Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Storia interista nell'ultimo cinquantennio. Episodi ed emozioni vissuti personalmente

Registrato
22 Giugno 2009
Messaggi
3.813
anche la supercoppa 2000, il 4-3 con gollonzo di Vampeta.

Lazio di merda, quegli anni ci han portato via 3 titoli.

Lazio che cmq va detto, quegli anni era uno squadrone tra i piú forti della storia della serie A.
Da vincere 5 scudetti e 3 champions, non fosse stata la Lazio.
Fatta coi soldi del monopoli di Cragnotti, vero, peró squadra da fantascienza.
La lazio era fortissima... anche se 5 scudetti forse no... perchè la lazio è stata davvero forte nel 1997/98, 98/99, 99/00 e 2000/01. Nel 2001/02 nonostante avesse ancora crespo e nesta, era già calata.

del resto anche la roma è stata forte nei primi anni 2000. a stagioni alterne, ma forte. 2000/01 e 2001/02 grande squadra, calata un anno e tornata forte nel 2003/04. ma nel frattempo era cresciuto il milan.

2001/02 doveva essere nostro per una serie di motivi che ormai conosciamo tutti... e con quello scudetto, come hai detto tu... il 2002/03 sarebbe stato diametralmente diverso.

INIZIARE a vincere è la cosa più difficile. è per questo che tra tutte le partite che ho visto della nostra inter e che vorrei rigiocare, in cima ci metto Siviglia Inter, Lazio Inter 2002, e Shalke Inter del 97. (anche se il derby del 2011 è una ferita ancora aperta)
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
Una cosa che non aiutò l'Inter del 2002 fu (tanto per cambiare) la stampa...tutti davano PER SCONTATO che la Lazio ci lasciasse vincere (cosa che ovviamente non aveva senso)...nell'era pre social dove le voci era poche edominava ancora la televisione e la carta stampata rimango dell'idea che tutto ciò abbia avuto impatto sulla squadra
Quegli anni la mia colazione prevedeva rigorosamente Gazzetta e caffelatte,
Il giorno prima della partita leggevi Vieri e altri dire "batteremo la Lazio e vinceremo questo scudetto", c'era sicurezza di andare lí e festeggiare.
Non so se credessero la lazio si sarebbe scansata, puó darsi.

Di sicuro quel clima da vittoria scontata caricó i giocatori della Lazio, che era una squadra ancora forte, campione due anni prima, sicuramente anche ben incentivata economicamente da Torino.

Noi non eravamo assolutamente in grado di sostenere una battaglia vera, né mentalmente né fisicamente.
 
Registrato
3 Novembre 2014
Messaggi
4.053
Se vi capita di passare a pandino prov di cremona,nella via centrale del paesino trovate un piccolo negozietto di frutta,il propietario ottantennne ha tappezzato foto di lui con praticamente tutte le glorie dell inter,da suarez a ronaldo a moratti angelo ed ha messe in fila tutte le tessere di abbonamenti degli ultimi 70 anni.un mito
Ma va? E io che ho sempre creduto che Pandino fosse un covo di Milanisti.......... :ghigno
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
La lazio era fortissima... anche se 5 scudetti forse no... perchè la lazio è stata davvero forte nel 1997/98, 98/99, 99/00 e 2000/01. Nel 2001/02 nonostante avesse ancora crespo e nesta, era già calata.

del resto anche la roma è stata forte nei primi anni 2000. a stagioni alterne, ma forte. 2000/01 e 2001/02 grande squadra, calata un anno e tornata forte nel 2003/04. ma nel frattempo era cresciuto il milan.

2001/02 doveva essere nostro per una serie di motivi che ormai conosciamo tutti... e con quello scudetto, come hai detto tu... il 2002/03 sarebbe stato diametralmente diverso.

INIZIARE a vincere è la cosa più difficile. è per questo che tra tutte le partite che ho visto della nostra inter e che vorrei rigiocare, in cima ci metto Siviglia Inter, Lazio Inter 2002, e Shalke Inter del 97. (anche se il derby del 2011 è una ferita ancora aperta)
sisi, nel 2002 giá avevano iniziato la smobilitazione. Peró la squadra di quei 3 anni era una squadra da fantascienza. Senza il crack finanziario e conseguente smobilitazione, era una squadra per vincere tutto.

La Roma dello scudetto era fortissima, Batistuta peró duró solo un girone, poi inizió un declino repentino che giá dall'anno dopo lo aveva reso un altro giocatore. La Lazio di quel triennio era secondo me piú forte e completa.

Tra le partite da rigiocare, beh Lazio Inter ci mancherebbe, Schalke '97...mah, ti diró, grossa delusione ovviamente ma non ho particolari rimpianti, 4 finali uefa in 8 anni, 3 vinte e 1 persa, ci poteva anche stare.
Siviglia - Inter di quest'anno si, altra situazione da sliding doors probabilmente, se la vinci questa stagione nasce sotto un'altra luce e altre prospettive.

Aggiungo Inter - Samp del '91, uno dei miei primi ricordi nitidi. La Samp era fortissima ma quella partita la dominammo noi, se Matthaus segna quel rigore, e Lothar non li sbagliava mai, alla fine sono convinto lo scudetto lo vinciamo noi.

Direi l'euroderby...ma un euroderby spero di non doverlo rigiocare mai piú.
Ma nemmeno contro un Milan tipo quello degli anni scorsi.
Mai patito tanta ansia per il pallone come in quelle due settimane. Nemmeno prima di Barcellona 2010.
Spero sinceramente non ricapiti mai piú.
 
Ultima modifica:
Registrato
9 Settembre 2014
Messaggi
11.454
Vincere contro il Siviglia ci avrebbe consentito di passare in prima fascia per i sorteggi di ChL, sarebbe stata tutta un'altra storia.
Anch'io ricordo quella partita con la Samp, che se non sbaglio consegnò lo scudetto ai blucerchiati, i quali giocarono un fantastico campionato ma a me rimase sempre la tentazione che noi avremmo potuto fare di più.
 
Registrato
3 Novembre 2014
Messaggi
4.053
Vincere contro il Siviglia ci avrebbe consentito di passare in prima fascia per i sorteggi di ChL, sarebbe stata tutta un'altra storia.
Anch'io ricordo quella partita con la Samp, che se non sbaglio consegnò lo scudetto ai blucerchiati, i quali giocarono un fantastico campionato ma a me rimase sempre la tentazione che noi avremmo potuto fare di più.
Furto fra l'altro........
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
Vincere contro il Siviglia ci avrebbe consentito di passare in prima fascia per i sorteggi di ChL, sarebbe stata tutta un'altra storia.
Anch'io ricordo quella partita con la Samp, che se non sbaglio consegnò lo scudetto ai blucerchiati, i quali giocarono un fantastico campionato ma a me rimase sempre la tentazione che noi avremmo potuto fare di più.
erano primi con 3 punti di vantaggio (la vittoria valeva 2 punti ancora), mancavano 4 partite alla fine.
Portandosi a 5 punti di vantaggio mancava solo piú la matematica.

Ma avessimo vinto si finiva a -1 e mentre noi avevamo 3 ultime partite "facili", loro avevano due trasferte a Torino e Roma.

Piu che altro quella partita la dominammo, primo tempo fu un assalto a Fort Apache con Pagliuca che para di tutto, poi il loro rigore, poi nuovo assalto nostro, rigore per Lothar che sbaglia...e da lí si é capito che potevi giocare 3 giorni di fila ma non sarebbe entrata mai

Samp vinse con merito quello scudetto, peró non avevamo niente in meno, quel ciclo meritava un secondo scudetto, peccato
 
Registrato
22 Giugno 2009
Messaggi
3.813
Direi l'euroderby...ma un euroderby spero di non doverlo rigiocare mai piú.
Ma nemmeno contro un Milan tipo quello degli anni scorsi.
Mai patito tanta ansia per il pallone come in quelle due settimane. Nemmeno prima di Barcellona 2010.
Spero sinceramente non ricapiti mai piú.
ho sentimenti contrastanti riguardo quella stagione.
sentivo addosso la scottatura per l'addio di ronaldo (forse la prima vera delusione che mi ha dato una persona, anche se indirettamente è stata una prima grande lezione di vita, a suo modo),non amavo cuper ed inoltre non ho mai amato vieri, che resta il simbolo di quella stagione. a posteriori dico che forse sbagliavo... ma nonostante quella e la precedente fossero due stagioni consecutive e "legate" dal gruppo dei giocatori e da cuper, le vivo tuttora come due squadre diverse. è difficile da spiegare, l'addio di ronaldo è stato uno spartiacque emotivo.

io non ricordo di aver patito così tanto nel 2003. periodi di ansia nerazzurra sono stati la settimana precedente a Parma Inter, da star male...
e chiaramente il periodo marzo-maggio 2010. un concentrato di elettricità ed emozioni che ha raggiunto livelli mai provati prima: ricordo che ogni anno ci dicevano che l'inter DOVEVA vincere la coppa ma a me sinceramente non me ne fregava nulla, la vedevo come un qualcosa di irrealizzabile. Ma da dopo il 3-1 al barcellona NON CI HO CAPITO PIU' NULLA... ma è inutile che te lo spiego, sono sicuro valga la stessa cosa anche per te...

p.s. anche mio papà mi cita tante volte inter samp del 91
 
Registrato
3 Novembre 2014
Messaggi
4.053
erano primi con 3 punti di vantaggio (la vittoria valeva 2 punti ancora), mancavano 4 partite alla fine.
Portandosi a 5 punti di vantaggio mancava solo piú la matematica.

Ma avessimo vinto si finiva a -1 e mentre noi avevamo 3 ultime partite "facili", loro avevano due trasferte a Torino e Roma.

Piu che altro quella partita la dominammo, primo tempo fu un assalto a Fort Apache con Pagliuca che para di tutto, poi il loro rigore, poi nuovo assalto nostro, rigore per Lothar che sbaglia...e da lí si é capito che potevi giocare 3 giorni di fila ma non sarebbe entrata mai

Samp vinse con merito quello scudetto, peró non avevamo niente in meno, quel ciclo meritava un secondo scudetto, peccato
Sul rigore Lothar sbagliò per il nervosismo a causa di un altro rigore che non ci avevano dato prima. Probabilmente se tutto fosse andato secondo le regole l'avremmo vinta.....
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
ho sentimenti contrastanti riguardo quella stagione.
sentivo addosso la scottatura per l'addio di ronaldo (forse la prima vera delusione che mi ha dato una persona, anche se indirettamente è stata una prima grande lezione di vita, a suo modo),non amavo cuper ed inoltre non ho mai amato vieri, che resta il simbolo di quella stagione. a posteriori dico che forse sbagliavo... ma nonostante quella e la precedente fossero due stagioni consecutive e "legate" dal gruppo dei giocatori e da cuper, le vivo tuttora come due squadre diverse. è difficile da spiegare, l'addio di ronaldo è stato uno spartiacque emotivo.

io non ricordo di aver patito così tanto nel 2003. periodi di ansia nerazzurra sono stati la settimana precedente a Parma Inter, da star male...
e chiaramente il periodo marzo-maggio 2010. un concentrato di elettricità ed emozioni che ha raggiunto livelli mai provati prima: ricordo che ogni anno ci dicevano che l'inter DOVEVA vincere la coppa ma a me sinceramente non me ne fregava nulla, la vedevo come un qualcosa di irrealizzabile. Ma da dopo il 3-1 al barcellona NON CI HO CAPITO PIU' NULLA... ma è inutile che te lo spiego, sono sicuro valga la stessa cosa anche per te...

p.s. anche mio papà mi cita tante volte inter samp del 91
Su Ronaldo ne abbiamo discusso a lungo nei giorni scorsi nel topic di Bobo, ti capisco perfettamente.
Noi di quella generazione di interisti del "post scudetto dei record" in Ronaldo avevamo riposto ogni speranza e sogno di riscatto, di vittoria, di potenza ritrovata.
Il numero 1 al mondo, l'alieno, il fuoriclasse del Barcellona, forse il piú grande talento di sempre. Che viene all'Inter, proprio all'inter, proprio da noi. Tutto vero.
Dicono che l'attesa é il piacere stesso, beh...l'attesa di rivederlo in campo dopo gli infortuni fu tanta, condita da tanta passione e affetto, tanta speranza e tanta fiducia che, una volta tornato nei ranghi, con Bobo e coi soldi di Moratti che avrebbe comprato altri campioni, saremmo tornati a vincere, soprattutto lo scudetto, per noi nati in quegli anni un'ossessione.
E poi...
E poi ho provato quello che hai provato tu e che abbiamo provato tutti quel giorno, dai, e credo anch'io da quel giorno l'approccio emotivo al calcio sia cambiato in tanti di noi. Hai detto bene, nel suo piccolo, pur se concretamente distante dalle nostre vite reali, fu una lezione di vita. Amara, ma di quelle che con le dovute proporzioni segnano ed insegnano.

La cavalcata 2010 in coppa l'ho vissuta con quello spirito anch'io, del resto ne ho gia raccontato ampiamente proprio su questo topic.
Ma quell'euroderby...beh no, ansia alle stelle.
Ma alla fine non credevo né badavo troppo nemmeno io alla coppa, forse non mi rendevo conto o forse mi sembrava un qualcosa di troppo irreale e grande, era il derby in Europa peró a rendere elettrica la situazione.
Giá sai che per me il derby é l'evento sportivo dell'anno, da sempre e per sempre, che sia coppa Italia, campionato o coppa delle galassie.
Ma quel derby lí...ziofa, la pressione salí alle stelle.
Erano oltretutto due squadre entrambe non in formissima, allenatori entrambi in bilico, era anche quello uno spartiacque, uno dei tanti delle due milanesi quando si incrociano. Se loro perdono Ancelotti salta e poi il Milan di quegli anni a venire probabilmente non sarebbe esistito.
Se vinciamo noi, eh, poi si aprono le porte dell'infinito. Magari dell'Inferno, quasi sicuramente, ma con vista sul Paradiso.
Fu drammatico.
Avessimo perso contro un'altra sticazzi, dopo il 2002, tra 5 maggio e Ronaldo out, capirai...peró il derby contro quel Milan scassatello piú o meno come noi..eh, non fu simpatico.
 
Registrato
13 Dicembre 2015
Messaggi
7.945
Eppure quel 24 Marzo 2002 credevo fosse fatta.
2 giornate prima una magia di Seedorf al 91' riacchiappa un risultato fondamentale contro la Juve, e già sembrava un segno chiaro.
Mancavano tipo 7 partite alla fine, la Roma era seconda in quel momento, noi primi, scontro diretto dal sapore decisivo.
A San Siro li distruggiamo, partita intensa, bella, perfetta, gli diamo 3 fischioni uno più bello dell'altro.
Virtualmente quella sera lo vinciamo, psicologicamente era una svolta, dopo un campionato dominato, quasi sempre in testa, a 7 dalla fine prendi a botte la diretta inseguitrice, a quel punto potevamo solo più perderlo.
99 su 100 in una stagione cosi, la prima in testa dall'inizio che picchia in quel modo la seconda a cosi poche giornate dalla fine poi vince.
Il turno dopo oltretutto andiamo addirittura a vincere a Firenze, uno dei campi su cui storicamente non vinciamo mai.

Ma inter is inter.
Non so se il ritorno di Ronaldo ha rotto il giocattolo, è stato un mix di cose.
Di sicuro lasciare fuori quel Recoba non era facile...non però al punto di fargli fare l'ala sinistra. Per di più sulla fascia proprio di Gresko.
Poi la squadra era stanca, forse prima mentalmente che fisicamente.

La mazzata fu perdere in casa con l'atalanta, a conti fatti penso che lo scudetto lo abbiamo perso li, psicologicamente.

Quella sconfitta ha tagliato le gambe ed alimentato terrori.
E ovviamente, vedendoci in difficoltà...gli arbitri hanno fiutato il sangue della preda, colpita e abbattuta con lo scandalo di Verona.

Alla partita di Roma ci arrivammo male, fisicamente e mentalmente.

Ma ancora oggi se penso a quel dramma, il rammarico grande penso sia quella maledetta partita in casa contro l'atalanta.
Sconfitta totalmente inattesa.
Fatale.
Sì, perso lì

Con Ronaldo furibondo in panca
 
Registrato
22 Giugno 2009
Messaggi
3.813
Su Ronaldo ne abbiamo discusso a lungo nei giorni scorsi nel topic di Bobo, ti capisco perfettamente.
Noi di quella generazione di interisti del "post scudetto dei record" in Ronaldo avevamo riposto ogni speranza e sogno di riscatto, di vittoria, di potenza ritrovata.
Il numero 1 al mondo, l'alieno, il fuoriclasse del Barcellona, forse il piú grande talento di sempre. Che viene all'Inter, proprio all'inter, proprio da noi. Tutto vero.
Dicono che l'attesa é il piacere stesso, beh...l'attesa di rivederlo in campo dopo gli infortuni fu tanta, condita da tanta passione e affetto, tanta speranza e tanta fiducia che, una volta tornato nei ranghi, con Bobo e coi soldi di Moratti che avrebbe comprato altri campioni, saremmo tornati a vincere, soprattutto lo scudetto, per noi nati in quegli anni un'ossessione.
E poi...
E poi ho provato quello che hai provato tu e che abbiamo provato tutti quel giorno, dai, e credo anch'io da quel giorno l'approccio emotivo al calcio sia cambiato in tanti di noi. Hai detto bene, nel suo piccolo, pur se concretamente distante dalle nostre vite reali, fu una lezione di vita. Amara, ma di quelle che con le dovute proporzioni segnano ed insegnano.

La cavalcata 2010 in coppa l'ho vissuta con quello spirito anch'io, del resto ne ho gia raccontato ampiamente proprio su questo topic.
Ma quell'euroderby...beh no, ansia alle stelle.
Ma alla fine non credevo né badavo troppo nemmeno io alla coppa, forse non mi rendevo conto o forse mi sembrava un qualcosa di troppo irreale e grande, era il derby in Europa peró a rendere elettrica la situazione.
Giá sai che per me il derby é l'evento sportivo dell'anno, da sempre e per sempre, che sia coppa Italia, campionato o coppa delle galassie.
Ma quel derby lí...ziofa, la pressione salí alle stelle.
Erano oltretutto due squadre entrambe non in formissima, allenatori entrambi in bilico, era anche quello uno spartiacque, uno dei tanti delle due milanesi quando si incrociano. Se loro perdono Ancelotti salta e poi il Milan di quegli anni a venire probabilmente non sarebbe esistito.
Se vinciamo noi, eh, poi si aprono le porte dell'infinito. Magari dell'Inferno, quasi sicuramente, ma con vista sul Paradiso.
Fu drammatico.
Avessimo perso contro un'altra sticazzi, dopo il 2002, tra 5 maggio e Ronaldo out, capirai...peró il derby contro quel Milan scassatello piú o meno come noi..eh, non fu simpatico.
Per fortuna non sono l’unico a pensare che il Milan 2002/03 non era niente di che.
Milan che aveva acciuffato il quarto posto (e avrebbe vinto la coppa un anno dopo)proprio il pomeriggio di Chievo inter 2-2. Superando proprio il chievo...
Intrecci del destino.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
Per fortuna non sono l’unico a pensare che il Milan 2002/03 non era niente di che.
Milan che aveva acciuffato il quarto posto (e avrebbe vinto la coppa un anno dopo)proprio il pomeriggio di Chievo inter 2-2. Superando proprio il chievo...
Intrecci del destino.
avevano una rosa importante, devo dire con piú qualitá della nostra, il che sembrava impensabile giá solo l'anno prima.
Ma da buoni cugini premurosi gli avevamo regalato Seedorf, dopo Pirlo, e gli avevamo anche regalato Simic come primo cambio dietro, ormai orfani appunto di Ronaldo.
Perché in famiglia ci si aiuta sempre :sizi

Ma avevano gente come Redondo e Rivaldo che era finita e non rese per come avevano pensato, la squadra non gli girava benissimo, e a quell'appuntamento ci arrivammo in condizioni simili, loro forse pure peggio di noi.
E nelle due partite ai punti avremmo meritato, soprattutto al ritorno ti ricorderai cosa si mangia Recoba...
 
Registrato
7 Maggio 2016
Messaggi
36.089
Eppure quel 24 Marzo 2002 credevo fosse fatta.
2 giornate prima una magia di Seedorf al 91' riacchiappa un risultato fondamentale contro la Juve, e già sembrava un segno chiaro.
Mancavano tipo 7 partite alla fine, la Roma era seconda in quel momento, noi primi, scontro diretto dal sapore decisivo.
A San Siro li distruggiamo, partita intensa, bella, perfetta, gli diamo 3 fischioni uno più bello dell'altro.
Virtualmente quella sera lo vinciamo, psicologicamente era una svolta, dopo un campionato dominato, quasi sempre in testa, a 7 dalla fine prendi a botte la diretta inseguitrice, a quel punto potevamo solo più perderlo.
99 su 100 in una stagione cosi, la prima in testa dall'inizio che picchia in quel modo la seconda a cosi poche giornate dalla fine poi vince.
Il turno dopo oltretutto andiamo addirittura a vincere a Firenze, uno dei campi su cui storicamente non vinciamo mai.

Ma inter is inter.
Non so se il ritorno di Ronaldo ha rotto il giocattolo, è stato un mix di cose.
Di sicuro lasciare fuori quel Recoba non era facile...non però al punto di fargli fare l'ala sinistra. Per di più sulla fascia proprio di Gresko.
Poi la squadra era stanca, forse prima mentalmente che fisicamente.

La mazzata fu perdere in casa con l'atalanta, a conti fatti penso che lo scudetto lo abbiamo perso li, psicologicamente.

Quella sconfitta ha tagliato le gambe ed alimentato terrori.
E ovviamente, vedendoci in difficoltà...gli arbitri hanno fiutato il sangue della preda, colpita e abbattuta con lo scandalo di Verona.

Alla partita di Roma ci arrivammo male, fisicamente e mentalmente.

Ma ancora oggi se penso a quel dramma, il rammarico grande penso sia quella maledetta partita in casa contro l'atalanta.
Sconfitta totalmente inattesa.
Fatale.

La sconfitta di Bergamo poteva starci, anche la roma l'anno prima perse punti importanti alla fine, il nostro calo con arbitri normali non avrebbe inciso
 
Registrato
7 Maggio 2016
Messaggi
36.089
Si giocó a San siro.

Si ma non me la sento di incolpare nessuno. Vidi tutte le partite quell'anno, era una squadra cazzutissima, privata dei 3 punti a udine, Venezia e verona, che aveva regalato emozioni con milan roma e juve, non posso dare colpe a nessuno per una partita storta anche e soprattutto per la stanchezza a causa della coppa UEFA
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.219
Si ma non me la sento di incolpare nessuno. Vidi tutte le partite quell'anno, era una squadra cazzutissima, privata dei 3 punti a udine, Venezia e verona, che aveva regalato emozioni con milan roma e juve, non posso dare colpe a nessuno per una partita storta anche e soprattutto per la stanchezza a causa della coppa UEFA
ah beh, la palla é tonda in tutte le partite.
Peró sei in lotta per lo scudetto, il piu lo hai fatto, gli scontri diretti li hai terminati e sei in testa saldo, arbitri o non arbitri sei lí padrone del tuo destino a una manciata di partite dalla fine, giochi contro una squadra di meta classifica senza piú pressioni di risultato...:nonso

Poi certo, lo scandalo a Verona, altri puntuali ed inevitabili scandali come sempre...

Peró....
Peró.
 

carlo314

Capitano
Moderatore
Supporter
Registrato
1 Giugno 2006
Messaggi
8.073
é che, cinicamente parlando, questo purtroppo lo sappiamo.
Non lo stigmatizzo perché é un dato di fatto con cui in serie A si deve e si dovrá sempre tristemente convivere.
Se vuoi vincere devi riuscire ad essere piú forte comunque.

E ce la si era davvero quasi fatta, minchia.
Vinciamo in casa con l'Atalanta ed é finita, sono certo che andiamo a Verona a fare passerella 0-3 con la testa carica e libera, e poi Roma diventa una gita.

La cosa che piú fa male ripensando a quella stagione per quanto mi riguarda é che ha distrutto un ciclo che poteva aprirsi.
Perché se vinciamo quello scudetto quella squadra diventa ancora piú forte e consapevole, e Ronaldo rimane, e se Ronaldo rimane...lo scudetto lo vinci anche l'anno dopo. E chissá che altro.

E con calciopoli pochi anni dopo...quel ciclo poteva iniziare nel 2002 e durare un decennio.
Da non darsene pace.
Secondo me Ronaldo non sarebbe rimasto comunque, Cuper con lui era spietato, pretendeva addirittura che si allenasse :D