• Benvenuto su Interfans.org

    Il forum dei tifosi dell'Inter, registrati per discutere con centinaia di cuori neroazzurri
    Stai navigando nella nostra community come Ospite.

    Avere un account su Interfans.org ti permetterà di creare e partecipare alle discussioni, mandare messaggi privati agli altri utenti, partecipare ai nostri quiz e giochi e di utilizzare tutte le funzioni di questo sito.
    Condividi anche tu la tua passione per Interfans.org

    Registrarsi è gratis!

La nazionale di Mancini

kallegoal

Leggenda
62.550
2.776
83
quindi la roma ha perso un bel gruzzolo, adesso non lo vendono più

godo alla faccia di quelli che continuavano a rompere i cogli.oni
 

Tuettili

Capitano
9.470
6.529
77
non l' ho vista per motivi anagrafici ma ho sempre sentito parlare dell' Italia '78 come una nazionale giovane che giocava un calcio molto divertente (quindi in controtendenza con la storia), nata dalle cenere di un disastro mondiale
Questa è il corrispettivo per cui vinceremo il mondiale tra 4 anni , è scritto
Ti confermo che la Nazionale del '78 era splendida e giocava benissimo, aveva anche un tasso tecnico notevolissimo e da un certo punto di vista avrebbe meritato di vincere il Mondiale quanto o forse addirittura di più di quella dell'82, che in fondo era solo una sua versione "aggiornata". Solo il fatto di aver battuto l'Argentina in casa sua e con pieno merito spiega molte cose.
E' vero che dopo il disastro (per molti inaspettato) del '74 era semplice fare di meglio, ma è anche vero che a quei tempi una squadra Italiana che giocasse in modo moderno e "Europeo", cioè propositiva e non solo difesa-e-contropiede era qualcosa di inimmaginabile. Quando si parla di allenatori sottovalutati, Bearzot è certamente il primo della lista - se non avesse vinto il Mondiale sarebbe a malapena ricordato ma quello che lui ha costruito è stato qualcosa di impressionante e lo metto sullo stesso piano di un Weisz, un Michels, ecc. Basta solo menzionare il fatto che portò e fece giocare ai Mondiali dei ragazzini che a malapena avevano esordito in Serie A (Rossi e Cabrini) o addirittura non lo avevano fatto per niente (Bergomi). La Nazionale dell'82 vinse il Mondiale in crescendo ma dopo un girone di qualificazione semplicemente orrendo e grazie soprattutto allo scivolone dle portiere del Camerun sul goal/qualificazione di Graziani, al contrario quella del '78 giocò benissimo fin dal principio e fu eliminata da due (stranissimi) goals da lontano dell'Olanda, che si confermò vice-campione.

La storia di Mancini come mister è strana: zero gavetta, non aveva ancora finito di togliere le scarpette che già era assitente di Erikson, poi subito allenatore in prima ed in una buona squadra di serie A, poi subito Inter. All'inizio la mancanza di esperienza si fece sentire (l'anno della squadra "malata di pareggite" aveva a disposizione una rosa competitiva che avrebbe potuto e dovuto fare di più), poi proprio quando ormai aveva stancato MM e stava per essere esonerato ebbe il c..o di Calciopoli, molti pensarono infatti che era un allenatore più che altro fortunato. Ma quello che ha fatto in seguito, al Galatasary come al City, ha dimostrato il suo vero valore e quello che sta facendo oggi è a dir poco miracoloso, visto che di grandi giocatori non ne abbiamo poi molti.
 

IlGiardiniere

Gobbuster
Moderatore
88.839
66.478
106
Ti confermo che la Nazionale del '78 era splendida e giocava benissimo, aveva anche un tasso tecnico notevolissimo e da un certo punto di vista avrebbe meritato di vincere il Mondiale quanto o forse addirittura di più di quella dell'82, che in fondo era solo una sua versione "aggiornata". Solo il fatto di aver battuto l'Argentina in casa sua e con pieno merito spiega molte cose.
E' vero che dopo il disastro (per molti inaspettato) del '74 era semplice fare di meglio, ma è anche vero che a quei tempi una squadra Italiana che giocasse in modo moderno e "Europeo", cioè propositiva e non solo difesa-e-contropiede era qualcosa di inimmaginabile. Quando si parla di allenatori sottovalutati, Bearzot è certamente il primo della lista - se non avesse vinto il Mondiale sarebbe a malapena ricordato ma quello che lui ha costruito è stato qualcosa di impressionante e lo metto sullo stesso piano di un Weisz, un Michels, ecc. Basta solo menzionare il fatto che portò e fece giocare ai Mondiali dei ragazzini che a malapena avevano esordito in Serie A (Rossi e Cabrini) o addirittura non lo avevano fatto per niente (Bergomi). La Nazionale dell'82 vinse il Mondiale in crescendo ma dopo un girone di qualificazione semplicemente orrendo e grazie soprattutto allo scivolone dle portiere del Camerun sul goal/qualificazione di Graziani, al contrario quella del '78 giocò benissimo fin dal principio e fu eliminata da due (stranissimi) goals da lontano dell'Olanda, che si confermò vice-campione.

La storia di Mancini come mister è strana: zero gavetta, non aveva ancora finito di togliere le scarpette che già era assitente di Erikson, poi subito allenatore in prima ed in una buona squadra di serie A, poi subito Inter. All'inizio la mancanza di esperienza si fece sentire (l'anno della squadra "malata di pareggite" aveva a disposizione una rosa competitiva che avrebbe potuto e dovuto fare di più), poi proprio quando ormai aveva stancato MM e stava per essere esonerato ebbe il c..o di Calciopoli, molti pensarono infatti che era un allenatore più che altro fortunato. Ma quello che ha fatto in seguito, al Galatasary come al City, ha dimostrato il suo vero valore e quello che sta facendo oggi è a dir poco miracoloso, visto che di grandi giocatori non ne abbiamo poi molti.
che con le dovute proporzioni è un altro punto in comune
perchè èra oggettivamente impossibile fare peggio dell' Italia di Ventura , che ha toccato il fondo da ogni punto di vista, e quindi chiunque arrivasse al suo posto partiva con una situazione psicologica "favorevole"... ma non era comunque scontato seminare un raccolto.
Lo dico da non estimatore di Mancini ( non l' ho mai apprezzato granchè come allenatore, ma credo che la sua dimensione sia questa, stt. ora che è un allenatore bollito per un club) ma questa comunque è una nazionale che sta raccogliendo risultati (per anni ci siamo basati anche sulle amichevoli per giudicare un lavoro ma la Uefa Nations League cambia tante cose : è calcio vero. poi ci sono le qualificazioni) giocando un calcio efficace , propositivo, e bello da vedere.
La primissima Inter di Mancini giocava un bel calcio, l' ultimissima (cioè l' interregno 2014-2016) la ricordo per una proposta di calcio mediocre e sempre più scadente.
Io me lo ricordo Mancini quandò torno all' Inter, mi sembrò sin da subito demotivato, unitosi con scarsa convinzione, quasi per fare un piacere a Moratti ma per me aveva perso il "fuoco" per fare l' allenatore di un club che è un mestiere davvero logorante .. soprattutto quando lo fai per troppi anni ... Mancini ora invece mi sembra molto gratificato da questa esperienza, è un matrimonio che voleva realizzare dopo troppi anni nei club e quando hai una componente emotiva favorevole tutto viene meglio.
Ciò detto rischia di non essere molto fortunato ora. L' infortunio di Zaniolo è una mazzata, al di là del tasso tecnico importante (è uno dei pochi che sembra anche reggere una dimensione internazionale in questa Nazionale ) è un giocatore che tatticamente si sposava bene per questa Italia di Mancini
a Roma tatticamente sono riusciti a inquadrarlo bene, non ha una tecnica tale per giocare dietro una punta (non fraintendetemi, non è che non ce l' abbia, ma non è 10) , è ideale come esterno destro unendo corsa e tecnica. Da mezz'ala invece sarebbe depotenziato. In questa Italia che giocava un calcio propositivo si esaltava bene, è una perdita importante da ogni punto di vista
 

Tuettili

Capitano
9.470
6.529
77
che con le dovute proporzioni è un altro punto in comune
perchè èra oggettivamente impossibile fare peggio dell' Italia di Ventura , che ha toccato il fondo da ogni punto di vista, e quindi chiunque arrivasse al suo posto partiva con una situazione psicologica "favorevole"... ma non era comunque scontato seminare un raccolto.
Sì ma le situazioni erano diverse.
Mi spiego: l'Italia del '74 era arrivata a giocarsi il Mondiale da imbattuta e con il record di clean sheets, pronti via e prende goal da Haiti. Ritrovarsi da essere una delle favorite ad essere eliminata è stata questione di un attimo. Tutte le certezze del calcio Italiano (intendo a livello globale) frantumate, annientate - TUTTO il calcio Italiano veniva messo in discussione, perché TUTTE le squadre Italiane giocavano in quel modo e quelle che tentavano di imitare il modello Olandese beccavano scoppole mica da ridere. A livello internazionale le nostre squadre valevano meno di zero. In questa situazione, allestire una Nazionale in grado di giocare un calcio propositivo ed al contempo ottenere risultati importati è stato qualcosa di semplicemente sensazionale, non ci sono altri aggettivi per questo.
Ventura (che comunque secondo me ha meno colpe di quelle che gli si attribuiscono, pur essendo palesemente inadatto al ruolo di CT) ha fatto schifo con una Nazionale che con Conte era andata discretamente ed all'interno della panoramica di un calcio Italiano che non era poi così depresso, avendo espresso compagini in grado di arrivare fino in fondo alle competizioni internazionali. Anche qualche squadra di club gioca un calcio propositivo ed allo stesso tempo abbastanza pratico, quindi Mancini ha trovato terreno più favorevole e la sua opera, ovviamente degnissima di rispetto, è stata meno "rivoluzionaria" rispetto a quella di Bearzot ai suoi tempi.
La cosa che i due mister hanno maggiormente in comune è quella di avere "l'occhio lungo", il saper individuare talenti trai giovani e/o tra giocatori che magari non godono di moltissima considerazione a livello generale ma poi in azzurro fanno benissimo - e di avere il coraggio di metterli dentro e dar loro fiducia.
 

AndMar

Prima squadra
856
675
47
Complessivamente mi pare una nazionale mediocre, senza fuoriclasse purtroppo, e sono ormai anni che stiamo in tale stato, dopo il canto del cigno nella vittoria mondiale del 2006 - poi delusioni su delusioni.

Però il Mancini ha fatto davvero un gran lavoro nel tentare di creare un gruppo cementato e compatto che non disdegna di impegnarsi fino ai 90', giocando un calcio collettivo con fraseggi e verticalizzazioni mai viste nei recenti anni di decadenza, tutto questo ha permesso di mascherare la mediocrità complessiva del calcio italiano.

Davvero un gran lavoro, e questa nazionale mi sta piacendo.

Ora si spera che in futuro ci sia qualche punta di peso e degli esterni più scafati.
 

fabio84bg

Esordiente
166
48
28
al netto degli infortuni, spinazzola e un gran giocatore. il migliore in italia come esterno da 3.5.2. magari se gli diamo naingollan...
 

riscatto

Titolare
3.026
573
58
Dovrebbe crescere tranquillo in under 21
beh, "crescere" nella under21 vista ieri sera mi sembra un tantinello difficile........

di solito negli scorsi decenni avevamo le under21 dove andare a pescare giovani buoni per poi inserirli nella nazionale maggiore

questa u21 invece mi sembra una desolazione unica
 

Eustachio

Titolare
3.897
2.073
63
beh, "crescere" nella under21 vista ieri sera mi sembra un tantinello difficile........

di solito negli scorsi decenni avevamo le under21 dove andare a pescare giovani buoni per poi inserirli nella nazionale maggiore

questa u21 invece mi sembra una desolazione unica
Crescere nel senso che per me è ancora un giocatore da under 21, poi si questi azzurrini sono veramente poca cosa a sto giro
 
Alto