S.S.C. Napoli

Attenzione pero' a fare i processi sommari ... il giocatore non ha mai perso conoscenza e ha chiesto lui di continuare ... permesso accordato dopo che il medico sociale ha valutato lo stato generale del calciatore ... nulla di strano o al di fuori dell'ordinario e del resto se la tac ha escluso emorragie cerebrali si capisce che il ragazzo e' svenuto unicamente per un fattore emotivo/pressorio, non perche' corresse qualche pericolo reale (se no aboliamo la boxe dove a seguito di un k.o. un semplice arbitro senza alcuna formazione medica decide su due piedi dopo un banale conteggio di far proseguire il combattimento) ..... il dottor De Nicola e' un medico coi controciufoli che professionalmente ha poco da dimostrare. Piuttosto pare scandaloso che il ragazzo sia stato portato all'ospedale piu' vicino dove non c'e' la Neurochirurgia anziche', come da protocollo, al Cardarelli ... e su questo la Asl sta indagando per attribuire le responsabilita' di questo azzardo.

Hola!
 
Alto