Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!
  • Benvenuto su Interfans.org

    Il forum dei tifosi dell'Inter, registrati per discutere con centinaia di cuori neroazzurri
    Stai navigando nella nostra community come Ospite.

    Avere un account su Interfans.org ti permetterà di creare e partecipare alle discussioni, mandare messaggi privati agli altri utenti, partecipare ai nostri quiz e giochi e di utilizzare tutte le funzioni di questo sito.
    Condividi anche tu la tua passione per Interfans.org

    Registrarsi è gratis!

Politica (re-loaded)

chupacabra

Titolare
Registrato
8 Giugno 2011
Messaggi
2.888
E' curioso lo strappo esistente tra l'opinione pubblica "istituzionalizzata " e fatta dai media, rispetto a quella reale.
sarebbe un caso da approfondire, la gente, sbagliando o no, pensa con la propria testa o si lascia influenzare da altri fattori/politici. ma non si lascia più influenzare dalla maggior parte della stampa, media, tv...
mmmmmm occhio.
Che questo è un discorso molto molto pernicioso.

Per capirsi: non so te, ma io, che la gente "pensa con la propria testa o si lascia influenzare da altri fattori/politici", lo sento da quindic'anni abbondanti da... i media.

La nostra è una società mediatica, non si scappa. L'opinione pubblica è un costrutto mediatico. L'agenda, il lessico, gli orizzonti del discorso pubblico si formano nei media. Dai media impariamo a pensare - a tutto tondo: fiction, entertainment, pubblicità, marketing, comunicazione istituzionale, concorrono a formare la nostra visione del mondo tanto quanto il discorso prettamente politico, sociale, intellettuale.

Viviamo letteralmente imbevuti nella propaganda, non esiste fenomeno sociale che sia al di fuori di una continua influenza mediatica.

Dopodiché si può approfondire la continua evoluzione delle molteplici modalità di questa influenza, ma partire contrapponendo un'opinione pubblica "istituzionalizzata" ad una "reale", od osservando che la gente non si lasci più "influenzare dalla maggior parte della stampa, media, tv"... porta immediatamente completamente fuori strada.
 

Milito221

Vice capitano
Registrato
26 Agosto 2014
Messaggi
5.322
Ma chi lo dice? L'inflazione é all'1.5%, nel giugno 2016 (referendum) era allo 0.5. Il tasso di occupazione e in crescita costante dal 2012, come i salari.
I capitoli dedicati alle variazioni dei tassi di cambio sui miei libri di economia.
Sterlina più debole=prodotti interni più economici, prodotti esteri più cari.
Domanda aggregata si sposta verso I prodotti interni=crescita produzione, crescita occupazione e crescita inflazione e salari.
Domanda estera maggiore = più esportazioni, crescita produzione, crescita occupazione e crescita inflazione e salari.
Beni esteri più cari = meno produzione, più inflazione, più salari
 
Ultima modifica:

denniveron

Fuoriclasse
Registrato
23 Ottobre 2016
Messaggi
13.455
mmmmmm occhio.
Che questo è un discorso molto molto pernicioso.

Per capirsi: non so te, ma io, che la gente "pensa con la propria testa o si lascia influenzare da altri fattori/politici", lo sento da quindic'anni abbondanti da... i media.

La nostra è una società mediatica, non si scappa. L'opinione pubblica è un costrutto mediatico. L'agenda, il lessico, gli orizzonti del discorso pubblico si formano nei media. Dai media impariamo a pensare - a tutto tondo: fiction, entertainment, pubblicità, marketing, comunicazione istituzionale, concorrono a formare la nostra visione del mondo tanto quanto il discorso prettamente politico, sociale, intellettuale.

Viviamo letteralmente imbevuti nella propaganda, non esiste fenomeno sociale che sia al di fuori di una continua influenza mediatica.

Dopodiché si può approfondire la continua evoluzione delle molteplici modalità di questa influenza, ma partire contrapponendo un'opinione pubblica "istituzionalizzata" ad una "reale", od osservando che la gente non si lasci più "influenzare dalla maggior parte della stampa, media, tv"... porta immediatamente completamente fuori strada.
rassegnarsi a questa frase è molto pericoloso. Informarsi, essere attenti ma soprattutto cominciare a parlare con sè stessi e domandarsi "perchè lo sto facendo?", aiuta a essere più attenti a quello che ci gira attorno. Non tutti soffrono di un disturbo metacognitivo, si può essere attenti a sè stessi.

dopo sta pappardella che mi ha auto annoiato però arrivo al dunque..
basta accendere la tv. siamo bombardati da certi tipi di messaggi (e alcuni, molti, sono anche giustissimi eh!): tipo basta tenere la pubblicità di sky e verrai inondato da piccoli promo dove dei bambini della scuola materna dicono frasi razziste e poi arriva la maestra, il papà che spegne la tv (gesti simbolico autolesionista per la tv stessa) e inizia a comporre a scarabeo parole di pace correggendo parole d'odio che i figli avevano messo insieme..
(PARENTESONA: perchè i bimbi passano sempre da odiatori da educare? nella realtà è il contrario....).

Il tutto in un contesto politico che fa direttamente o no guerra alla Lega a Salvini..
poi guardi i risultati, guardi le proiezioni di voto...e ne risulta che la gente non è così influenzata da un bombardamento mediatico che fino a pochi anni fa sarebbe stato fatale...

è una cosa strana e fa riflettere..
 

Carpent

Presidente
Registrato
14 Maggio 2008
Messaggi
108.929
Obiettivo del M5s - Se la Popolare di Bari dovesse diventare di proprietà dello Stato come ipotizzato da Di Maio, ciò consentirebbe di "creare la banca pubblica per gli investimenti, che è un obiettivo del programma del Movimento 5 Stelle e che, tra l'altro, è anche dentro il programma di governo", ha spiegato il ministro degli Esteri. Di Maio ha poi sottolineato che "non faremo come qualcuno in passato con le banche Venete, che furono ripulite con i soldi degli italiani e poi furono regalate (al prezzo di un euro) ad altre banche".


Cosa è che vuole creare questo?
 

carlo314

Vice capitano
Moderatore
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
5.497
I capitoli dedicati alle variazioni dei tassi di cambio sui miei libri di economia.
Sterlina più debole=prodotti interni più economici, prodotti esteri più cari.
Domanda aggregata si sposta verso I prodotti interni=crescita produzione, crescita occupazione e crescita inflazione e salari.
Domanda estera maggiore = più esportazioni, crescita produzione, crescita occupazione e crescita inflazione e salari.
Beni esteri più cari = meno produzione, più inflazione, più salari

Libri che non ho letto ma ti credo sulla parola, tuttavia il tasso di crescita di occupazione e salari non é cambiato dal 2012, quindi attribuire la crescita al referendum mi pare altamente ipotetico. Senza contare che lo UK ovviamente ha sempre controllato il valore della propria moneta, quindi non c'era bisogno di nessun Brexit per abbassarlo.
 

Milito221

Vice capitano
Registrato
26 Agosto 2014
Messaggi
5.322
Libri che non ho letto ma ti credo sulla parola, tuttavia il tasso di crescita di occupazione e salari non é cambiato dal 2012, quindi attribuire la crescita al referendum mi pare altamente ipotetico. Senza contare che lo UK ovviamente ha sempre controllato il valore della propria moneta, quindi non c'era bisogno di nessun Brexit per abbassarlo.
Sarà.
 
Ultima modifica:

Mako_88

Utente bannato
Registrato
28 Gennaio 2019
Messaggi
1.940
Ecco, quindi il dato è che la sterlina è calata. Certo che, in questo roseo scenario, uno appunto si domanda perchè destabilizzare tutto con il brexit? E le risposte sono tante e complesse, ma la risposta più forte numericamente è di tipo razzista - nazionalista (cosa che credo non ti disturbi particolarmente). I brexiteers non sono gli 0 Hours contracts del nord, quelli sono i votanti ma non gli strateghi. In brexiteers non sono neppure i bj (che infatti è salito sul carro in movimento dopo un passato di filo europeista), bj avrebbe abbracciato il maoismo pur di diventare primo ministro. I brexiteers vengono da molto più lontano, sono i bastards di John Mayor ispirati dai Wolfowitz ieri e dai Bannon oggi.

La sterlina è calata pazienza, è il mercato, le monete fluttuano (l'euro è passato da 1,58 a 1,11 sul dollaro). Non sono scoppiate pandemie, non è scoppiata l'inflazione, il paese ha continuato a crescere normalmente.
Per quanto riguarda la brexit direi che è una questione di interesse nazionale. Potete pure continuare a dare dei nazisti a destra e a manca, sempre più persone di sinistra voteranno partiti conservatori di destra quando il mantra della sinistra è più europa (cioè sempre più colonie di un impero tecnocratico germanico)
 

Angelus

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
23 Febbraio 2014
Messaggi
14.643
'ndrangheta pure in Valle d'Aosta.

Eh ma queste cose non esistono nel civilissimo Nord...
 

Alloro

Pallone d'oro
Registrato
20 Maggio 2011
Messaggi
22.979
'ndrangheta pure in Valle d'Aosta.

Eh ma queste cose non esistono nel civilissimo Nord...

nei libri di Manzini di Rocco Schiavone se ne parla tranquillamente già da anni
poi la colonia calabrese è quasi pari agli autoctoni ad Aosta paese
almeno da tre lustri ci stanno queste migrazioni di massa dalla bella Calabria
 

Angelus

Fuoriclasse
Moderatore
Registrato
23 Febbraio 2014
Messaggi
14.643
nei libri di Manzini di Rocco Schiavone se ne parla tranquillamente già da anni
poi la colonia calabrese è quasi pari agli autoctoni ad Aosta paese
almeno da tre lustri ci stanno queste migrazioni di massa dalla bella Calabria
Ma sì, portano voti..
 

carlo314

Vice capitano
Moderatore
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
5.497
La sterlina è calata pazienza, è il mercato, le monete fluttuano (l'euro è passato da 1,58 a 1,11 sul dollaro). Non sono scoppiate pandemie, non è scoppiata l'inflazione, il paese ha continuato a crescere normalmente.
Per quanto riguarda la brexit direi che è una questione di interesse nazionale. Potete pure continuare a dare dei nazisti a destra e a manca, sempre più persone di sinistra voteranno partiti conservatori di destra quando il mantra della sinistra è più europa (cioè sempre più colonie di un impero tecnocratico germanico)

Ecco, siamo d'accordo che la Sterlina e calata e non cresciuta post brexit. Sul resto vedremo che cosa ne uscirá: la motivazione prevalente per votare leave era quella di tipo xenofobo, questo direi che é un dato di fatto acquisito. Gli ideologi del brexit non ne fanno tanto una questione di sovranitá (immagina che trade agreement puó fare lo UK con gli USA...) ma prospettano un modello sociale che é incompatibile con l'Unione e che rimuove una serie di tutele sociali e ambientali. Ma di nuovo, non e una cosa che dico io, basta andarsi a leggere quello che scriveano in tempi non sospetti i signori succitati. Quanto alla sinistra, come saprai in Inghilterra non aveva preso posizione al tempo del referendum e i Laburisti si erano divisi fra leave e remain (lo stesso Jeremy Corbin era un remainer tiepidino e aveva fatto, se ricordo bene, una settimana di campagna elettorale sul tema). Infine mia opinione sull'interesse nazionale, etichetta con la quale si puó far passare praticamente qualsiasi cosa: non esiste. esistono interessi collettivi e individuali, esiste il mio interesse a comprare l'automobile che voglio, ad aprire un bar a Siviglia assumendo un cameriere ungherese e a trasferire i soldi sul mio conto bancario in Germania. Qualcuno prima ricordava l'uscita dallo SME: l'interesse nazionale allora non so quale fosse, certo la FIAT e stata felice: in una settimana il prezzo di una golf era cresciuto del 14%, chiaro che si son messi a vendere uno e tipo e punto e qualsiasi cosa facessero all'epoca a manetta. Il mio interesse peró é che io scelgo se comprare la golf o no.
 

Mako_88

Utente bannato
Registrato
28 Gennaio 2019
Messaggi
1.940
Ecco, siamo d'accordo che la Sterlina e calata e non cresciuta post brexit. Sul resto vedremo che cosa ne uscirá: la motivazione prevalente per votare leave era quella di tipo xenofobo, questo direi che é un dato di fatto acquisito. Gli ideologi del brexit non ne fanno tanto una questione di sovranitá (immagina che trade agreement puó fare lo UK con gli USA...) ma prospettano un modello sociale che é incompatibile con l'Unione e che rimuove una serie di tutele sociali e ambientali. Ma di nuovo, non e una cosa che dico io, basta andarsi a leggere quello che scriveano in tempi non sospetti i signori succitati. Quanto alla sinistra, come saprai in Inghilterra non aveva preso posizione al tempo del referendum e i Laburisti si erano divisi fra leave e remain (lo stesso Jeremy Corbin era un remainer tiepidino e aveva fatto, se ricordo bene, una settimana di campagna elettorale sul tema). Infine mia opinione sull'interesse nazionale, etichetta con la quale si puó far passare praticamente qualsiasi cosa: non esiste. esistono interessi collettivi e individuali, esiste il mio interesse a comprare l'automobile che voglio, ad aprire un bar a Siviglia assumendo un cameriere ungherese e a trasferire i soldi sul mio conto bancario in Germania. Qualcuno prima ricordava l'uscita dallo SME: l'interesse nazionale allora non so quale fosse, certo la FIAT e stata felice: in una settimana il prezzo di una golf era cresciuto del 14%, chiaro che si son messi a vendere uno e tipo e punto e qualsiasi cosa facessero all'epoca a manetta. Il mio interesse peró é che io scelgo se comprare la golf o no.

Hai il diritto di prenderti pure la golf.
Lo stato ha il dovere di non distruggere la propria produzione industriale e la capacità di creare reddito e ricchezza dei propri cittadini per permetterti di comprare un prodotto estero che viene artificialmente reso meno caro attraverso manipolazione valutaria.
 
Alto