Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Walter Zenga

Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.063
Bellissima :cod

"I have a dream..." senza sapere di Luther King :cod

Quante perle fantastiche, non le sapevo :ghigno

Walter :sbav
:cod:cod:cod

ma anche:
Nel frattempo Walter, un giorno all’aeroporto, in attesa del volo per Bucarest incontra Raluca, splendida studentessa che di calcio non sa nulla ma parla 8 lingue ed è avviata a una carriera da orientalista. Non del tutto il suo tipo.
«La prima volta che torniamo a Milano da fidanzati è domenica, a San Siro c’è l’Inter ma prima che apra bocca lei dice "ho preso i biglietti per la mostra di Modigliani a Palazzo Reale, ci andiamo nel pomeriggio". Fantastico. Lunghe spiegazioni sue davanti a ogni quadro, io orecchio alle mie spalle la gente incredula, "ma quello non è Zenga?", "assomiglia, dai, figurati se Zenga viene qui mentre gioca l’Inter"».


Pensa Zenga ad una mostra che non distingue un dipinto da una pisciata sul muro ma annuisce e si finge interessato per poter pucciare :ghigno.
Beh situazione che abbiamo vissuto tutti.

Sembrano scene da un film di De Sica e Neri Parenti cmq.
Spettacolo
 
Registrato
11 Ottobre 2007
Messaggi
12.403
Però, che cazzo di storia. Certo che ne ha girate di squadre con sta cacchio di clausola... Una clausola che temo per lui non farà mai valere

PS: ma era lui quello che al Catania faceva battere le punizioni coi giocatori che si calavano i pantaloncini? 😄

Se verrà all'inter lo farà da traghettatore oppure in caso di fallimento totale della società
 
Registrato
7 Maggio 2016
Messaggi
35.972
Rispetto il tuo affetto per Materazzi, davvero.

Ma metterlo nella stessa frase con Berti, Zenga ed interismo mi fa rabbrividire.

Materazzi è un interista costruito a tavolino, un totem finto, paraculo.
Capitato al posto giusto nel momento giusto e rimasto al posto giusto nel momento giusto.

Lo rispetto, ma non è e non sarà mai un'icona o un simbolo di interismo. O almeno per me.

ma hai vissuto te, come tanti altri, l'Inter vera di Zenga e Berti, io quando iniziai a seguire il calcio Zenga era alla samp e Berti ormai giocava poco, non l'ho vissuto come te altrimenti probabilmente la penserei come te e tanti altri

diciamo che ho vissuto appieno invece l'Inter di Materazzi, ero 14enne l'anno in cui arrivò, si avevo visto le Inter di Simoni e Lippi ma pochi altri mi diedero un vero senso di Interismo se non Pagliuca, per chi negli anni di Materazzi era un ragazzino in lui vedeva un condottiero, molto più di Adriano, Vieri e tanti altri

diciamo che ci si affeziona a certi giocatori a seconda dell'età che si ha, se sei alle medie Materazzi ci sta che diventa un idolo, oggi probabilmente l'idolo dei 14enni sarà Lukaku, che per noi non sarà mai come il Fenomeno, o come Berti, ma per molti fra 10 anni chissà, magari sarà ricordato tanto e quanto gli altri dagli sbarbatelli
 

Just

Prima squadra
Registrato
5 Novembre 2020
Messaggi
880
Rispetto il tuo affetto per Materazzi, davvero.

Ma metterlo nella stessa frase con Berti, Zenga ed interismo mi fa rabbrividire.

Materazzi è un interista costruito a tavolino, un totem finto, paraculo.
Capitato al posto giusto nel momento giusto e rimasto al posto giusto nel momento giusto.

Lo rispetto, ma non è e non sarà mai un'icona o un simbolo di interismo. O almeno per me.
Beh lui si dichiara interista però, lo fa in ogni occasione e ci difende sempre, per questo lo rispetto.
E' ovvio che non è un'interista alla Zenga cresciuto nella Milano degli anni '80, quando perfino Berlusca era dell'inter.
Poi concordo sul fatto che gli è convenuto stare da noi più di quanto a noi è convenuto averlo fra le nostre fila.
 

Just

Prima squadra
Registrato
5 Novembre 2020
Messaggi
880
ma hai vissuto te, come tanti altri, l'Inter vera di Zenga e Berti, io quando iniziai a seguire il calcio Zenga era alla samp e Berti ormai giocava poco, non l'ho vissuto come te altrimenti probabilmente la penserei come te e tanti altri

diciamo che ho vissuto appieno invece l'Inter di Materazzi, ero 14enne l'anno in cui arrivò, si avevo visto le Inter di Simoni e Lippi ma pochi altri mi diedero un vero senso di Interismo se non Pagliuca, per chi negli anni di Materazzi era un ragazzino in lui vedeva un condottiero, molto più di Adriano, Vieri e tanti altri

diciamo che ci si affeziona a certi giocatori a seconda dell'età che si ha, se sei alle medie Materazzi ci sta che diventa un idolo, oggi probabilmente l'idolo dei 14enni sarà Lukaku, che per noi non sarà mai come il Fenomeno, o come Berti, ma per molti fra 10 anni chissà, magari sarà ricordato tanto e quanto gli altri dagli sbarbatelli
Anche il fatto che Materazzi comunque veniva sempre insultato dai tifosi avversari, specie gli juventini, ha fatto crescere questo sentimento di simpatia/empatia nei suoi confronti, credo dopo il 5 maggio 2002 molti giovani interisti si sono identificati con la sua figura.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.063
Beh lui si dichiara interista però, lo fa in ogni occasione e ci difende sempre, per questo lo rispetto.
E' ovvio che non è un'interista alla Zenga cresciuto nella Milano degli anni '80, quando perfino Berlusca era dell'inter.
Poi concordo sul fatto che gli è convenuto stare da noi più di quanto a noi è convenuto averlo fra le nostre fila.
tutto qui, infatti.

Lo rispetto anch'io, 10 anni con noi, ha vinto tutto, parla sempre bene di noi, figurati se non lo rispetto.
Peró non lo amo né lo iconizzo.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.063
ma hai vissuto te, come tanti altri, l'Inter vera di Zenga e Berti, io quando iniziai a seguire il calcio Zenga era alla samp e Berti ormai giocava poco, non l'ho vissuto come te altrimenti probabilmente la penserei come te e tanti altri

diciamo che ho vissuto appieno invece l'Inter di Materazzi, ero 14enne l'anno in cui arrivò, si avevo visto le Inter di Simoni e Lippi ma pochi altri mi diedero un vero senso di Interismo se non Pagliuca, per chi negli anni di Materazzi era un ragazzino in lui vedeva un condottiero, molto più di Adriano, Vieri e tanti altri

diciamo che ci si affeziona a certi giocatori a seconda dell'età che si ha, se sei alle medie Materazzi ci sta che diventa un idolo, oggi probabilmente l'idolo dei 14enni sarà Lukaku, che per noi non sarà mai come il Fenomeno, o come Berti, ma per molti fra 10 anni chissà, magari sarà ricordato tanto e quanto gli altri dagli sbarbatelli
io non ho vissuto l'Inter di Altobelli, Beccalossi e Oriali, ma pure loro sono ben altre icone di interismo per come la vedo io. E questo nonostante Altobelli ad esempio sia stato costretto ad andare a giocare alla Juve un paio d'anni.

Materazzi non lo riconosco come tale, mi spiace.
Gran professionista, ha indubbiamente legato il suo nome all'Inter per anni di permanenza e vittorie, ed é stato importante per noi.

Ma di quegli anni dico Zanetti e Cambiasso, erano loro i veri portabandiera.

Materazzi sarebbe andato al Milan pur di giocarsi il mondialetto de me' cojoni.
E sarebbe diventato il primo milanista e il primo degli antiinteristi. Sicuro al 102%.

Gente come Zenga e Berti non avrebbe giocato nel Milan nemmeno se l'alternativa fosse stata cambiare continente.
 
Ultima modifica:
Registrato
5 Settembre 2014
Messaggi
49.553
io non ho vissuto l'Inter di Altobelli, Beccalossi e Oriali, ma pure loro sono ben altre icone di interismo per come la vedo io.

Materazzi non lo riconosco come tale, mi spiace.
Gran professionista, ha indubbiamente legato il suo nome all'Inter per anni di permanenza e vittorie.

Ma di quegli anni dico Zanetti e Cambiasso, erano loro i veri portabandiera.

Diciamo che è anche cambiato molto il calcio nel frattempo rispetto agli anni 80, inizio anni 90. Diventa sempre più difficile trovare uno di Milano o comunque italiano interista fin dalla nascita che si lega alla stessa squadra dalla primavera fino a fine carriera.

Zanetti per dire è stato una specie di marziano in un mondo come questo. Un Argentino di 20 anni che si è legato talmente tanto ad una squadra dell'altra parte del pianeta dal non volerla mai lasciare fino ai 40 anni, nonostante le offerte per cambiare credo che non gli siano mai mancate. Gli stessi Cambiasso e Stankovic, altri di quegli anni a cui sono legato più di Materazzi e Cordoba tanto per dirne altri due di lunga militanza nell'Inter, alla fine sono giocatori che hanno avuto solo una parte di carriera legata all'Inter, ma hanno vissuto tante altre esperienze in altre squadre, spesso pure vincenti. Quando penso a loro non penso solo all'Inter come mi viene da pensare parlando di uno come Zanetti. Non credo che rivedremo altri Zanetti, Zenga, Berti, Altobelli, Oriali, Mazzola, Facchetti, ecc. ecc. in futuro purtroppo, in una società ed un calcio come quello attuale.
Basta vedere cosa sta succedendo alla nostra proprietà, ormai cambiamo presidenti e proprietà come si cambiano i calzini e le mutande, e nemmeno tra quelli trovi un interista di Milano fin dalla nascita ormai purtroppo.
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.063
Diciamo che è anche cambiato molto il calcio nel frattempo rispetto agli anni 80, inizio anni 90. Diventa sempre più difficile trovare uno di Milano o comunque italiano interista fin dalla nascita che si lega alla stessa squadra dalla primavera fino a fine carriera.

Zanetti per dire è stato una specie di marziano in un mondo come questo. Un Argentino di 20 anni che si è legato talmente tanto ad una squadra dell'altra parte del pianeta dal non volerla mai lasciare fino ai 40 anni, nonostante le offerte per cambiare credo che non gli siano mai mancate. Gli stessi Cambiasso e Stankovic, altri di quegli anni a cui sono legato più di Materazzi e Cordoba tanto per dirne altri due di lunga militanza nell'Inter, alla fine sono giocatori che hanno avuto solo una parte di carriera legata all'Inter, ma hanno vissuto tante altre esperienze in altre squadre, spesso pure vincenti. Quando penso a loro non penso solo all'Inter come mi viene da pensare parlando di uno come Zanetti. Non credo che rivedremo altri Zanetti, Zenga, Berti, Altobelli, Oriali, Mazzola, Facchetti, ecc. ecc. in futuro purtroppo, in una società ed un calcio come quello attuale.
Basta vedere cosa sta succedendo alla nostra proprietà, ormai cambiamo presidenti e proprietà come si cambiano i calzini e le mutande, e nemmeno tra quelli trovi un interista di Milano fin dalla nascita ormai purtroppo.
tutti quelli meritano di stare accostati nella stessa frase.

In modo diverso da quelli citati prima, Zanetti é stato per me un'icona di interismo, un eroe, una leggenda assoluta.
Una delle nostre stelle piú luminose di sempre.

Alla fine l'attaccamento non dipende dal nasscere a Milano o dall'aver tifato sempre per i colori.

Zanetti ha mangiato merda qui fino a 33 anni, poteva andare a vincere a Madrid, a Manchester, ma é rimasto volontariamente.
E' rimasto a piangere per il 5 maggio, a piangere per l'euroderby, a continuare a crederci, con fede e passione incrollabili.

Lo metto assolutamente sullo stesso piano degli altri che hai citato, poi ovvio che ognuno ha il suo preferitissimo ed é soggettivo.

Materazzi lo vedo proprio come una cosa diversa.
 

chance76

Titolare
Registrato
15 Aprile 2007
Messaggi
2.611
io non ho vissuto l'Inter di Altobelli, Beccalossi e Oriali, ma pure loro sono ben altre icone di interismo per come la vedo io. E questo nonostante Altobelli ad esempio sia stato costretto ad andare a giocare alla Juve un paio d'anni.

Materazzi non lo riconosco come tale, mi spiace.
Gran professionista, ha indubbiamente legato il suo nome all'Inter per anni di permanenza e vittorie, ed é stato importante per noi.

Ma di quegli anni dico Zanetti e Cambiasso, erano loro i veri portabandiera.

Materazzi sarebbe andato al Milan pur di giocarsi il mondialetto de me' cojoni.
E sarebbe diventato il primo milanista e il primo degli antiinteristi. Sicuro al 102%.

Gente come Zenga e Berti non avrebbe giocato nel Milan nemmeno se l'alternativa fosse stata cambiare continente.

Non la vedo così, anzi. io ho vissuto da piccolo l'inter di Zenga e Berti e da grande quella di Materazzi.

Matrix è stato un fantastico esempio di interismo totale: esempio di odio ai maledetti gobbi, pronto alla nostra difesa sempre e comunque. Se senti il video youtube di prima, persino Zenga intervistato dalla TV del Napoli non dice che sta bene all'Inter e conferma che si era parlato di un trasferimento lì prima che rinnovassero a Garella.

Matrix per me è stato un grandissimo, ci ha fatto vincere un mondiale (e tutti ovviamente a inneggiare Cannavaro/Buffon...) e diversi scudetti.

Matrix, oltre a come è riuscito a smerdare la Rube, lo ricordo che faceva arrivare qui grandissimi campioni, facendoli sentire a casa e parte di una squadra VINCENTE, che vuole vincere ANCORA e che ha FAME DI VITTORIE! Adesso ci manca una figura del genere, uno con la voglia di vincere a mille!

Lo rimpiango molto Matrix, e sono d'accordo che col Triplete è stato solo un buon rincalzo, ma lui ha creato quel gruppo e ne faceva parte, entusiasta di esserci e di farci vincere!

Persino Mou aveva un ottimo rapporto con lui. E penso che in spogliatoio gli desse molte responsabilità, sia sui giovani che sui nuovi arrivati. Andato via lui non ho ancora trovato un personaggio simile.

E ci servirebbe. Molto.
 
Registrato
5 Settembre 2014
Messaggi
49.553
tutti quelli meritano di stare accostati nella stessa frase.

In modo diverso da quelli citati prima, Zanetti é stato per me un'icona di interismo, un eroe, una leggenda assoluta.
Una delle nostre stelle piú luminose di sempre.

Alla fine l'attaccamento non dipende dal nasscere a Milano o dall'aver tifato sempre per i colori.

Zanetti ha mangiato merda qui fino a 33 anni, poteva andare a vincere a Madrid, a Manchester, ma é rimasto volontariamente.
E' rimasto a piangere per il 5 maggio, a piangere per l'euroderby, a continuare a crederci, con fede e passione incrollabili.

Lo metto assolutamente sullo stesso piano degli altri che hai citato, poi ovvio che ognuno ha il suo preferitissimo ed é soggettivo.

Materazzi lo vedo proprio come una cosa diversa.

Un'altra icona dell'Interismo per me, anche se meno appariscente, sempre silenziosa e che ha sempre messo l'Inter prima di tutto è Beppe Baresi. Saranno 45 anni ormai che lavora per l'Inter ed ha ricoperto praticamente qualsiasi ruolo. Capitano, giocatore, allenatore, vice allenatore, assistente, tecnico delle squadre allievi e primavera, osservatore. Ha fatto persino della figlia una calciatrice che è diventata Capitana dell'Inter femminile. Solo stima per questo uomo mai sopra le righe, professionista eccezionale, che ha come unico difetto quello di avere un fratello :ghigno
 
Registrato
15 Febbraio 2011
Messaggi
35.063
Non la vedo così, anzi. io ho vissuto da piccolo l'inter di Zenga e Berti e da grande quella di Materazzi.

Matrix è stato un fantastico esempio di interismo totale: esempio di odio ai maledetti gobbi, pronto alla nostra difesa sempre e comunque. Se senti il video youtube di prima, persino Zenga intervistato dalla TV del Napoli non dice che sta bene all'Inter e conferma che si era parlato di un trasferimento lì prima che rinnovassero a Garella.

Matrix per me è stato un grandissimo, ci ha fatto vincere un mondiale (e tutti ovviamente a inneggiare Cannavaro/Buffon...) e diversi scudetti.

Matrix, oltre a come è riuscito a smerdare la Rube, lo ricordo che faceva arrivare qui grandissimi campioni, facendoli sentire a casa e parte di una squadra VINCENTE, che vuole vincere ANCORA e che ha FAME DI VITTORIE! Adesso ci manca una figura del genere, uno con la voglia di vincere a mille!

Lo rimpiango molto Matrix, e sono d'accordo che col Triplete è stato solo un buon rincalzo, ma lui ha creato quel gruppo e ne faceva parte, entusiasta di esserci e di farci vincere!

Persino Mou aveva un ottimo rapporto con lui. E penso che in spogliatoio gli desse molte responsabilità, sia sui giovani che sui nuovi arrivati. Andato via lui non ho ancora trovato un personaggio simile.

E ci servirebbe. Molto.
che sia stato un grandissimo, sicuro. Ottimo giocatore, collante importante, esempio di determinazione e cattiveria, ed in generale una bella storia perché fino a quasi 30 anni mangiava la polvere in provincia.

Come esempio di interismo, io non l'ho mai percepito come autentico, sincero, vero al 100%.
Di fatto, quando non si vinceva, dopo 2-3 anni di delusioni sportive cocenti...pur di giocarsi il mondiale sarebbe andato al Milan.
No, dico...al Milan.
Ha firmato / non ha firmato...ci ha ripensato, lo ha convinto Facchetti...non mi interessa, i contatti ci sono stati, l'intenzione e la vicinanza pure, confermato da entrambe le parti.
A Milanello si dice avesse giá anche scelto il numero di maglia...magari é vero, magari no, ma non mi cambia.

Chiaro che dal 2006 in poi é facile fare l'interista, lo sbruffone, il bauscia, l'antijuve...eh grazie tante, chi non avrebbe voluto giocare per l'Inter in quegli anni?

Quella storia del Milan per me é una macchia incancellabile.

Per come vedo io l'interista, puoi andare dove vuoi, puoi fare quello che vuoi.
Ma se sei o sei stato dell'Inter, anche solo l'idea di andare a far parte del Milan é un qualcosa di violentemente inimmaginabile.
 
Ultima modifica:

ferpes

Prima squadra
Registrato
20 Giugno 2020
Messaggi
572
che sia stato un grandissimo, sicuro. Ottimo giocatore, collante importante, esempio di determinazione e cattiveria, ed in generale una bella storia perché fino a quasi 30 anni mangiava la polvere in provincia.

Come esempio di interismo, io non l'ho mai percepito come autentico, sincero, vero al 100%.
Di fatto, quando non si vinceva, dopo 2-3 anni di delusioni sportive cocenti...pur di giocarsi il mondiale sarebbe andato al Milan.
No, dico...al Milan.
Ha firmato / non ha firmato...ci ha ripensato, lo ha convinto Facchetti...non mi interessa, i contatti ci sono stati, l'intenzione e la vicinanza pure, confermato da entrambe le parti.
A Milanello si dice avesse giá anche scelto il numero di maglia...magari é vero, magari no, ma non mi cambia.

Chiaro che dal 2006 in poi é facile fare l'interista, lo sbruffone, il bauscia, l'antijuve...eh grazie tante, chi non avrebbe voluto giocare per l'Inter in quegli anni?

Quella storia del Milan per me é una macchia incancellabile.

Per come vedo io l'interista, puoi andare dove vuoi, puoi fare quello che vuoi.
Ma se sei o sei stato dell'Inter, anche solo l'idea di andare a far parte del Milan é un qualcosa di violentemente inimmaginabile.
Non dimenticatevi di Samuel, che pur non essendo un interista "doc" non ha voluto più giocare nel campionato italiano per non giocare contro l' Inter.
Anche se forse l'Inter più interista è quella che aveva le ali, come viene chiamata nel libro della Bersellini.
 

Liam Gallagher 2.0

Utente bannato
Registrato
31 Agosto 2020
Messaggi
1.499
che sia stato un grandissimo, sicuro. Ottimo giocatore, collante importante, esempio di determinazione e cattiveria, ed in generale una bella storia perché fino a quasi 30 anni mangiava la polvere in provincia.

Come esempio di interismo, io non l'ho mai percepito come autentico, sincero, vero al 100%.
Di fatto, quando non si vinceva, dopo 2-3 anni di delusioni sportive cocenti...pur di giocarsi il mondiale sarebbe andato al Milan.
No, dico...al Milan.
Ha firmato / non ha firmato...ci ha ripensato, lo ha convinto Facchetti...non mi interessa, i contatti ci sono stati, l'intenzione e la vicinanza pure, confermato da entrambe le parti.
A Milanello si dice avesse giá anche scelto il numero di maglia...magari é vero, magari no, ma non mi cambia.

Chiaro che dal 2006 in poi é facile fare l'interista, lo sbruffone, il bauscia, l'antijuve...eh grazie tante, chi non avrebbe voluto giocare per l'Inter in quegli anni?

Quella storia del Milan per me é una macchia incancellabile.

Per come vedo io l'interista, puoi andare dove vuoi, puoi fare quello che vuoi.
Ma se sei o sei stato dell'Inter, anche solo l'idea di andare a far parte del Milan é un qualcosa di violentemente inimmaginabile.
mah oddio........anche qui avrei qualcosa da ridire
fino al mondiale che ha in gran parte rivalutato la sua figura era stato un mezzo diasastro
fallacci pazzeschi,il 5 maggio si mette a piangere in campo chiedendo ai laziali di farlo vincere.........la vicenda cirillo puntalo che è scarso e poi il labbro spaccato...........i calci nei coglioni a shevchenko negli euroderby (vabeh li lo ammetto mi aveva fatto godere)
un difensore tutto sommato scarso,bravo solo a picchiare e battere i rigori
poi il mondiale l ha rivalutato e ammantato di quell aura di immortalità che hanno tutto quelli che vincono un mondiale........ma anche dopo non è che abbia brillato per prestazioni
 
Registrato
1 Marzo 2014
Messaggi
4.233
mah oddio........anche qui avrei qualcosa da ridire
fino al mondiale che ha in gran parte rivalutato la sua figura era stato un mezzo diasastro
fallacci pazzeschi,il 5 maggio si mette a piangere in campo chiedendo ai laziali di farlo vincere.........la vicenda cirillo puntalo che è scarso e poi il labbro spaccato...........i calci nei coglioni a shevchenko negli euroderby (vabeh li lo ammetto mi aveva fatto godere)
un difensore tutto sommato scarso,bravo solo a picchiare e battere i rigori
poi il mondiale l ha rivalutato e ammantato di quell aura di immortalità che hanno tutto quelli che vincono un mondiale........ma anche dopo non è che abbia brillato per prestazioni
E' proprio questa la discriminante con Berti e Zenga. Matrix era uno stronzo, gli altri due erano delle canaglie. E fa tutta la differenza del mondo...
 
Registrato
7 Maggio 2016
Messaggi
35.972
che sia stato un grandissimo, sicuro. Ottimo giocatore, collante importante, esempio di determinazione e cattiveria, ed in generale una bella storia perché fino a quasi 30 anni mangiava la polvere in provincia.

Come esempio di interismo, io non l'ho mai percepito come autentico, sincero, vero al 100%.
Di fatto, quando non si vinceva, dopo 2-3 anni di delusioni sportive cocenti...pur di giocarsi il mondiale sarebbe andato al Milan.
No, dico...al Milan.
Ha firmato / non ha firmato...ci ha ripensato, lo ha convinto Facchetti...non mi interessa, i contatti ci sono stati, l'intenzione e la vicinanza pure, confermato da entrambe le parti.
A Milanello si dice avesse giá anche scelto il numero di maglia...magari é vero, magari no, ma non mi cambia.

Chiaro che dal 2006 in poi é facile fare l'interista, lo sbruffone, il bauscia, l'antijuve...eh grazie tante, chi non avrebbe voluto giocare per l'Inter in quegli anni?

Quella storia del Milan per me é una macchia incancellabile.

Per come vedo io l'interista, puoi andare dove vuoi, puoi fare quello che vuoi.
Ma se sei o sei stato dell'Inter, anche solo l'idea di andare a far parte del Milan é un qualcosa di violentemente inimmaginabile.

hai ragione su questo ma il 90% dei calciatori al mondo non rinuncerebbero ad un mondiale, anche io lo avrei odiato se fosse andato li e ricordo che c'era una trattativa, ma per la nazionale anche collovati lascio la fascia di capitano del milan per venire da noi, non so quanti giocatori al mondo avrebbero rinunciato ad un mondiale ed in generale alla nazionale per amore di un club, forse davvero solo Zenga, Berti e Zanetti
 
Registrato
7 Maggio 2016
Messaggi
35.972
mah oddio........anche qui avrei qualcosa da ridire
fino al mondiale che ha in gran parte rivalutato la sua figura era stato un mezzo diasastro
fallacci pazzeschi,il 5 maggio si mette a piangere in campo chiedendo ai laziali di farlo vincere.........la vicenda cirillo puntalo che è scarso e poi il labbro spaccato...........i calci nei coglioni a shevchenko negli euroderby (vabeh li lo ammetto mi aveva fatto godere)
un difensore tutto sommato scarso,bravo solo a picchiare e battere i rigori
poi il mondiale l ha rivalutato e ammantato di quell aura di immortalità che hanno tutto quelli che vincono un mondiale........ma anche dopo non è che abbia brillato per prestazioni

e mi hai descritto il 99% dei difensori della juve dal 1897 ad oggi :ROFLMAO:
 

Liam Gallagher 2.0

Utente bannato
Registrato
31 Agosto 2020
Messaggi
1.499
e mi hai descritto il 99% dei difensori della juve dal 1897 ad oggi :ROFLMAO:
io di matrix ricordo un sacco di cappellate.........
liverpool 2008
cagliari 2004
un fallaccio pazzesco su mccarthy del porto nel 2005
un fallo incredibile su inzaghi in un trofeo birra moretti.........
non so mi dava sempre un senso di insicurezza