Potrebbe essere l’ennesima estate calda, in casa Inter, per quanto concerne il mercato. Nella malaugurata ipotesi in cui i nerazzurri non dovessero arrivare terzi, Ausilio dovrebbe far fronte ai mal di pancia di chi per un’altra stagione sarà costretto a guardare la Champions dalla televisione. Campioni come Miranda, Icardi e Handanovic hanno la fila di pretendenti e le coccole (come consegnare la fascia di capitano al brasiliano nella sfida dell’Olimpico) potrebbero non bastare per convincerli a restare. Anche perché dall’altra parte del fiume ci sono club come il Manchester United e il Bayern Monaco (per Miranda), l’Atletico Madrid e il solito United (per Icardi) e i due Manchester per Handanovic. Tutte società dai fatturati extralarge che non farebbero fatica ad assecondare i desiderata dell’Inter come prova la trattativa lampo che ha portato Mateo Kovacic al Real Madrid un estate fa. Non va inoltre dimenticato come tra gli altri effetti collaterali del mancato ingresso in Champions ci sarà l’obbligo di non riscattare Ljajic e Telles (operazioni da 19,5 milioni complessivi) e di trovare con il City una “exit strategy” per non dover riscattare Jovetic con altri 14,5 milioni già previsti per il costo del cartellino dai patti presi a suo tempo. Pronto dunque il piano B che non è soltanto legato al rispetto degli impegni presi in sede Uefa con il financial fair play.

(Tuttosport)

----
FcInter1908.it è il sito di notizie sull'Inter. Collegati per rimanere informato sul mondo neroazzurro. Clicca per visitare fcinter1908.it