Benvenuto!

Registrandoti, potrai mandare messaggi privati agli altri utenti e dialogare con centinaia di tifosi dell'Inter

Registrati adesso è gratis!
  • Oggi Cottarelli ospite del nostro podcast per parlare di Inter Spac
    Sei curioso di chiedergli qualcosa? Fai qui la tua domanda!

Luciano Spalletti

Fen1x

Turnover
Registrato
1 Dicembre 2020
Messaggi
1.761
In realtà Conte è allenatore da underdog, che si esalta in ambienti dove c'è da costruire/ricostruire. Il meglio lo da in queste realtà perchè è molto bravo a cavare sangue dalle rape e migliorare il parco giocatori che gli viene messo a disposizione. Spalletti è un mediocre da minimo garantito, oltre il quale non sa andare. Tra le poche cose che li accomunano, la permalosità, la scarsa attitudine a leggere le partite e fare i cambi giusti. Ma Conte è ancora giovane e su quest'ultimo aspetto può migliorare molto
che conte lavori bene sui giocatori sono d'accordo, anche se alla lunga ci si accorge che lo fa in maniera troppo funzionale ad un solo sistema di gioco.
ma a parte il primo anno alla juve conte è sempre partito da basi solide e da mercati di non poco conto.
che naturalmente lui è bravo a chiedere e poi a sfruttare bene ...

ma di miracoli, ecco, non ne vedo rispetto a quanto si fa pagare e a cosa allena.
certo, non mi aspettavo un dominio così evidente ed un progresso così netto rispetto alle difficoltà della scorsa stagione, pensavo ci sarebbe stata più competizione.
una serie di cose ha aiutato, lui ci ha messo molto della sua capacità di motivare e creare un gruppo inattaccabile.
scudetto che , con le debite proporzioni, vedo più vicino a quello di trapattoni che a quelli recenti.
 

apronus

Prima squadra
Supporter
Registrato
20 Giugno 2008
Messaggi
574
Praticamente ha sfanculato il Ciuffo bis. Beh, su quello posso anche esser d'accordo con lui. Ma solo per quello. Difatti all'epoca ero tra i pochi che sostenevano che il suo arrivo fosse un upgrade rispetto a Ciuffo. Se a quest'ultimo non dai giocatori validi serve a poco, mentre Spalletti il minimo sindacale lo raggiunge anche con gente mediocre. E l'Inter di Thohir e del ffp, sul mercato non poteva permettersi granchè
Forse al Mancini Bis , perchè il primo Mancini era un piacere vedere giocare l'Inter.
Spalletti un bravo professionista , ma a me il suo gioco non piaceva proprio e le sue conferenze stampa erano inascoltabili.
 
Registrato
17 Settembre 2011
Messaggi
12.096
che conte lavori bene sui giocatori sono d'accordo, anche se alla lunga ci si accorge che lo fa in maniera troppo funzionale ad un solo sistema di gioco.
ma a parte il primo anno alla juve conte è sempre partito da basi solide e da mercati di non poco conto.
che naturalmente lui è bravo a chiedere e poi a sfruttare bene ...

ma di miracoli, ecco, non ne vedo rispetto a quanto si fa pagare e a cosa allena.
certo, non mi aspettavo un dominio così evidente ed un progresso così netto rispetto alle difficoltà della scorsa stagione, pensavo ci sarebbe stata più competizione.
una serie di cose ha aiutato, lui ci ha messo molto della sua capacità di motivare e creare un gruppo inattaccabile.
scudetto che , con le debite proporzioni, vedo più vicino a quello di trapattoni che a quelli recenti.
Conte lo seguo da quando faceva il secondo a De Canio al Siena. Non ha mai guidato una squadra che partiva favorita. Il Bari lo prese in zona retrocessione, in corsa, e l'anno dopo lo portò in A. Il Siena da capo allenatore lo prese appena retrocesso, con la squadra smantellata, e lo riportò subito in A. La gobba la prese reduce da due settimi posti consecutivi, con una difesa che faceva acqua da tutte le parti e che lui trasformò nella BBC. La nazionale la rilevò nel momento peggiore a livello di talento e la portò a giocarsi un europeo da protagonista con i Candreva, i Giaccherini, gli Eder e i Pellè. Il Chelsea lo rilevò che era finito decimo l'anno prima, a una 30ina di punti dal Leicester, e lo portò subito a vincere la Premier. L'Inter l'ha presa reduce da due quarti posti consecutivi, con distacchi dalla gobba che negli anni precedenti erano nell'ordine dei 30 punti, e già al primo anno è arrivato a 1 punto dallo scudo e in finale di EL. Se questi non sono miracoli è solo perchè con lui si ripetono spesso e allora è più appropriato parlare di un allenatore che è un gran professionista e da valore aggiunto in qualsiasi situazione. I miracoli, per definizione, sono occasionali e non ripetibili. L'anomalia sta nel diverso rendimento delle sue squadre nelle coppe rispetto a quanto avviene nei campionati nazionali. Qualche ipotesi ho provato a farmela, ma ancora non sono del tutto convinto.
 
Registrato
17 Settembre 2011
Messaggi
12.096
Forse al Mancini Bis , perchè il primo Mancini era un piacere vedere giocare l'Inter.
Spalletti un bravo professionista , ma a me il suo gioco non piaceva proprio e le sue conferenze stampa erano inascoltabili.
Il primo Mancini aveva una rosa che poteva schierare tranquillamente due squadre alternative e non aveva neanche la gobba a dargli noia. Eppure pareggiava spesso. In Europa neanche a parlarne...il Mancio bis non aveva senso perchè non c'erano soldi per costruirgli la squadra che voleva lui e con gli scarponi non sa lavorare. Spalletti riesce a lavorare anche con i mediocri, per questo lo ritenevo più adatto all'Inter di Thohir
 

apronus

Prima squadra
Supporter
Registrato
20 Giugno 2008
Messaggi
574
Il primo Mancini aveva una rosa che poteva schierare tranquillamente due squadre alternative e non aveva neanche la gobba a dargli noia. Eppure pareggiava spesso. In Europa neanche a parlarne...il Mancio bis non aveva senso perchè non c'erano soldi per costruirgli la squadra che voleva lui e con gli scarponi non sa lavorare. Spalletti riesce a lavorare anche con i mediocri, per questo lo ritenevo più adatto all'Inter di Thohir
Ormai sono passati parecchi anni e sto diventando un pò vecchietto , ma nonostante i tanti pareggi mi rimane un ricordo di una squadra che giocava bene con il primo Mancini.
A me il gioco di Spalletti non è mai piaciuto senza entrare nel merito della rosa che aveva e le partite che con lui mi hanno emozionato rimangono veramente poche.
 
Registrato
17 Settembre 2011
Messaggi
12.096
Ormai sono passati parecchi anni e sto diventando un pò vecchietto , ma nonostante i tanti pareggi mi rimane un ricordo di una squadra che giocava bene con il primo Mancini.
A me il gioco di Spalletti non è mai piaciuto senza entrare nel merito della rosa che aveva e le partite che con lui mi hanno emozionato rimangono veramente poche.
Neanche a me piace il gioco di Spalletti, però lo trovo funzionale a raggiungere risultati minimi avendo a disposizione gente mediocre. Le squadre di Mancini giocano indubbiamente meglio ma hanno comunque bisogno di avere gli interpreti giusti. E comunque verticalizzano sempre poco, per scelta, e a me il tiki taka non ha mai emozionato. Preferisco sempre una bella ripartenza che con 3 passaggi ti porti a concludere a rete, piuttosto che 20 passaggi di fila che non portano a nulla. In nazionale mi pare si sia migliorato ma comunque gli avversari non erano granchè. Vedremo tra poche settimane se è vera gloria o si tratta di un fuoco di paglia
 

Fen1x

Turnover
Registrato
1 Dicembre 2020
Messaggi
1.761
Conte lo seguo da quando faceva il secondo a De Canio al Siena. Non ha mai guidato una squadra che partiva favorita. Il Bari lo prese in zona retrocessione, in corsa, e l'anno dopo lo portò in A. Il Siena da capo allenatore lo prese appena retrocesso, con la squadra smantellata, e lo riportò subito in A. La gobba la prese reduce da due settimi posti consecutivi, con una difesa che faceva acqua da tutte le parti e che lui trasformò nella BBC. La nazionale la rilevò nel momento peggiore a livello di talento e la portò a giocarsi un europeo da protagonista con i Candreva, i Giaccherini, gli Eder e i Pellè. Il Chelsea lo rilevò che era finito decimo l'anno prima, a una 30ina di punti dal Leicester, e lo portò subito a vincere la Premier. L'Inter l'ha presa reduce da due quarti posti consecutivi, con distacchi dalla gobba che negli anni precedenti erano nell'ordine dei 30 punti, e già al primo anno è arrivato a 1 punto dallo scudo e in finale di EL. Se questi non sono miracoli è solo perchè con lui si ripetono spesso e allora è più appropriato parlare di un allenatore che è un gran professionista e da valore aggiunto in qualsiasi situazione. I miracoli, per definizione, sono occasionali e non ripetibili. L'anomalia sta nel diverso rendimento delle sue squadre nelle coppe rispetto a quanto avviene nei campionati nazionali. Qualche ipotesi ho provato a farmela, ma ancora non sono del tutto convinto.

ha tutte le qualità che dici, ma è un allenatore che dove arriva batte cassa in maniera veemente, e per meriti acquisiti viene legittimato al 100 per 100 anche quando compie scelte pericolose, cosa che a tanti altri non accade.
ed è stato così anche al chelsea e all'inter, a prescindere dai piazzamenti pregressi (che all'inter sono dipesi dagli obiettivi dalla società).
non ricordo una squadra di conte, delle 3 big allenate, che abbia vinto da reale sfavorita.
non è nemmeno corretto costruire la tesi che conte sia l'unico protagonista dello scudetto che torna all'inter ... e antonio come al solito su questo punto ci sta sguazzando molto bene ...
poi ripeto, lo paghiamo per quello che vale e lui ha risposto.
così come è vero che noi per vincere abbiamo drammaticamente bisogno di un allenatore leader carismatico inattaccabile .. e io quando arrivò marotta dissi che era meglio chiudere il cerchio prendendo conte ...

sul fatto che sia bravo a costruire la sua squadra è vero, ma sempre sulla base solida del giocatore già predisposto, per qualità individuali importanti, a migliorare.
giocatori che solitamente si pagano tanto (il mercato 2019 - 2020 dell'inter è esemplare in tal senso).
 
Ultima modifica:
Registrato
17 Settembre 2011
Messaggi
12.096
non avrà casini da gestire.
potrà fare come fece a roma per un bel pò di stagioni.
Se il Napoli entra in Champions ci sta che DeLa si cosparga il capo di cenere e chieda a Gattuso di rimanere. Magari con un bell'assegno, Gattuso potrebbe anche soffocare il proprio orgoglio e accettare. A Napoli gli vogliono bene e questa squadra l'ha tirata su lui tra 1000 difficoltà, in primis l'assenza di Osimhen per gran parte del campionato. Insomma, non è semplice lasciarla per la Fiorentina. Potrebbe anche finire a tarallucci e vino, con buona pace del vignaiuolo
 
Registrato
26 Aprile 2016
Messaggi
24.524
Se il Napoli entra in Champions ci sta che DeLa si cosparga il capo di cenere e chieda a Gattuso di rimanere. Magari con un bell'assegno, Gattuso potrebbe anche soffocare il proprio orgoglio e accettare. A Napoli gli vogliono bene e questa squadra l'ha tirata su lui tra 1000 difficoltà, in primis l'assenza di Osimhen per gran parte del campionato. Insomma, non è semplice lasciarla per la Fiorentina. Potrebbe anche finire a tarallucci e vino, con buona pace del vignaiuolo
0%
gattuso e' un uomo, mica e' uno spalletti che gioca con le oche a spese dell'inter.
gattuso se ne va al 100% a prescindere da cosa gli chiedano/offrano.
 

Fen1x

Turnover
Registrato
1 Dicembre 2020
Messaggi
1.761
Se il Napoli entra in Champions ci sta che DeLa si cosparga il capo di cenere e chieda a Gattuso di rimanere. Magari con un bell'assegno, Gattuso potrebbe anche soffocare il proprio orgoglio e accettare. A Napoli gli vogliono bene e questa squadra l'ha tirata su lui tra 1000 difficoltà, in primis l'assenza di Osimhen per gran parte del campionato. Insomma, non è semplice lasciarla per la Fiorentina. Potrebbe anche finire a tarallucci e vino, con buona pace del vignaiuolo
apprezzo gattuso, ma tra mourinho e l'eventuale ritorno di allegri preferisco rimanga lui, che non mi pare competitivo a certi livelli.

e il napoli, al netto di qualche sfortuna, la squadra ce l'ha.
eccome.
tecnicamente, potrebbe essere la rivale n. 1.
 

JZ04

Turnover
Registrato
27 Novembre 2019
Messaggi
1.531
apprezzo gattuso, ma tra mourinho e l'eventuale ritorno di allegri preferisco rimanga lui, che non mi pare competitivo a certi livelli.

e il napoli, al netto di qualche sfortuna, la squadra ce l'ha.
eccome.
tecnicamente, potrebbe essere la rivale n. 1.

Quoto, questo Napoli con Spalletti diventa rivale n.1 per lo scudetto il prossimo anno.
 

ivanm

Titolare
Registrato
3 Luglio 2008
Messaggi
4.885
Conte lo seguo da quando faceva il secondo a De Canio al Siena. Non ha mai guidato una squadra che partiva favorita. Il Bari lo prese in zona retrocessione, in corsa, e l'anno dopo lo portò in A. Il Siena da capo allenatore lo prese appena retrocesso, con la squadra smantellata, e lo riportò subito in A. La gobba la prese reduce da due settimi posti consecutivi, con una difesa che faceva acqua da tutte le parti e che lui trasformò nella BBC. La nazionale la rilevò nel momento peggiore a livello di talento e la portò a giocarsi un europeo da protagonista con i Candreva, i Giaccherini, gli Eder e i Pellè. Il Chelsea lo rilevò che era finito decimo l'anno prima, a una 30ina di punti dal Leicester, e lo portò subito a vincere la Premier. L'Inter l'ha presa reduce da due quarti posti consecutivi, con distacchi dalla gobba che negli anni precedenti erano nell'ordine dei 30 punti, e già al primo anno è arrivato a 1 punto dallo scudo e in finale di EL. Se questi non sono miracoli è solo perchè con lui si ripetono spesso e allora è più appropriato parlare di un allenatore che è un gran professionista e da valore aggiunto in qualsiasi situazione. I miracoli, per definizione, sono occasionali e non ripetibili. L'anomalia sta nel diverso rendimento delle sue squadre nelle coppe rispetto a quanto avviene nei campionati nazionali. Qualche ipotesi ho provato a farmela, ma ancora non sono del tutto convinto.
Quale sarebbe? Sono veramente curioso perché ho letto con interesse i tuoi post e sono d’accordo su tutto quello che scrivi.