Ma cosa vogliamo dire a questa squadra nella partita di Champions contro il Marsiglia?
Quali colpe possiamo ascrivere a questi ragazzi dopo che li abbiamo visti sputare tutto in campo?

Solo grazie.
Stasera davvero non mi sento di criticare loro o l’allenatore, √® passata la squadra che non meritava, che nelle due partite ha dimostrato solo una grande slealt√† ed una grande paura.
La slealt√† che porta i ragazzi di Deschamps a mettere in scena una tragedia greca ridicola, con l’arbitro che abbocca ad ogni simulazione perdendo tempo in modo francamente indecoroso.
La paura di una squadra pi√Ļ che mediocre che passa il turno, che rischia due volte in maniera clamorosa va sotto, che gioca sporco e duro ed alla fine trova un gol casuale e fortunoso.

Questo significa due cose, che l’Inter non √® poi cos√¨ forte come i nomi in campo a volte suggerirebbero e sopratutto se una squadra tanto mediocre la elimina dalla Champions ed anche che questo √® l’ennesimo segnale di una stagione di svolta, non si pu√≤ andare pi√Ļ avanti, siamo fuori da tutto e quindi come si dice ‚Äúle chiacchiere stanno a zero‚ÄĚ, i numeri parlano chiaro e sono impietosi.
Chi di dovere avrà già cominciato da tanto tempo a progettare la squadra del futuro, il tecnico del futuro e gli investimenti che costruiranno questo futuro, ma al momento non voglio parlare di questo.

Voglio solo dare atto a questo gruppo, lento, incerottato e storico di aver ritrovato lo spirito che gli si chiedeva. Dopo 7 stagioni questa squadra chiuder√† la stagione senza trofei ma almeno l’uscita di scena √® stata coraggiosa, ricca di impegno e di tutto quello che si poteva avere.

Sono le energie che hanno tradito questa squadra in questa stagione e nel confronto con il Marsiglia lo si √® visto in modo impietoso, fisicamente i francesi battevano i nerazzurri su due piani diversi, di peso, visto che fisicamente il confronto con i marcantoni del centrocampo era impari ed anche atleticamente e cio√® sulla velocit√†, i francesi correvano il doppio, l’Inter li ha tenuti a bada con i nervi ma nel calcio non basta, purtroppo.

Nel calcio poi la SFORTUNA è un brutto alibi, ma in questo caso non si può non citarla dato che il ruolo della dea bendata in questa doppia sfida è stata determinante.
Prendere una rete al ’92 all’andata su un’azione errata ma casuale nel finale, fare una grande partita nel ritorno e prendere ancora una rete al ’92 con un rimpallo su di un lancio della disperazione, dopo che gli avversari avevano aver rischiato di prenderne tre, con due parate fortunose e casuali di Mandanda nei primi 15 minuti….se non sfortuna questa..cos’√®?

Molti tifosi nerazzurri saranno d’accordo con me quando dico che¬†questa stagione √® bene che finisca presto.
Personalmente non credo che sarebbe una buona cosa per l’Inter andare in Europa League, la Champions si, anche se 8 punti sono parecchi ma altrimenti meglio stare fuori da tutto, programmare sin da adesso e valutare i vari Guarin, Poli e compagnia per il futuro.