Handanovic 6,5:  Miracoloso nella ripresa su una splendida conclusione al volo di Bianchi, quasi riesce anche ad ipnotizzare Konè nell’occasione del vantaggio del Bologna.

Rolando 6,5:  Ottima prestazione del gigante portoghese, che se la cava egregiamente contro due clienti ostici come Diamanti e Konè, e non soffre troppo i duelli di fisico con Cristaldo prima e Bianchi poi. Solo un super Curci gli nega il gol allo scadere.

Juan Jesus 6:  Colpevole insieme al resto della difesa sul gol di Konè, non corre rischi e si limita ad una partita da sufficienza piena. Peccato per la traversa colpita all’ultimo secondo della ripresa.

Campagnaro 6: C’è ancora qualche ruggine da smaltire, e le maggiori responsabilità per la troppa libertà concessa a Konè in occasione del gol sono sue, ma il suo è un recupero importantissimo, e si vede quando ritrova le giuste misure e coordina alla perfezione il reparto arretrato. Bentornato!

Jonathan 6,5: Partita dai due volti del laterale brasiliano: primo tempo troppo molle, con quasi nessuna iniziativa degna di nota, e secondo tempo da protagonista, con il gol (propiziato da un tocco di Sorensen) e con molteplici iniziative personali che per poco non portano l’Inter in vantaggio.

Taider 4,5: Prende un giallo evitabilissimo al 2°minuto del primo tempo, e al 10° rischia già di concludere la sua gara per doppia ammonizione. Troppo timido ed impreciso, si divora anche un gol incredibile prima di venire giustamente sostituito nella ripresa.

Cambiasso 6: Ordinaria amministrazione per il Cuchu, he soffre all’inizio le iniziative di Diamanti e Konè, ma riesce nella ripresa a gestire una miriade di palloni a centrocampo, sfiorando anche più volte il gol.

Guarin 6: Maledice la sfortuna per la traversa scheggiata a fine primo tempo, unica nota positiva della sua prima frazione di gioco. Nella ripresa cresce a sfodera tutto il suo repertorio di classe e potenza, senza però rinunciare a quel pizzico di egoismo che lo rende croce e delizia di questa Inter.

Nagatomo 5,5: Poco più di 20 minuti giocati, prima che il polpaccio lo costringa ad abbandonare il campo, e la sensazione che forse non fosse al top neanche prima della partita, viste le pochissime occasioni create dall’Inter sulla sinistra con lui in campo.

Alvarez 6: Partita quasi fotocopia di quella di Guarin. Ricky alterna numeri d’alta scuola a pause inspiegabili, e non mostra quella cattiveria e quella grinta che l’hanno contraddistinto in questo inizio di stagione. Crea comunque non pochi grattacapi alla retroguardia emiliana, che non lo prende quasi mai quando decide di partire.

Palacio 5: Partita stranamente imprecisa del Trenza, che fallisce al 14° una ghiottissima occasione a tu per tu con Curci. Ci prova qualche minuto dopo con un’inzuccata delle sue, spedendo però il pallone a lato. Ci può stare, comunque, una serata no anche per lui.

A. Pereira 5:  Entra al posto di Nagatomo dopo 20 minuti e crea sicuramente molte più occasioni del giapponese sulla fascia sinistra, senza tuttavia concretizzare nulla. I cross dalla sua corsia sono pura utopia.

Kovacic 6: Entra al posto di un deprimente Taider, e quantomeno mette ordine in cabina di regia, tentando più volte di mandare in porta i compagni.

Belfodil s.v.

Mazzarri 5,5: Ostinarsi nello schierare Taider, quando contro un modestissimo Bologna si poteva e si doveva osare qualcosa in più (magari inserendo Kovacic dall’inizio), è una delle sue maggiori colpe. Si sarà fatto sentire nella ripresa, visto che l’Inter entra in campo con tutto un altro piglio.

 

 

 

Interfans.org è la community dei tifosi dell'Inter. Ogni giorno centinaia di neroazzurri si incontrato sul nostro forum e si informano sulle notizie neroazzurre