La Curva Nord dell’Inter, con un comunicato fermo e deciso, chiude, per il momentom la questione Icardi: “Per noi, come per chiunque altro (speriamo), il capitano dell’Internazionale dovrebbe essere un Simbolo. Esperienza, Carisma, Umiltà, Serietà e Intelligenza. Picchi – Facchetti – Mazzola – Bergomi – Zanetti… Praticamente l’antitesi di Icardi. Ora il capitolo è chiuso. Non ne vogliamo più parlare. Non è il nostro capitano. Né ora né mai. La Curva farà la Curva. Come ha sempre fatto. Già a partire dalla partita di Europa League di giovedì”. Tradotto: nessuna contestazione. Indifferenza per Icardi (i cori personalizzati peraltro sono stati banditi dal 2010), ma massimo sostegno alla squadra. Come successo già domenica. Perché questo caos è arrivato in un momento delicatissimo della stagione. Col Southampton c’è in ballo il futuro europeo (in caso di k.o., le probabilità di qualificazione sarebbero vicine allo zero), ma poi in tre giorni arriveranno le sfide due tra le squadre più in forma del campionato. Atalanta e Torino sono in condizione, compatte e con le idee chiare. Tutto ciò che i nerazzurri non hanno mostrato col Cagliari.

(Gazzetta dello Sport)

----
FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it