Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!

Sport Invernali

Denver

Titolare
Registrato
23 Agosto 2019
Messaggi
4.085
@Alloro, che ne pensi (non della traduzione, ovvio) ..........

Victor Baharev


L ' allenatore russo di sci Yuri Borodavko
🇷🇺
ha risposto alla dichiarazione dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA) sulla questione delle esclusioni terapeutiche tra gli sciatori norvegesi.
′′ WADA non copre nessuno, ma ha presentato un percorso su cui puoi ottenere TI. Se non conoscete i nomi degli atleti che li ricevono, potete immaginare che questi siano disabili e sottosviluppati. E quando apri i cognomi, si scopre che questi atleti sono in cima allo sport mondiale.
Qui è stressante che la WADA si sia trasformata in un sistema permettendo, non proibito. Sempre più paesi e squadre hanno queste eccezioni. E con droghe pesantissime, per le quali danno il periodo massimo di squalifica.
I norvegesi e altri paesi stanno facendo tutto nel modo giusto per decorare tutto attraverso TI. È impossibile farlo in Russia. Se si guardano le segnalazioni, nel nostro paese ci sono meno eccezioni che in altri paesi. Come ci dicono, questa scappatoia è legale per ottenere farmaci proibiti. RUSADA lo capisce. L ' ADA norvegese li dà con facilità.
Perché dovremmo usare questa scappatoia? Non capisco. Quando il 100 % degli atleti in altre squadre, soprattutto norvegesi, soffre della stessa malattia, non è sospettoso? Tutti questi fatti ci sono. Questo è il chiaro lavoro dei team manager che non possono essere scavati perché nascondono un segreto medico.
Ecco perché dico che la WADA si è trasformata in un sistema permesso. A qualcuno è permesso usare legalmente il doping, e a qualcuno è proibito. Il Comitato Medico FIS non considera nemmeno tutte queste TI, prendendole al cento per cento.
Devi combatterlo, sollevare queste domande. A causa del silenzio assenso, questi dirigenti continuano il loro lavoro. Questo non è un problema degli atleti in sé, ma dei dirigenti. Stanno cercando di fornire preferenze e alibi. E tutto sistemato con la firma di WADA.
Tutto questo muove solo la sete di medaglie d'oro e vittorie. Avidità e vittoria a tutti i costi. E WADA chiude gli occhi su questo e si è trasformata in un'azienda commerciale. Hanno già i loro interessi ", ha detto Borodavko.
 
Registrato
20 Maggio 2011
Messaggi
26.047

come prevedibile..... e come sarà altrettanto prevedibile la Vhlova l'anno prossimo le coppe le guarderà nelle mani di altre sciatrici!

Non sarebbero state in ogni caso l’obiettivo primario
Detto da mesi che vuole fare il pieno alle Olimpiadi
 

piotor

Stella
Moderatore
Registrato
15 Agosto 2010
Messaggi
16.132
Sport poco seguito, ma che vale la pena citare.

L'Italia da anni domina nello sci alpinismo, in particolare grazie al contingente Valtellinese.

Anche quest'anno la Coppa del Mondo va a Robert Antonioli, al terzo trionfo consecutivo.

Buone notizie anche nei giovani, dato che i campioni U23 (maschile e femminile) sono entrambi Italiani (e sempre Valtellinesi).

La cosa piu' strana e' che buona parte di questi atleti viene da un piccolissimo paese sulle Alpi Orobie, Albosaggia, che per qualche motivo e' diventato un centro di assoluto livello nella disciplina.
 

Denver

Titolare
Registrato
23 Agosto 2019
Messaggi
4.085
Effettivamente, per esempio, una 50 km in massa è una gara inutile, tanto si sa benissimo che per 45 km i fondisti andranno a spasso...... Del resto fa fede il numero e l'importanza degli sponsor: nel fondo sono limitati, nel biathlon ci sta la fila di quelli che vorrebbero sponsorizzare qualche cosa.....
 

Denver

Titolare
Registrato
23 Agosto 2019
Messaggi
4.085
 

Denver

Titolare
Registrato
23 Agosto 2019
Messaggi
4.085