Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Ivan Ramiro Cordoba

Registrato
1 Luglio 2008
Messaggi
66.121
Una brutta notizia attraversa il mondo nerazzurro, questa mattina è morta la mamma di Ivan Ramiro Cordoba, la signora Marta Sepulveda. La mamma di Cordoba ha avuto un incidente domestico negli ultimi giorni ed è stata subito trasportata in ospedale dove però la situazione si è aggravata sino a portarla al decesso. Questo il comunicato dell'ospedale: «Alle 4:20 di pomeriggio e in accordo con la famiglia il centro specializzato San Vicente Fundación informa che nella serata di oggi è morta la signora Martha Matilde Sepúlveda de Córdoba”. Il giocatore ha espresso il suo cordoglio e ringraziato il personale ospedaliero e coloro che gli sono stati vicini in questi giorni.
TUTTI GLI INTERISTI TI SONO VICINO.. FORZA IVAN
 
Registrato
14 Agosto 2006
Messaggi
14.055
http://www.interfans.org/82341-cord...rande-giustizia-juve-vinse-non-sportivamente/

L’ex difensore nerazzurro Ivan Ramiro Cordoba ospite negli studi di Tiki Taka ha replicato agli attacchi di Mughini sullo scudetto del 2006 affidato dalla giustizia sportiva: “Assolutamente quello scudetto a tavolino lo sento mio perché siamo arrivati al terzo posto nel modo più onesto possibile. Per me conta solo quello che dice la giustizia. Quello scudetto è a casa mia bello e me lo tengo stretto. Quell’anno ho lottato come tutti per arrivare al terzo posto, poi è stato assegnato a noi dalla giustizia. Il problema di oggi è che si dimenticano i fatti. Tanto di cappello per questa Juve, per i giocatori che in un momento difficile hanno ribaltato la situazione che era diventata difficile. Godetevi questi 5 scudetti che vi siete meritati, e basta”.

Commento anche sulla differenza dei meriti di Conte e Allegri sulle vittorie della Juve: “Conte e Allegri? Ognuno di loro ha i propri meriti. Il primo è partito da zero costruendo, mentre il secondo ha svolto un compito non facile dopo anni che la squadra da vittorie. Allenatore dei miei sogni? Mancini, con lui mi sono trovato molto bene”.

Situazione di Totti alla Roma: “Deve giocare, fossi in Pallotta rinnoverei il suo contratto, senza dubbio”.

Leader dell’ Inter del Triplete: “Sinceramente ho difficoltà a definire un leader. Ognuno di quei 11-15 giocatori ha rappresentato tanto”.

Si parla di Thohir e di Massimo Moratti: “Con Thohir ho parlato poco. Penso che lui deve avere un interlocutore che capisca di calcio per fargli capire l’Italia. In questi due anni non so se ha avuto la persona giusta che gli poteva dare questo. Moratti sempre figura centrale? Moratti c’è sempre nell’ambiente ma si capisce che è un po’ staccato. Ovviamente lui per come è fatto non vuole fare ombra. Ogni volta che lui parla viene ascoltato, le sue parole sono di una persona saggia che conosce bene l’Inter e il tifoso, per questo poche volte si pronuncia”.

Sulla stagione di Jovetic e sulla permanenza in nerazzurro: “E’ difficile parlare se non si conosce da dentro la situazione. Se guardi tutta la stagione si deve vedere perché doveva giocare e non ha giocato, un motivo ci sarà. La sua qualità e la fantasia sono importanti però ci sono cose dietro che noi non sappiamo. Queste sono i motivi per cui non ha giocato, questa valutazione la può fare l’allenatore che sa bene se tenere o meno un giocatore”.

Sull’addio al calcio e sulla possibilità di continuare a giocare: “Se avessi potuto giocare ancora sarei rimasto in campo ma il ginocchio ha detto di no. Battaglia più dura? Da piccolo quando si viveva in situazione difficili, quando i genitori hanno difficoltà a fare la spesa. Lì ti scattano delle motivazioni enormi che di fanno fare tutto il possibile. Addio al calcio al Meazza? Si, momento commovente, molto. Non me l’aspettavo, a Zanetti dissi di pensare alla partita e al risultato, io volevo solo esserci anche in panchina. Lì invece si preparò tutto questo, lui fece fare le magliette per tutti prima del riscaldamento. Parlai con il presidente, organizzò tutto, fu un regalo bellissimo che non mi sarei mai immaginato”.

Giocatore a cui è rimasto legato: “Baggio per me è stato speciale, l’ho avuto per pochi mesi però mi ha insegnato tantissimo”.

Chiusura sulla Champions: “Chi vince? Difficile dirlo ma tifo per il Cholo. Se viene all’Inter? Spero di si…”.



:inter:
 

Dan Inter

Titolare
Registrato
27 Marzo 2012
Messaggi
4.149
Toh, han fatto uscire Mughini dal manicomio! :ghigno:

Bravo Ivan: controbattere con tale compostezza ai deliri gobbi non è cosa da poco. :giusto
 

ufo-club

Fuoriclasse
Registrato
10 Dicembre 2015
Messaggi
14.859
mi sono perso la cosa, anche perchè mi guardo bene dal guardare questo tipo di trasmissioni calcistiche ... ma finalmente, pare, qualcuno che abbia zittito quel ca220 di ignorante sedicente intellettuale da pizza de fango der camerun, che è quella vecchia baldracca di mughetto, sempre libero di dire tutte le minkiate che vuole, senza che nessuno lo mandi a stendere. bravo ramiro, del resto mai avuto dubbi su di lui.
 
Registrato
5 Aprile 2006
Messaggi
61.321
CORDOBA SU IBRAHIMOVIC -

"Litigai pesantemente con Zlatan Ibrahimovic per una questione di principio. Lo svedese, arrivato dalla Juventus dopo Calciopoli, aveva dichiarato in un’intervista a Tuttosport che all’Inter sarebbe servito un direttore sportivo come Luciano Moggi. Chiesi ad Ibra: “Hai detto questo?” E lui: “No”. In quell'occasione Zlatan mentì, perché sapevo per certo che quella frase l'aveva detta davvero: “Lo marcavo stretto, entravo duro su ogni pallone, ma non era facile mettere paura a uno come Ibrahimovic”.
“’Vuoi la palla? E allora prendila!’, mi urlò lui”.
“Non voglio la palla. Voglio te, Zlatan, perché sei un bugiardo”.
“Io sarei un bugiardo? E perché?”
“Quelle cose su Moggi: perché l’altro giorno hai negato di averle dette?”.
“Io dico quello che mi pare, Ivan, non devo rendere conto a nessuno”.
“Non devi dire che ci vorrebbe una persona come Moggi! Perché noi, qui all'Inter, Moggi non lo vogliamo”.
Non c'è mai stato un buon rapporto tra me e lui, anche se poi in campo non sembrava. Quando ci ha lasciati ci son rimasto male perché, in fondo, ci faceva vincere... Ma il calcio è questo. E' andato via per vincere la Champions, e gli auguro di farlo prima o poi. Ah, dimenticavo: tre anni dopo quel litigio, senza Moggi e senza Ibra, l’Inter vinceva il Triplete".

Ivan Ramiro Cordoba - "Combattere da uomo"
 

aebi14

Titolare
Registrato
27 Aprile 2010
Messaggi
4.502
mi sono perso la cosa, anche perchè mi guardo bene dal guardare questo tipo di trasmissioni calcistiche ... ma finalmente, pare, qualcuno che abbia zittito quel ca220 di ignorante sedicente intellettuale da pizza de fango der camerun, che è quella vecchia baldracca di mughetto, sempre libero di dire tutte le minkiate che vuole, senza che nessuno lo mandi a stendere. bravo ramiro, del resto mai avuto dubbi su di lui.

.. anch'io non ho visto niente ma sarebbe anche ora di mandare a queste trasmissioni, soprattuo queste che vanno sui canali nazionali, qualcuno preparato a livello legale o meglio ancora querelare il mughini della situazione, perché si può anche discutere della questione ed esporre il proprio parere ma parlare in continuazione di prescrizione quando non esiste e di scudetto di m.. è veramente troppo.
... comunque grande Ramiro!
 

Rascal

Capitano
Registrato
11 Ottobre 2011
Messaggi
8.608
.. anch'io non ho visto niente ma sarebbe anche ora di mandare a queste trasmissioni, soprattuo queste che vanno sui canali nazionali, qualcuno preparato a livello legale o meglio ancora querelare il mughini della situazione, perché si può anche discutere della questione ed esporre il proprio parere ma parlare in continuazione di prescrizione quando non esiste e di scudetto di m.. è veramente troppo.
... comunque grande Ramiro!

a che pro? non lo accetterebbero, altrimenti rovinerebbero l'immagine da santarelli di tutti quegli incompetenti che ci propinano obbligatoriamente in TV...