Oggi, Alvaro Recoba dà l’addio al calcio giocato. El Chino è stato un grande campione ma mai un fuoriclasse, come avrebbe potuto essere con il sinistro prodigioso di cui era dotato. Anche la Serie A lo omaggia, con le parole dello stesso Recoba: “Nei miei anni in Italia non sono mai riuscito ad esprimermi ad alti livelli e la colpa è soltanto mia. Forse il fatto di aver avuto un po’ di talento innato mi ha giocato contro, mi sono accontentato. Mi allenavo poco e ho fatto pochi sacrifici per arrivare dove sono arrivato.

Forse per questo non apprezzavo tutto quello che avevo. Se tornassi indietro, con la testa di adesso, sarebbe tutto diverso, perché ho capito che il talento non basta. Parlo per tutti i ragazzi che vogliono intraprendere il fantastico sogno di diventare calciatori. Non risparmiatevi mai, cercate sempre di migliorarvi. Lo sport è passione e sacrificio. Io l’ho capito solo a 40 anni. A volte ci ripenso e mi dispero perché ho tanti rimpianti. Oggi darei la mia vita per tornare ragazzo e dimostrare a tutti quello che avrei veramente potuto fare con il mio sinistro”.

----
FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it