Suning

Registrato
3 Luglio 2008
Località
Padova
io non credo proprio.

due galli in un pollaio fanno sempre e solo casino, e nessuno spenderebbe centinaia di mln per un 30%.
Se lo fa, é per scalare la maggioranza.
E l'ultima cosa di cui secondo me abbiamo bisogno é destabilizzazioni, correnti, repubbliche diverse. Tanto piú di altri estranei al mondo calcio.

Lo scenario migliore per l'Inter é avere un solo proprietario, purche serio ed ambizioso.
Concordo sull’ultima parte ma ormai andrà in un’altra maniera. Resta il fatto che si dice siano molto vicini a suning quindi non credo ci sarà il problema dei due galli nel pollaio.
 
Registrato
30 Maggio 2007
Località
milano
Abbonato
non ci capisco molto...quindi aiutatemi se dico cazzate..
di sicuro se va via tohir gioiamo tutti, non come persona che, a mio parere, quel che doveva fare l'ha fatto..certo ad un tifoso infastidisce i tempi con coi se ne sta andando, uomo d'affari è, come tale agisce..

mi domando, un fondo d'investimento, perlopiù di hong kong.....non permetterebbe a Suning di poter far uscire il denaro in maniera più snella (per via delle restrizioni)??
Quello chhe pensavo io...se no non saprei che pensare
 
Registrato
13 Luglio 2017
Io comunque mi fido di Suning e non dei giornalai o di gente che vuole mettere zizzania, se rientrerà un socio di minoranza al posto di Thohir, andrebbe a colmare il vuoto lasciato dall'Indonesiano già da parecchio tempo.
 
Registrato
16 Agosto 2016
Località
Milano
Dipende da quali sono i loro reali interessi, anche i proprietari del Psg sono un fondo. Molti grandi gruppi utilizzano dei veicoli per investire in altri settori e diversificare, anche tramite società di altri paesi. Suning per prima ha degli interessi dietro all'Inter, mica sono venuti per passione.

La differenza col Milan è che Elliott è socio di maggioranza mentre questi vengono col 30%. Quando verrà ceduto il Milan dovrà cambiare di nuovo tutto, se invece se ne va un socio di minoranza non cambia nulla. Non so se mi spiego.

Sono contento perché finalmente si sblocca la situazione di Thohir che ci costringeva a fare debiti.

Esempio - Suning decide di riconvertire il debito verso soci (220 milioni) in capitale e finalmente lo può fare perché Thohir non c'è più. Chiunque sia il socio di minoranza può fare due cose: o partecipa all'aumento di capitale mettendo 100 milioni oppure la sua quota si diluisce e si ritrova con una percentuale minore.
A me non interessa cosa va a scegliere di fare questo socio, sempre meglio di Thohir che ci fa fare debiti.

Certo, il mio discorso è generalizzato, diciamo che in generale un fondo speculativo non il certamente il migliore dei proprietari. Poi se il fondo è in realtà uno Stato, vedi PSG, oppure un gruppo di persona facoltose che vedono in questo investimento la possibilità di ottenere ricavi indiretti per le loro aziende o per ottenere visibilità personale da spendere in ambito politico/imprenditoriale o altro, nulla da eccepire.
Nel nostro caso se il pacchetto di azioni rimane fermo al 30%, non vedo particolari motivi di preoccupazione, sempre che le famose clausole contrattuali sugli aumenti di capitale non vengano ereditate dai nuovi soci, nel caso ci sarebbe forse da porsi qualche domanda su Suning. Personalmente credo che queste clausole al tempo non siano state imposte unilateralmente da Thohir, ma concordate in piena sintonia tra le parti per svariati motivi.
 
Registrato
18 Settembre 2018
Potenzialmente ottima notizia, volendo essere ottimisti potrebbe essere il modo migliore di aggirare il blocco dei capitali all'estero.
Hong Kong è in Cina ma con uno statuto speciale, quindi almeno in teoria tutto quaglia.
D'altronde che senso avrebbe per un fondo prendere il 30%? A meno che sia sotto il controllo di suning.. Stamo a vede'...
 
Registrato
31 Gennaio 2018
Potenzialmente ottima notizia, volendo essere ottimisti potrebbe essere il modo migliore di aggirare il blocco dei capitali all'estero.
Hong Kong è in Cina ma con uno statuto speciale, quindi almeno in teoria tutto quaglia.
D'altronde che senso avrebbe per un fondo prendere il 30%? A meno che sia sotto il controllo di suning.. Stamo a vede'...
sarà così! Thohir fuori dai coglioni il peggior presidente della storia dell'Inter
 
Registrato
18 Agosto 2006
Località
provincia di cremona
Potenzialmente ottima notizia, volendo essere ottimisti potrebbe essere il modo migliore di aggirare il blocco dei capitali all'estero.
Hong Kong è in Cina ma con uno statuto speciale, quindi almeno in teoria tutto quaglia.
D'altronde che senso avrebbe per un fondo prendere il 30%? A meno che sia sotto il controllo di suning.. Stamo a vede'...
Le notizie parlano appunto di un fondo molto forte e vicino a Suning
 
Registrato
24 Marzo 2010
Potenzialmente ottima notizia, volendo essere ottimisti potrebbe essere il modo migliore di aggirare il blocco dei capitali all'estero.
Hong Kong è in Cina ma con uno statuto speciale, quindi almeno in teoria tutto quaglia.
D'altronde che senso avrebbe per un fondo prendere il 30%? A meno che sia sotto il controllo di suning.. Stamo a vede'...
Io però non credo che zhang senior abbia voglia di raggirare il governo di cui fa parte...
 
Registrato
18 Settembre 2018
Io però non credo che zhang senior abbia voglia di raggirare il governo di cui fa parte...
È quello il punto.
Se i soldi escono da un fondo, altro soggetto rispetto a suning, e lo fa da Hong Kong, quindi legalmente, non vi è nessun raggiro.
E Zhang salva la faccia, cosa che per un cinese è TUTTO (conosco i cinesi per ragioni professionali).
P. S. :spero che sia così, ovviamente!
 
Ultima modifica:
Registrato
18 Settembre 2018
Tenete presente una cosa : stante il blocco dei capitali, zhang potrebbe anche avere difficoltà ad acquistare direttamente da Thohir.
E Thohir, indonesiano, che sa del blocco, potrebbe anche essere riluttante a cedere le sue quote ad un soggetto che potrebbe essere impossibilitato a pagarlo. E dagli torto...
Sulla carta direi che è uno scenario per lo meno verosimile.
 
Ultima modifica: