L’Inter riesce a ripetersi, e dopo la brutta sconfitta interna con l’Hapoel, ci ricasca in quel di Praga. Che, se vogliamo, è ancora più disastroso di quello israeliano, proprio perché c’era un fresco precedente. Piccolo memorandum per inquadrare il fallimento: lo Sparta Praga è quarto in classifica, a 5 punti dalla prima che si chiama Zlin, pensa tu. Ha venduto alcuni dei suoi pezzi migliori, tipo Krejci al Bologna e Schick alla Samp. Aveva il gioiello Rosicki in infermeria. E ha appena cambiato l’allenatore dopo la sconfitta nel derby con la Slavia. Beh, un bocconcino facile, no? Invece è stata l’Inter il bocconcino tenero tenero dello Sparta, quasi fosse una squadretta di qualche campionato periferico. E’ stata surclassata e ha regalato due gol che nemmeno i dilettanti.

(Gazzetta dello Sport)

----
FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it