Anni fa, alcuni di voi, almeno i più datati, ricorderanno il programma “Indietro tutta” di Renzo Arbore. Il programma era un susseguirsi di gag che avevano come unico scopo il prendere in giro la tv fatta di quiz meschini e cialtronate a premi. Durante una di queste performance il buon Renzo Arbore insieme a Nino Frassica avevano creato un gioco, che vedeva al centro della scena un uomo con una parrucca da scienziato pazzo intento nel pensare a qualcosa. Li partivano le finte chiamate di pseudo telespettatori che dovevano indovinare che cosa stava pensando l’uom pensante.

Ieri sera, si è vista l’ennesima partita alla Mazzarri. Fatta di scontatissimi e prevedibilissimi 3-5-2 e di cambi all’ultimo secondo per cercare di scardinare le ordinate difese avversarie, difese che in altri campi hanno magari resistito poche decine di minuti mentre al San Siro sembrano forti inespugnabili.

Inter Udinese così come le altre precedenti partite casalinghe hanno visto in scena la riedizione di quel famoso gioco. Solo che al posto dello smilzo e scapigliato scenziato c’era il rubicondo Mazzarri, con le sue espressioni imbabolate, le sue reazioni scomposte, i suoi continui tormenti alla bottiglina di plastica.

Le sue mimiche facciali e ancor di più le sue scelte hanno maturato in me, ma credo anche in alcuni di voi alcune riposte al dilemma: che sta pensando Mazzarri?
“Mi devo ricordare di cambiare la sabbia al gatto”“Come si aprirà questa dannata bottiglia, non posso chiedere anche questo a Frustalupi”“Accidenti è acqua naturale ma forse se la faccio rimbalzare a terra e la riprendo al volo mi diventa un po’ frizzante”..”Toh, va che roba Frusta, riesco prenderla con i denti e senza mani!

Non si sa se questi siano stati i reali pensieri e purtroppo non c’è nemmeno nessun Arbore o Frassica in veste di “bravo presentatore” a dare una risposta, ma sicuramente e di questo credo ne siamo tutti certi, che quello che ha portato all’ennesima scelta di giocare sempre, il solito, immobile, piatto, monotono e prevedibilissimo 3-5-2, non sia stato un colpo di genio, ma la sua scarsissima strategia nel sorprendere l’avversario e che si manifesta nei suoi effetti dannosi soprattutto nelle partite casalinghe, dove le squadre avversarie, come si fa da quando esiste il calcio, tendono a chiudersi ed a ripartire in contropiede.

Ieri sera in tribuna c’era ancora lui, Thohir, che da quando è all’Inter ha dato prova di pragramtismo e decisionismo. Si spera con tutto il cuore che questo sottospecie di mister di provincia non sieda mai più sulla panchina dell’Inter anche perchè a questo punto non si riesce nemmeno a dare un senso ad un suo possibile rinnovo, almeno che non si tratti di creare per il prossimo anno una seconda riedizione del suddetto quiz a premi.

Oggi voglio prendere in considerazione le parole di Colantuono: “Non capisco perchè uno come Mazzarri allena l’Inter e io l’Atalanta..“, e no caro Stefanino, non mettiamo troppa carne al fuoco, indovina prima il nostro di quiz e poi vediamo che risposte dare al tuo.

 

 

 

 

 

Interfans.org è la community dei tifosi dell'Inter. Ogni giorno centinaia di neroazzurri si incontrato sul nostro forum e si informano sulle notizie neroazzurre