata partendo dall'allenatore, e solo un grande allenatore come lui poteva gestire tutte le pressioni che abbiamo avuto in questi anni".

Ora va definito anche il futuro di Conte. "Non penso ci sarà un meeting ufficiale, ci saranno degli incontri come in tutte le società. Lo faremo anche noi, magari in un modo più riservato".

Mourinho alla Roma. "Sposterà tantissimo, farà bene nell'ambiente giallorosso. E ci sarà un ritorno positivo anche per tutto il nostro calcio. Come parte di un sistema, sono molto felice che sia tornato in Italia".

C'è mai stata la possibilità di rivedere Mourinho all'Inter in questi anni? "No, non c'è mai stata la possibilità. Lui ha sempre lavorato in grandi club, noi siamo partiti con un percorso difficile e diverso, concluso e definito al meglio con Conte".

Sensazioni su Conte. "Penso che il mister abbia solo voglia di confermarsi, così come noi abbiamo voglia di crescere e di continuare a vincere. Bisogna però anche essere realisti e affrontare dei temi che a tempo debito andranno affrontati. La pandemia ha diminuito i ricavi in tutto il mondo del calcio, e noi viviamo di ricavi che poi vengono utilizzati per il mercato. Senza, servono anche fantasie e idee".

Il capitolo rinnovi è al momento in sospeso? "Molto è già stato fatto, in realtà. Soprattutto nel caso Bastoni,l'accordo va solo formalizzato. Non cambia nulla aspettare 10 o 15 giorni. Dopo il progetto finanziario che il club ci illustrerà, andremo a definire i vari casi".

Situazione Lautaro. "Eravamo a buon punto per il rinnovo, ma il fatto che abbia cambiato gli agenti ci mette nelle condizioni non dico di ricominciare da capo, ma quasi".

C'è il rischio di dover cedere i giocatori con ingaggi troppo alti? "E' prematuro, sono discorsi non ancora affrontati. Vogliamo fare le cose per bene, e questo non vuol dire vendere dei giocatori. Bisogna fare un'analisi generale con tutte le componenti della società. Cercheremo ovviamente di fare in modo che i migliori possano restare, facendo coincidere le esigenze del club".

La svolta di Eriksen. "E' un professionista pazzesco, ha sorpreso anche noi. Non è mai facile arrivare in Serie A, l'impatto con un nuovo ambiente, col sistema di gioco. C'ha messo un po', ma siamo molto felici di poter commentare il valore del ragazzo e tutto quello che ha dato alla squadra per la conquista dello scudetto".
 

bluefire91

Turnover
Sky - Simone Inzaghi, ufficialmente nuovo allenatore dell'Inter, è arrivato ad Appiano Gentile per prendere contatto con la nuova realtà nerazzurra. Il tecnico, accompagnato dal direttore sportivo Piero Ausilio, ha visitato il centro sportivo interista e si trova ora a pranzo, con uno sguardo al mercato.

Sono tornati i pranzi di ausilio 😂
 

Numerodue

Bandiera
Moderatore
Supporter
Sky - Simone Inzaghi, ufficialmente nuovo allenatore dell'Inter, è arrivato ad Appiano Gentile per prendere contatto con la nuova realtà nerazzurra. Il tecnico, accompagnato dal direttore sportivo Piero Ausilio, ha visitato il centro sportivo interista e si trova ora a pranzo, con uno sguardo al mercato.

Sono tornati i pranzi di ausilio 😂

Non hai capito, sono al mercato di Appiano Gentile. Ausilio ha comprato il cartoccetto di fritto e lo stanno mangiando tra le bancarelle...
 

PupiKova

Vice capitano
Non so se è merito suo, merito di Beppe o merito di entrambi.. ma vendere Icardi a 50mln + 22mln di bonus vale al 200% una statua all’ingresso del campo di allenamento alta 5 metri
 

kit carson

Prima squadra
Non so se è merito suo, merito di Beppe o merito di entrambi.. ma vendere Icardi a 50mln + 22mln di bonus vale al 200% una statua all’ingresso del campo di allenamento alta 5 metri
Quando lavorava con Marotta anche paralitici sembrava bravo.
E quando Ausilio ha lavorato da solo ha faticato a guadagnarsi una sufficienza.
Ausilio è un bravo direttore sportivo ma è Marotta a fare la differenza.
Nel caso di Icardi, Ausilio non avrebbe mai avuto il coraggio di gestirlo in quel modo, mai.
 

mercury88

Capitano
Quando lavorava con Marotta anche paralitici sembrava bravo.
E quando Ausilio ha lavorato da solo ha faticato a guadagnarsi una sufficienza.
Ausilio è un bravo direttore sportivo ma è Marotta a fare la differenza.
Nel caso di Icardi, Ausilio non avrebbe mai avuto il coraggio di gestirlo in quel modo, mai.
si è bravo a vendere i giovani, e fra tanti visionati qualcuno buono è venuto fuori, vedi lautaro e bastoni, lo stesso skriniar, anche se era già titolare nella samp, ma vendere un icardi in quella situazione l'avrebbe venduto a molto meno
 

Stupor_Mundi

Turnover
Quando lavorava con Marotta anche paralitici sembrava bravo.
E quando Ausilio ha lavorato da solo ha faticato a guadagnarsi una sufficienza.
Ausilio è un bravo direttore sportivo ma è Marotta a fare la differenza.
Nel caso di Icardi, Ausilio non avrebbe mai avuto il coraggio di gestirlo in quel modo, mai.
Ho mostrato in svariati messaggi, tutti corroborati dalle cifre, che Ausilio è stato il MIGLIORE DS rispetto a TUTTI quelli in attività, se vuoi puoi andarli a rivedere; lo ho paragonato a :poop:🦓, BBilan, Roma (compreso Sabatini alla Roma ), Napoli, Lazio, chi ti pare. L'unico migliore è stato BIGON quando era al Napoli.
Posso sempre andare a riprenderli, se non vuoi faticare, ma li puoi trovare anche sul mio profilo, credo...:nonso
 

Stupor_Mundi

Turnover
Marotta in 2 anni uno scudetto. Ausilio 10 anni...
Ho mostrato in svariati messaggi, tutti corroborati dalle cifre, che Ausilio è stato il MIGLIORE DS rispetto a TUTTI quelli in attività, se vuoi puoi andarli a rivedere; lo ho paragonato a :poop:🦓, BBilan, Roma (compreso Sabatini alla Roma ), Napoli, Lazio, chi ti pare. L'unico migliore è stato BIGON quando era al Napoli.
Posso sempre andare a riprenderli, se non vuoi faticare, ma li puoi trovare anche sul mio profilo, credo...:nonso
 

Stupor_Mundi

Turnover
10 anni di cene e pranzi a diritto.
Ho mostrato in svariati messaggi, tutti corroborati dalle cifre, che Ausilio è stato il MIGLIORE DS rispetto a TUTTI quelli in attività, se vuoi puoi andarli a rivedere; lo ho paragonato a :poop:🦓, BBilan, Roma (compreso Sabatini alla Roma ), Napoli, Lazio, chi ti pare. L'unico migliore è stato BIGON quando era al Napoli.
Posso sempre andare a riprenderli, se non vuoi faticare, ma li puoi trovare anche sul mio profilo, credo...
 

-Rafael93-

Campione
Ho mostrato in svariati messaggi, tutti corroborati dalle cifre, che Ausilio è stato il MIGLIORE DS rispetto a TUTTI quelli in attività, se vuoi puoi andarli a rivedere; lo ho paragonato a :poop:🦓, BBilan, Roma (compreso Sabatini alla Roma ), Napoli, Lazio, chi ti pare. L'unico migliore è stato BIGON quando era al Napoli.
Posso sempre andare a riprenderli, se non vuoi faticare, ma li puoi trovare anche sul mio profilo, credo...
In questa discussione o su "Suning"? Ho visto i messaggi sul tuo profilo e ho visto solo messaggi su "Suning".
 

Stupor_Mundi

Turnover
In questa discussione o su "Suning"? Ho visto i messaggi sul tuo profilo e ho visto solo messaggi su "Suning".
Su "piero Ausilio",in quanto ho dovuto dimostrarlo perché qui ci sono molti Troll, ultimamente era una discussione ferma , ma i leoni da tastiera son o improvvisamente tornati, essi si aggregano facendo branco, dato che non possono farsi forti dei dati, preferiscono farsi forti del gruppo, ma posso comunque ripostare tutto, anche riguardo a Giuntoli, Sabatini, Tare...ecc.ecc.
 

Stupor_Mundi

Turnover
Strakosha era nelle giovanili, Luiz Felipe viene dato come valore a 12mln da Transfermarkt; Milinkovic Savic -a detta di Transfermarkt- è sceso dalla pretesa di 90mln a 70mln; Correa 2018-2019 5 reti 2019-2020 6 reti, ha già 25 anni ma magari questo è il suo anno; Luis Alberto è arrivato alla Lazio scartato da Liverpool, Malaga e Deportivo
ma se fosse arrivato qui tutti gli avrebbero dato dell'incostante, ha fatto comunque un buon 2017-2018; Immobile, nel 2016 è stato pagato quanto Wallace...uno lo becchi e uno no, inoltre dopo l'anno fantastico nel Torino era stato bocciato da Dortmund,
Siviglia e di nuovo Torino, anche lui ha avuto un fantastico 2017-2018 (valore secondo Transfermarkt 45mln).
Tare ha comunque vinto due Coppe Italia e ha il bilancio in regola, ma anche noi... e noi venivamo dal disastro finanziario morattiano...abbiamo tuttavia recuperato...e abbiamo i rivenduto "malvoluti" senza perdite...
Per quel che riguarda i terzini...chi consiglieresti??

Veniamo al valore delle rose
(prendiamo come campione Transfermarkt perché comunque ognuno può dire quel che vuole):
All'arrivo di Ausilio l'Inter valeva 230,40mln e la Lazio 125,30mln, oggi la Lazio vale 333,85mln e l'inter 632,90mln quindi l'inter ha avuto un miglioramento del 175% e la Lazio del 167%, per cui la bilancia pende a favore di Ausilio, al quale non si possono imputare anche le scelte tecniche degli allenatori che non riescono a vincere la Coppa Italia...
questo era un mio post riguardante la Lazio
 

Stupor_Mundi

Turnover
Meglio di Giuntoli certamente, soprattutto dal lato finanziario;
Bigon, prima di Giuntoli, aveva portato Koulibaly a 8mln, Albiol a 11mln, Higuain a 38mln, Callejon a 9mln, ha portato anche il prestito di Reina, pagato da Giuntoli l'anno dopo a 3,5mln, Mertens a 9,5mln, ha rivenduto Lavezzi per 30 dopo anni (Lo aveva comprato Pierpaolo Marino per meno di 7mln, Marino aveva anche comprato Hamsik per 5,5mln. Tuttavia lo stesso Marino comprò per un totale di 33mln in una sola stagione (e i prezzi erano ben altri) Contini, Blasi, Gargano, Zalayeta, Navarro, Santacroce, Mannini e Pazienza. Mannini e Santacroce costarono più di Hamsik, ma alcume cose vanno bene e la maggioranza male...
A Bigon andò quasi tutto bene, ma i benefici li ha visti Giuntoli, che in questo forum, e solo in questo, gode di credito illimitato presso alcuni utenti, per carità, può anche stare simpatico, ma i numeri sono freddi e impersonali
Questo riguardava il Napoli
 

Stupor_Mundi

Turnover
La Roma ha purtuttavia vinto ZERO; fra i non nominati possiamo citare Iturbe, per cui ha sborsato 26mln.
Marquinhos lo ha preso nel 2012 e venduto nel 2013 (Sabatini non si è ripetuto da noi);
Pjanic è arrivato alla Roma nel 2011 con una clausola di solo 32mln (ma i prezzi erano diversi); Strootman arrivò alla Roma nel 2013 per 20mln
e ha fatto schifo (grazie all'infortunio); nel 2015, l'anno che prese Salah per 20,5mln (venduto poi a 40, esplose al Liverpool), lo cercava anche Ausilio, ma i calzolai viola non ce lo vollero dare, presero anche Dzeko per 15mln, comprarono anche Ibarbo a 14mln, Iago Falque a 9mln, Rudiger a 13mlm (poi dette al BBilan le fregature Romagnoli e Bertolacci); nel 2015 effettivamente, grazie all'insistenza del Mancio, Kondo arrivò da noi per 35mln, ma il povero Ausy ha poi dovuto trovare un compratore ed è poi riuscito a rivenderlo senza perdite (ammortamento del primo anno a parte);
Alisson (non Allison) è arrivato come riserva di Szczęsny e poi si è imposto, il colpo di fortuna capita...; per Nainggolan ha insistito Spalletti e il Povero Ausy nuovamente non ha saputo dire di no...
per questo è arrivato Marotta, il cui precipuo compito è dettare la via all'allenatore, e non seguirla...
Questo era sulla Roma
 

Stupor_Mundi

Turnover
Giuntoli chi? Quello di Pepe Reina (pagato 3,5mln e poi svincolato), Valdifiori (5,6mln ceduto per 3,5mln), Grassi (8,5mln), Tonelli (9,5mln), Diawara (14,4mln), Rog (19mln), Milik (32mln, è aumentato di valore?), Zielinski (21,5mln prima dello schizzo dei prezzi),
Pavoletti (13mln), Ounas (10mln rivenduto a 10), Mario Rui (preso a 8 vale 10), Verdi (25mln rivenduto al Torino, qui è stato bravo a fregare il Toro riprendendo i soldi spesi), Fabian Ruiz (paga la clausola), Di Lorenzo (9mln), Manolas (36mln), Elmas (18,5mln) Lozano (42mln)?
E non dimenticatevi che è stato l'unico a cedere un calciatore con la clausola a un prezzo inferiore alla clausola (Higuain:LOL::LOL::LOL:)...
Inoltre: cosa ha vinto il Napoli da quando è arrivato Giuntoli (01-07-2015)? ZERU TITULI:)
Questo ancora su Giuntoli, come quello di un paio di giorni fa
 

Notizie Inter

Alto