(Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

Nonostante manchino ancora due giornate alla fine del campionato e l’Inter non abbia ancora ottenuto la certezza della qualificazione in Champions League, le voci riguardanti possibili futuri trasferimenti cominciano già a moltiplicarsi. In questa sorta di pre-mercato mediatico, alcuni nomi si stanno facendo strada con insistenza sempre maggiore, dopo essere stati comunque chiacchierati per mesi sia in ottica cessioni che in ottica acquisti. Ci concentreremo su quattro di questi: Icardi e Perisic, dopo essere stati al centro di diverse polemiche durante la stagione, sono grandi indiziati su fronte partenze, mentre Barella e Chiesa, giovani talenti considerati da molti il futuro della nazionale, potrebbero rientrare tra gli obiettivi estivi dell’Inter.

La questione Icardi

La questione legata al probabile addio di Mauro Icardi potrebbe rilevarsi la più complessa e difficile da risolvere in sede di mercato. Ad oggi, l’unica squadra che sembra aver mosso passo concreti per acquistare l’ex capitano è la Juventus. Secondo alcuni i bianconeri avrebbero già raggiunto un accordo con il giocatore, offrendogli 9 milioni all’anno. Anche per il giocatore dovrebbe trattarsi di una meta gradita, in quanto forse l’unica che permetterebbe alla moglie ed agente di non allontanarsi da Milano, dove sta costruendo una nuova carriera televisiva. Nel frattempo, l’impressione è che l’inter sia determinata a sbarazzarsi dell’argentino, il cui rapporto con il club è stato compromesso definitivamente dal caso esploso lo scorso febbraio. Anche il probabile neo-allenatore Conte pare essere d’accordo. In ogni caso, Marotta non intende svendere Icardi, e probabilmente preferirebbe venderlo all’estero.

Paratici, invece, vorrebbe fare leva proprio su questa intenzione del club nerazzurro di vendere Icardi e sulla volontà del giocatore di rifiutare altre destinazioni per strappare un prezzo di favore. Si tratta di un ricatto che complica la vita all’Inter, ma anche per Icardi è un rischio: evidentemente è convinto che l’inter non sia pronta a trattenerlo a fronte di offerte insoddisfacenti, ed eventualmente relegarlo in tribuna se rifiutasse un’offerta di rinnovo finale. Effettivamente si tratta di uno scenario improbabile, eppure il precedente di Ramires allo Jiangsu Suning fa riflettere. Resta il fatto che la soluzione migliore sarebbe una grossa offerta per Icardi proveniente dall’estero, e in particolare da una destinazione apprezzata dal giocatore, o perlomeno verso la quale può essere convinto a dirigersi.

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Il possibile dietrofront di Perisic

È dalla fine del mercato invernale che l’entourage di Perisic lavora per trovargli una destinazione in Premier League. Ingrediente fondamentale perché il colpo riesca, mancante appunto a gennaio, è un’offerta soddisfacente per il cartellino: si parla di almeno 35 milioni. Negli ultimi giorni, sembra aver ripreso quota la possibilità di una permanenza del croato, principalmente per due motivi. Primo, gira voce che i suoi agenti non siano riusciti a convincere il mercato inglese a investire una cifra sufficiente per Perisic, e che dunque in trasferimento potrebbe rivelarsi un buco nell’acqua come in inverno.

Secondo, l’arrivo di Conte: le notizie riguardanti il probabile avvicendamento in panchina potrebbero aver fatto cambiare idea al giocatore, non più così convinto di voler lasciare l’Inter. Effettivamente, in un ipotetico 3-5-2 contiano, Perisic potrebbe posizionarsi come esterno sinistro di centrocampo, un ruolo al quale potrebbe adattarsi bene grazie alla sua stamina, che gli permette di combinare pericolosità offensiva e contributo difensivo. Inoltre, gli verrebbe richiesto meno di saltare l’uomo partendo da posizioni statiche, attività in cui fatica visto il declino della sua velocità nel breve.

SEGUI IL NOSTRO PROFILO INSTAGRAM

Finalmente Barella?

Il nome di Nicolò Barella viene accostato all’Inter da più di un anno, ma quest’estate potrebbe essere il momento giusto per chiudere finalmente il discorso. Quest’inverno il giocatore era sembrato vicino al Chelsea, e in generale diversi club esteri stanno tenendo d’occhio il giovane centrocampista. Il vantaggio dell’Inter, però, sembra essere proprio la preferenza del giocatore: Barella ha detto di venire da una famiglia interista, e ha parlato di Stankovic (recentemente indetto nella Inter Hall of Fame) come di un suo idolo.

L’ostacolo, piuttosto, sono state le alte richieste del Cagliari, intorno ai 50 milioni. Grazie all’apprezzamento del giocatore, però, si potrebbe convincere Giulini ad abbassare le pretese o perlomeno ad accettare delle contropartite tecniche oltre a una parte cash più ridotta. L’accordo sembra ormai vicino, ma meglio predicare calma, visto che si è già parlato in questi termini della trattativa in passato. C’è da dire che la concorrenza nel Napoli, perlomeno, sembra essere superata, come dichiarato più di una volta da Ancelotti.

Derby Inter-Juve per Chiesa?

Anche Federico Chiesa è ormai accostato costantemente a varie big italiane da più di un anno, ma a differenza di Barella, secondo i rumours non è stata l’Inter a puntare sul acquisto con maggiore decisione. Da mesi le voci sull’approdo di Chiesa alla Juventus si sono rinforzate: il figlio d’arte sembra essere l’obiettivo numero uno, almeno per il mercato interno, dei bianconeri per quest’estate. Anche in questo caso le pretese della Fiorentina sono altissime, eppure alcune testate giornalistiche, negli ultimi giorni, hanno cominciato a scrivere di  un tentativo di Marotta di sfidare la Juventus per portare Chiesa all’Inter.

Sempre meglio stare attenti, però quando si legge di sfide di mercato tra grandi squadre italiane: si tratta di narrative molto amate dai media in quanto capaci di aizzare l’entusiasmo e la rabbia dei tifosi, e dunque l’interesse nella notizia.

COMMENTA SUL FORUM

 

----