TORINO – Nel posticipo dell’Epifania l’Inter di Mancini si mostra nuovamente a due facce: imbarazzante, a tratti ridicola quella mostrata nel primo tempo; cinica e feroce quella della ripresa. Ne è venuta fuori una gran bella partita, e ragazzi – diciamocelo – se Icardi avesse infilato il gol del vantaggio, sarebbe stato uno di quegli eventi che si continuano a raccontare dopo anni. C’è voluto il solito super Handanovic a tenere a galla la baracca, specialmente nel primo tempo. La difesa è andata come al solito, cioè piuttosto male; Ranocchia, in particolare, è apparso palesemente in confusione. Per il resto, il solito dubbio: sicuri che Kovacic debba giocare così a ridosso della mediana avversaria?

HANDANOVIC 6,5 (il migliore) – Due grandissime parate nel primo tempo, una su Vidal e una – sensazionale – su Pogba. Si ripete nella ripresa sventando una punizione velenosa di Pirlo. Se l’Inter esce dallo Juventus Stadium con un punto il merito è soprattutto suo.

CAMPAGNARO 5,5 – Ringhia e sputacchia saliva nel tentativo di difendere la fascia dagli assalti bianconeri. Soffre molto la fisicità di Pogba, e in avanti non è certo tra i più propositivi.

RANOCCHIA 4 – Se il suo stato di forma psicofisico è questo non può giocare. Sbaglia di tutto: contrasti, passaggi, appoggi, interventi in chiusura. Sempre fuori tempo, sempre fuori posizione.

JUAN JESUS 4,5 – Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni brillanti. Quasi mai puntuale in chiusura, si vede costretto ad usare le maniere forti, spesso sconfinando nell’illegalità. Rischia di causare due rigori.

D’AMBROSIO 6 – Il migliore della retroguardia, sia nel primo tempo, quando è l’unico a proporsi con una certa continuità, sia nella ripresa, quando guida la carica che porta l’Inter a sfiorare il successo.

GUARIN 6 – Imbarazzante e irritante nel primo tempo, nella ripresa diventa un prezioso gladiatore a fianco di Medel. Lotta, combatte, usa finalmente il fisico in modo adeguato, e inventa qualche traccia verticale che fa salire la bile al pensiero di quello che potrebbe fare con un minimo di testa.

MEDEL 5,5 – Anche lui va nel panico nel primo tempo. Viene beffato dal tacco di Vidal in occasione del gol juventino che complica la serata nerazzurra.

KUZMANOVIC 5,5 – E’ l’unico centrocampista che nel primo tempo prova – con scarsi risultati – a dare un po’ di ordine alla manovra. Tatticamente è il più saggio dei tre. Utile. (dal 9’st PODOLSKI 6 – Buona la prima del Principe in nerazzurro. Sulla sinistra crea una bella catena offensiva con D’Ambrosio che schiaccia Lichsteiner e Vidal. Peccato per l’assist un po’ lungo a Icardi…)

KOVACIC 4 – Fermo restando che la prestazione sarebbe comunque insufficiente, non si può lasciare la squadra in 10 nel momento più delicato della partita. L’intervento è brutto e la maturità è tutta da scoprire.

HERNANES 6 – Buona partita del Profeta che quanto meno fa vedere scampoli di tecnica tra i nerazzurri. Nella ripresa cresce e diventa una costante spina nel fianco della difesa juventina (dal 40’st OSVALDO 3 – Icardi poteva passargli il pallone? Certo, e non solo poteva, ma doveva. La reazione, tuttavia, non è condivisibile. Neanche i ragazzini all’oratorio fanno piazzate del genere, figurarsi un “professionista”. Manda a quel paese anche l’allenatore. Da censurare assolutamente.)

ICARDI 6 – Per una sessantina di minuti non la vede nemmeno, poi alla prima occasione sfodera un movimento da grande punta e con una carezza gonfia la rete dello Juventus Stadium. Per un centravanti basta questo. Sfiora due volte il raddoppio, ma se avesse mandato in porta Osvaldo invece di intestardirsi, forse sarebbe l’eroe della serata (dal 44’st M’VILA s.v.)

All. MANCINI 6 – Con l’ingresso di Podolski rivolta la partita come un calzino e nel finale avrebbe anche ordinato la carica, se Kovacic non avesse deciso di andare in doccia prima del tempo. La mentalità è finalmente quella giusta.

Interfans.org è la community dei tifosi dell'Inter. Ogni giorno centinaia di neroazzurri si incontrato sul nostro forum e si informano sulle notizie neroazzurre