Dopo la sosta per le nazionali saranno 20 giorni molto caldi in casa Inter, sia sul fronte campionato che su quello dell’Europa League. I nerazzurri, infatti, saranno attesi da 7 gare fondamentali per il futuro della stagione. Il calendario di serie A, offre 5 incontri tutto sommato abbordabili, o meglio nessun vero scontro diretto e sequenza tra gare in casa e in trasferta favorevole. In Europa, invece, c’è da rimettersi in carreggiata. E il doppio confronto con il Southampton è da dentro o fuori. De Boer e i suoi uomini aspettano gli inglesi a San Siro il 20 ottobre, per poi volare nel Regno Unito il 3 novembre. Servono minimo 4 punti (ai quali aggiungere altre 2 vittorie nelle sfide rimanenti), altrimenti le possibilità di superare il girone si azzererebbero o quasi. Il Southampton, sulla carta, è l’avversario più ostico, ma, dopo la doppia disfatta con Hapoel Be’er Sheva e Sparta Praga, l’Inter si è messa con le spalle al muro da sola. Ovviamente, il turn-over sarà ridotto visto che finora le rotazioni adottate dal tecnico olandese hanno prodotto solo effetti negativi.

(Corriere dello Sport)

FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it